Utente 139XXX
Buonasera, sono una ragazza di 28 anni.
Nel 2006 mi fu diagnosticato un microadenoma di 3mm a seguito di rmn con mdc, in quanto a seguito di assunzione di pillola anticoncezionale, i dosaggi ormonali della prolattina risultavano elevati (risultato di circa 40-50 su un valore massimo di 23) e il ciclo mestruale molto scarso e perdite dal seno a seguito di una "manovra" dell'endocrinologo . Nel 2007 feci un'altra risonanza che confermava la prima.
Oggi a distanza di tempo, ho fatto un'ulteriore rmn con contrasto in quanto ho frequentemente mal di testa e a volte vertigini che si verificano in particolar modo quando i dosaggi della prolattina risultano alterati (ultimo valore della prl di 58 su max 23) ANCHE SENZA ASSUNZIONE DI PILLOLA CONTRACCETTIVA.
Quindi con il dubbio che la situazione potesse essere peggiorata, mi sono decisa a fare il controllo anche perchè devo essere sincera, non ho seguito una terapia nè per la prolattina nè per l'adenoma in quanto il Dostinex mi porta parecchi effetti collaterali, quindi l'ho preso poche volte.
Quello che mi lascia perplessa è il referto di quest'ultima risonanza che riporto:

Cavità sellare di normale ampiezza.
La ghiandola ipofisaria presenta volume aumentato con lieve slivellamento verso destra del pavimento; dopo contrasto si osserva una fine disomogeneità di impregnazione in assenza di chiari difetti focali.
Regolare la fisiologica iperintensità neuroipofisaria.
Peduncolo ipotalamo-ipofisario in asse e di calibro conservato.
Libere le cisterne sovrassellari.
Chiasma nei limiti.
Vie ottiche comprese nei piani di scansione di calibro conservato.

Che vuol dire questo referto? L'adenoma non viene menzionato, ma leggo di "aumentato volume dell'ipofisi con lieve slivellamento verso destra del pavimento" e di "disomogeneità di impregnazione del contrasto".
Mi potreste spiegare cosa vogliono significare questi termini? Dovrei fare qualche altra indagine? E' il caso di farmi seguire da un neurologo? Premetto che non sono mai stata a visita da uno specialista neurologo..
Grazie mille per l'attenzione, in attesa di una Vostra cortese risposta, vi porgo cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'adenoma ipofisario potrebbe essere rappresentato dall'aumento di volume della ghiandola e dal lieve slivellamento verso destra del pavimento.
Dico "potrebbe" in quanto si dovrebbero visionare le immagini per dare un parere attendibile, pertanto faccia una visita neurologica anche per fare visionare l'esame. Anche un ulteriore controllo endocrinologico sarebbe opportuno, eventualmente effettuando, se lo specialista concorda, i dosaggi ormonali ipofisari.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro