Utente 950XXX

Utente 95020


invia msg Gentile dr. Raz,

mi scusi, se a distanza di tempo le pongo ulteriori quesiti, ma sono per me importanti ed essenziali, in quanto i medici da me consultati non sono stati tutti della stessa opinione.

Volevo chiederle se con Ang-Rm con mezzo di contrasto, attualmente si possono vedere, con attendibilità, i vasi arteriosi e venosi cerebrali con eventuali anomalie (restringimenti, stenosi, dilatazioni, aneurismi, trombi, chiusure, angiomi). Mi riferisco ai vasi più importanti del cervello quali arterie del circolo di willis e i seni venosi-

Fino a che livello di importanza e calibro si vedono le anomalie dei vasi arteriosi e venosi, con ang-rm)?

Naturalmente credo, come lei mi ha già detto che l' angiografia tradizionale cerebrale sia più precisa, in riferimento ai vasi più piccoli del cervello.

Le ho chiesto questo per poter discriminare nel caso di una cefalea importante cronica quotidiana se trattassi di primaria o secondaria (dovuta, per esempio ad anomalie vascolari e/o liquorali, o dovuta ad ipertensione endocranica).

Nel mio caso, purtroppo una grave cefalea compressiva ed emicrania con pulsazioni ed acufeni mi tormenta da oltre venti anni e le innumerevoli TAC, RMN ed ANG-RM, sono risultate sempre normali.

Purtroppo le innumerevoli terapie esperite, non hanno migliorato in maniera significativa la sintomatologia. Il consiglio dei vari neurologi da me contattati è stato quello di rivolgersi ai centri cefalee; ma anche in questi centri non ho avuto grossi risultati.

Mi perdoni per questa ulteriore mia richiesta di consulenza, ma sono molto amareggiato e depresso per questa situazione, per una qualità di vita scadente e che, purtroppo, con la perdita di mia moglie, avvenuta 3 mesi fa si è ancora di più accentuata.
La ringrazio cordialmente.


lunedì 25 febbraio 2013


[#1] dopo  
Dr. Eytan Raz

36% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Dalle informazioni cliniche che fornisce, sembra che lei abbia un tinnito pulsante. E' stato mai oggettivato questo tinnito da un medico che la ha visitata? In caso di tinnito pulsante, nell' ospedale dove lavoro, alle volte si procede direttamente ad angiografia cerebrale per catetere dopo aver fatto RM o TC. Il motivo e' che e' l'esame con maggior sensibilita' per alcuni tipi di patologie vascolari, in particolar per l' identificazione di una fistola artero-venosa durale. Spesso angio-RM o angio-TC possono essere negative in questi casi. Bisogna tuttavia comprendere come la angiografia cerebrale sia un esame che ha un rischio, molto basso, ma di cui tenere conto. Circa 1/2000 pazienti che si sottpongono a questo esaem sviluppano un ictus e circa 1/100 sviluppa un ematoma all' inguine (da cui si inserisce il catetere per via transcutanea).
Dr. Eytan Raz

[#2] dopo  
Utente 950XXX

Egregio dr. Raz,

io ho eseguito oltre che diverse RMN e TAC, anche ANG-RM con mezzo di contrasto e pure viste in ORL, con ecocolordoppler TSA, e i medici che mi hanno visitato (neurologi, neurochirurghi, otorino) non hanno mai evidenziato questo tinnito, che effettivamente talvolta percepisco come pulsante.
La mia sintomatologia consiste in cefalea compressiva apicale, accompagnata da ronzio continuo sx, talvolta pulsante con iperacusia, è presente da circa 25 anni, (iniziato dopo trauma cranico).
Volevo chiederle in riferimento a fistola artero-venosa durale, come si forma? E' congenita dalla nascita o può svilupparsi anche naturalmente o dopo trauma cranico?
Qual' è il suo consiglio in riferimento all' esclusione di patologie vascolari e/o liquorali?

La ringrazio per le risposte e la saluto cordialmente.

[#3] dopo  
Dr. Eytan Raz

36% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Ci sono varie teorie su come si formi una fistola arterovenosa durale. Alcuni ipotizzano che si formi in seguito a un trauma. Sicuramente nella maggior parte dei casi la patologia non e' congenita. Bisogna valutare a questo punto se procedere con la angiografia. Il punto e' che non si e' riusciti in nessun modo a trovare una causa e a curare la sua cefalea, quindi forse vale la pena di fare una angiografia cerebrale. Immagino che le abbiano fatto un esame del liquor o anche quello mai?
Dr. Eytan Raz

[#4] dopo  
Utente 950XXX

Sì, è stato fatto un esame del liquor e pure una monitorizzazione della PIC prolungata per diverse ore: tutto è risultato nella norma.

La ringrazio per la sollecita risposta dr. Raz, ma purtroppo la maggior parte
dei neurologi e centri cefalee hanno riferito che gli esami esperiti sono più
che sufficienti e non è il caso di fare un' angiografia digitalizzata, anche in considerazione del rischio, seppur minimo.

Un neurologo di un centro cefalee, da me consultato ha detto che la mia
potrebbe essere una cefalea cronica quotidiana ed emicrania trasformata,
dovuta anche all' eccesso di cure eseguite. Mi ha detto che è possibile fare un tentativo per procedere a detossificazione e poi ripartire con una terapia
preventiva e una di attacco, secondo criteri più innovativi.

Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Utente 950XXX

Gentile dr. Raz e pure dr. Ferraloro (neurologia)

faccio seguito alla mia precedente, per chiedere il Vs. parere ed eventuali osservazioni sulla mia situazione clinica e sintomatologica, con prospettive di
eventuali altri esami e di terapie conseguenti.

Naturalmente ad ognuno per la propria competenza specifica.

Ringrazio e porgo cordiali saluti.

[#6] dopo  
Utente 950XXX

Cari dr. Raz e Ferraloro,

probabilmente gli acufeni e i ronzii ci sono, ma le pulsazioni che io avverto sono dovute ad una sorta di percezione accentuata "iperacusia", dovuta all' attivazione di uno stato ansioso-depressivo con cefalea cronica tensiva ed emicrania trasformata, come dice un neurogo di un centro cefalee.

Questo tipo di cefalee, non sono di facile terapia, in quanto non sono chiare le cause e i meccanismi bio-chimici coinvolti, per cui si fanno dei tentativi.
Poi è da considerare come limite quello della scienza medica, che arriva fino ad un certo punto e talvolta non riesce a discriminare le cefalee primarie da quelle secondarie.

Convinto di averVi dato delle "dritte", vi saluto cordialmente, in attesa di eventuali vostre osservazioni, anche su aspetti innovativi.

[#7] dopo  
Utente 950XXX

Cari dr. Raz e dr. Ferraloro,

ho lasciato passare un po' di tempo, ma non ho ricevuto alcuna risposta sull' argomento.
In attesa di cortese riscontro, approfitto dell' occasione per formularvi i migliori auguri di Buona Pasqua.

E vi saluto e ringrazio, cordialmente.

[#8] dopo  
Utente 950XXX

Buongiorno dr. Raz e dr. Ferraloro,

vorrei chiedervi se un esame specifico, come il doppler transcranico può
essere utile a fare una diagnosi di anomalie vascolari cerebrali, ed, even-
tualmente quali altri esami.

Vi ringrazio per la cortese risposta ed eventuali altre osservazioni,
scusandomi per il disturbo. Cordialmente.