Utente 504XXX
Salve,
mia figlia, età 2 anni e 2 mesi, è da qualche giorno che balbetta.
Premetto che è una bambina molto tranquilla e molto chiacchierona. Da qualche mese si esprime anche con frasi lunghe del tipo "hai visto che è tornata mamma". Fino a pochi giorni fa, a volte, capitava che ripeteva qualche sillaba due o tre volte prima di completare qualche parola (solitamente quelle un po' più complesse tipo dinosauro o televisione). Tuttavia da qualche giorno si blocca, sia ad inizio frase che durante la stesura della frase stessa, ripetendo più volte l'iniziale della parola. A volte, poi, rinuncia a completare la frase. La cosa che mi ha allarmata è che quando si blocca su una sillaba che ripete molte volte (anche 10) si porta la manina alla blocca coprendola (non so se lo fa per sbloccarsi o se si sente a disagio) e mi da la sensazione che percepisce quello che sta succedendo. Su questo atteggiamento mi piacerebbe avere un parere.
Nelle ultime due settimane la bimba è stato molto con i nonni per i miei impegni di lavoro ma questi periodi ci sono sempre stati e lei è sempre molto felice di stare dai nonni quindi sinceramente non so se questo potrebbe essere stato un elemento scatenante.
Termino con il dire che adora cantare e con le canzoni sembra non abbia problemi (forse perché sono frasi che conosce a memoria).

Sto seguendo il consiglio del pediatra di ignorare la cosa ma, volevo chiedervi, visto che adesso staremo un mese in vacanza, c'è qualcosa che posso fare per aiutarla a sbloccarsi (es. farle ripetere la frase che non è riuscita a dire in un momento diverso, oppure farle ripetere solo dei nomi o ancora evitare di farle domande, incentivare le letture -che già facciamo perché a lei piacciono molto i libri-...).

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Adelia Lucattini

36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2015
La bambina ha un pediatra riferimento che la conosce fin dalla nascita, è un punto di riferimento importante e costante per voi e per la bambina.

Le vacanze sono una grande e bella occasione per stare insieme, giocare, dormire insieme durante il pisolino pomeridiano, senza per questo stravolgere le abitudini familiari e della piccola.

Poiché la temperatura estiva lo consente, fovorire i giochi con la sabbia presenti anche nelle località di montagna, con l'acqua in un secchiello o bacinella, giocando insieme, sono divertenti, tranquillizzanti e piacevoli.

A settembre potrebbe essere utile una consultazione psicoanalitica della bambina con voi due genitori per valutate se vi fossero delle difficoltà emotive poiche, per quanto possa essere dettagliata la descrizione in una lettera, non permette di dare una risposta più dettagliata o approfondita.
Dr. Adelia Lucattini.
Psichiatra Psicoterapeuta.
Psicoanalista Ordinario SPI-IPA.Esperta in bambini e adolescenti.Depressione-Disturbi dell'umore.