Utente 455XXX
Buonasera,
io e mia moglie abbiamo un figlio di 2 anni e mezzo che potremmo definire un bimbo socievole e affettuoso, sia con i bambini della sua età che con gli adulti; ovviamente ha i suoi momenti di capricci, di agitazione, ma credo che rientri nell'avere due anni e mezzo.
Come genitori non possiamo definirci una coppia tutta baci e carezze perchè, pur volendoci bene, per motivi di lavoro, siamo spesso a riprenderci e i momenti tranquilli sono minori di quelli di serenità e pace.

Premesso ciò, il bimbo ha frequentato un anno solo di asilo nido dove, a detta delle insegnanti, dopo i primi momenti di osservazione in cui stava un pò in disparte, si è integrato benissimo sia nel gioco che nelle attività, tranne alcune (tipo cantare tutti insieme una canzoncina facendo dei versi o ascoltando una storia) dove privilegiava un gioco individuale;

Il problema che ci preoccupa un pò è che nostro figlio, da quando è "entrato nella società", è sempre stato "timoroso" verso quei bimbi coetanei più aggressivi che gli strappavano i giocattoli di mano o che, durante un gioco, facevano partire delle botte nei suoi confronti; in altre parole se aggredito non reagisce se non in due modi: o scoppia a piagere e cerca la mamma (se nei paraggi) oppure prende e preferisce rivolgere l'interesse altrove andandosi a trovare un altro giocattolo e ignorando "l'aggressore".

Ci è capitato recentemente di verificare lo stesso atteggiamento al mare con un bimbo vicino di ombrellone che spesso non solo non gli dava tregua per prendergli i suoi giocattoli, ma che arrivava a prenderlo casualmente a botte con quello che gli capitava mentre giocavano insieme.
Ebbene, anche in questo caso anzichè reagire, piangeva o finiva per cercare un'altra cosa con cui giocare (fino a quando non si ripeteva la storia).
Tralasciamo i genitori che, purtroppo, oltre dirgli semplicemente "non si fa", si beavano per avere un figlio "maschio alpha" che addirittura se ripreso strillava come un ossesso finendo per picchiare anche i genitori stessi!

Ora, capiamo bene che i bimbi di due anni e mezzo non picchiano con malizia o intenzionalità a far male, tuttavia non nascondiamo che questa situazione è per noi frustrante poichè vorremmo un figlio un pò meno timoroso e arrendevole, però non sappiamo come e dove intervenire per cercare di fargli capire che a volte deve sapersi difendere perchè la vita non sarà per certo una passeggiata, ed è bene farsi rispettare.

A questo punto cosa possiamo fare? Questo comportamento può celare dei problemi caratteriali che si acutizzeranno con il passare degli anni? Come potremmo intervenire per fargli acquisire più forza di carattere anche se non è la sua indole? Oppure si potrebbe fare qualcos'altro?

[#1] dopo  
Dr.ssa Paola Invernizzi

20% attività
4% attualità
12% socialità
LODI (LO)
MELZO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2017
Gentile papà, lei ci scrive "noi vorremmo un figlio un po' meno timoroso e arrendevole" ma i figli sono come sono, non cambiano per accontentare le nostre aspettative o sedare le nostre preoccupazioni. I comportamenti problema hanno una definizione precisa e non sono ciò che a noi adulti/genitori non piace e vorremmo cambiare.
Se gli altri bimbi hanno comportamenti inadeguati lui cosa dovrebbe fare? Picchiare a sua volta? Mi sembra un atteggiamento assertivo quello che il suo bambino adotta distanziandosi e proseguendo la sua attività senza rinforzare la modalità inadeguata dell'altro bimbo ... (Che caso mai saranno i loro di genitori a doversi fare qualche domanda invece di bearsi del maschio alpha).
Gli unici problemi che il suo bimbo potrebbe avere saranno se sente (e i bimbi lo sentono) che la sua indole e il suo essere non sono soddisfacenti e all'altezza dei desideri di mamma e papà. Accogliete il vostro bimbo con amore gratuito e senza condizioni nel pieno rispetto del suo essere. Quando nel mondo di voi adulti si verificano contrasti date l'esempio di un comportamento misurato ed, assertivo .. e lui crescendo imparerà dagli esempi , i modelli, che ha avuto.
Un caro saluto
Dr.ssa Paola Invernizzi PhD

[#2] dopo  
Utente 455XXX

La ringrazio per il tempo che ci ha dedicato.
Buona serata.