Utente 234XXX
Sono la mamma di una bambina di 12 mesi la quale è stata monitorata presso il reparto di Neuropsichiatria Infantile di I., dove abbiamo ricevuto indicazione per la RMN encefalo (follow-up per ipotonia neonatale).
Qui di seguito l’esito del esame di RMN encefalo eseguita su nostra figlia:
"L'esame evidenzia una riduzione della sostanza bianca profonda bilaterale, con modica dilatazione del sistema ventricolare, che si presenta di dimensioni ai limiti superiori della norma e comunque privo di segni di tensione; nelle regioni posteriori, la sostanza bianca presenta minimi esiti gliotici. Il corpo calloso è assai sottile.
Non si apprezzano significative anomalie della girazione corticale.
Si segnala la presenza di sottile cavo del setto pellucido."
Gradiremo avere un vostro parere su tale esito.
Grazie mille.
Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,

Si tratta verosimilmente di una parziale agenesia (scarso sviluppo) del corpo calloso e del setto pellucido).
Se isolata, tale agenesia è sostanzialmente asintomatica e la prognosi è relativa ad eventuali anomalie associate oppure se i ventricoli, che in questi casi spesso sono una cavità unica,quelli frontali, non siano abnormemente grandi (ventricolomegalia).
Non mi pare sia il caso della Suo bimba dove i ventricoli sarebbero di dimensioni leggermente superiori al normale,ma comunque non dilatati.

Nella maggior parte dei casi lo sviluppo psicomotorio è normale se,come detto, non si associano altre anomalie (ad esempio sindromi genetiche) .
Quindi intelligenza e funzioni superiori solitamente rientrano nella normalità, mentre si può osservare qualche difetto di linguaggio espressivo e in alcuni casi alterazioni caratteriali.

Direi quindi che non sia il caso di preoccuparsi.
Ovviamente la piccola va seguita (senza eccessi di ansia) e se dovessero insorgere,crescendo, dei sintomi tipo quelli cui accennavo prima,si potrà consultare il Neuropsichiatra Infantile per l'opportuno parere.

Con cordialità ed auguri

Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano