Utente 434XXX

Gentili Dottori, Sono una donna cui sono stati consigliati da più parti esami per studiare la circolazione e perfusione cerebrali. Il tutto nasce da problemi di circolazione liquorale, e più volte mi è stato spiegato che il liquor si forma dal sangue, ed è sorto il dubbio che qualcosa a livello vascolare intracranico non funzioni, in termine di pressione o volume ecc. Il problema è che più voci si sono sommate e ora non so quali siano gli esami più idonei per verificare la quantità e qualitá del flusso del sangue a livello cerebrale. Avreste consigli in merito? Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Casimiro Simonetti

32% attività
16% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2016
Cara Signora, per quanto riguarda gli esami diagnostici strumentali, nel Suo caso il primissimo gradino è una accurata indagine eco-color-doppler (in pratica un esame ecografico specifico) dei tronchi epiaortici e del circolo intracranico.
In caso di positività di questa indagine o di dubbio, il secondo gradino diagnostico (sempre relativamente allo studio della vascolarizzazione) sarà una indagine angio-RM o angio TC, mentre l'esame RM è l'indagine di riferimento per le valutazioni di perfusione e diffusione, nonchè per lo studio del sistema ventricolo-acqueduttale (nel caso di sospetto clinico di patologia del liquor cefalo-rachidiano).
Ma tutta la sequenza di indagini deve sempre essere preceduta e suggerita dalla evidenza clinica, ossia da un adeguato inquadramento specialistico Neurologico.
Dr. Casimiro Simonetti
http://www.villastuart.it/i-nostri-medici/dottor-casimiro-simonetti?rq=simonetti