Utente 444XXX
Buonasera ,
ho ricevuto l'esito della risonanza di mia madre che ha 51 anni e volevo sapere il significato, visto che non me ne intendo.Premetto che circa un anno e mezzo fa le sono state asportate due ernie del disco in quanto erano appoggiate sul nervo della gamba e l'avevano paralizzata.
Adesso ha nuovamente forti dolori alla schiena , ha ripetuto la risonanza, vorrei capire che problemi ci sono.
Di seguito l'esito:
L'esame è stato eseguito sul piano sagittale impiegando sequenze SE T1 e T2 dipendenti.
L'indagine è stata completata con sequenze assiali centrate a livello degli spazi intersomatici L1-L2, L2-L3, L3-L4, L4-L5 e L5-S1.
Discreti fenomeni spondilosici e di artrosi interapofisaria.
Canale vertebrale di normale morfologia e dimensioni.
I dischi intersomatici compresi tra L3 ed S1 appaiono ipointensi in T2 in relazione a fenomeni di disidratazione. Le limitanti somatiche contrapposte L3-L4, L4-L5 ed L5-S1 presentano iperintensità di segnalein T2 in relazione a fenomeni distrofici su base reattiva.
Esiti di intervento chirurgico a livello L5-S1. A tale livello è presente tessuto di intensità di segnale di tipo parenchimale localizzato nello spazio peridurale ed epidurale anteriore in sede mediana paramediana sinistra esteso lateralmente nel forame di coniugazione. Tale tessuto, meno esteso che al precedente esame del 19-10-12, appare riferibile in parte a tessuto fibrotico-cicatriziale in parte a tessuto discale. Per una migliore caratterizzazione dei reperti suddetti si consiglia integrazione diagnostica con m.d.c. A livello L4-L5 è presente una protrusione discale ad ampio raggio, sostanzialmente invariata rispetto al precedente esame. Regolare rappresentazione dello spazio epidurale anteriore e dei forami di coniugazione a livello dei rimanenti spazi esaminati. Si segnala la presenza di angiomi vertebrali localizzati nel contesto dei somi di L1, L2, L3, L4,L5.
Ringrazio in anticipo per l'aiuto.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gent.le,
preliminarmente qualcuno avrebbe dovuto spiegarvi che un paziente già sottoposto a procedura neurochirurgica (cranio-encefalica o vertebro-midollare) se esegue una RM di controllo questa "deve" essere eseguita sempre con mezzo di contrasto.
Perchè "...Esiti di intervento chirurgico a livello L5-S1. A tale livello è presente tessuto di intensità di segnale di tipo parenchimale localizzato nello spazio peridurale ed epidurale anteriore in sede mediana paramediana sinistra esteso lateralmente nel forame di coniugazione..." e "...riferibile in parte a tessuto fibrotico-cicatriziale in parte a tessuto discale...".
Dunque c'è del "tessuto patologico in sede del pregresso intervento": si tratta di tessuto fibrocicatriziale o di tessuto discale residuo o recidivo?
Il radiologo "non potendo distinguere" referta entrambe le componenti il che è possibile.
Ma una corretta distinzione è possibile ottenerla solo con mdc poichè:
1)il mdc impregna la parte fibrocicatriziale che "si colora di bianco",
2)mentre il mdc non produce alcun cambio di segnale della parte discale.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente 444XXX

Buonasera,
la ringrazio per la risposta purtroppo non tutti sono responsabili e preparati nello svolgere il proprio lavoro. Le farò fare il mdc.
Grazie per fare parte di medicitalia. Cordiali saluti.