Utente 225XXX
Salve,
al 4° mese di gravidanza, nel luglio 2010, mi è stata diagnosticata una mav fronto-temporale sx di circa 3 cm in seguito ad una crisi convulsiva di tipo generalizzzato.
Dopo il parto mi sono ricoverata per essere operata chirurgicamente, ma il radiologo è riuscito ad embolizzare il 97% della malformazione e ora faccio angiografie di controllo perchè il dottore vorrebbe che le due arterie rimaste crescessero di 1 mm per poter essere navigate ed embolizzate.
Altrimenti mi ha proposto due sedute di gamma-knife a Verona o Padova. La mav va chiusa per forza totalmente? Rimanendo di tali dimensioni cosa può accadere in futuro? Cosa mi consigliate di fare? Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Eytan Raz

36% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Si, la MAV va chiusa totalmente. Per via chirurgica, endovascolare, radioterapica (gamma knife) o con una combinazione di queste tecniche. Ma l' obiettivo deve essere la chiusura completa. Se la malformazione non è tecnicamente accessibile dal punto di vista endovascolare, il Gamma knife rappresenta una ottima soluzione non invasiva.

Se la MAV permane, permane con essa il rischio di sanguinamento.

Cordiali saluti
Dr. Eytan Raz