Utente 640XXX
Salve,
Martedì 14 febbraio ho subito un intervento di vitrectomia, mediante sistema di infusione 23g (Faco+Iol in CP. Scambio fluido-PFCL-aria. Endolaser. Endodiatermia. Immissione di 0.4 cc C3F8). A quattro giorni dall'intervento ho cominciato a notare una maggiore sensibilità alla luce e, nonostante il bendaggio, a volte vedo per circa un secondo un lampo di luce. Vorrei sapere se ciò è sintomo di un ulteriore distacco retinico o un decorso naturale post-operatorio.
Durante la medicazione, oltre al forte bagliore, inizio a vedere immagini sfuocate che prima dell'intervento non riuscivo a distinguere.
La profilassi prescrittami prevede l'utilizzo di Betapioptal coll., Yellox coll, Visumidriatic coll (tutti e tre per tre volte al giorno) e Levoxacin cps per 5 giorni.

Ci tengo a precisare che alcuni giorni prima dell'intervento di vitrectomia, sono stata sottoposta, in un'altra struttura, all'immissione di gas fs6 e al trattamento con laser per due sedute.

[#1] dopo  
Dr. Caterina Cimino

24% attività
0% attualità
12% socialità
CROTONE (KR)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Buona sera gentile ragazza. Le conviene farsi rivedere dall'oculista che l'ha operata per escludere che ci possa essere una recidiva di distacco. Mi faccia sapere, un saluto!
Dott.ssa Caterina Cimino