Utente 184XXX
Buongiorno! Sono un ragazzo di 24 anni e ultimamente avverto un peggioramento della vista (sono miope). Premetto che in passato mi mancava 0,50 e 1; successivamente, di recente, ho scoperto che mi mancava 1 e 1,50 (secondo le indicazioni dell' ottico che mi fece gli occhiali). Ultimamente, in occasione di un concorso, mi sono sottoposto a visita oculistica ed oltre alla miopia mi è stata diagnosticato l astigmatismo nella misura di 1,50 per occhio (cosa che nessuno mi aveva mai detto, neppure durante la visita eseguita presso l ottico circa tre mesi prima). Al momento possiedo degli occhiali che mi correggono la sola miopia e con i quali in realtà vedo bene. Non utilizzo gli occhiali quando sono davanti al pc perché, documentandomi, ho letto che fa male utilizzare gli occhiali per la miopia quando devo vedere da vicino.
Utilizzo il pc 5 ore al giorno quasi tutti i giorni (più il frequente uso del cellulare), leggo tutto i giorni per ragioni di studio e di lavoro (praticante avvocato), ultimamente dormo poco (circa cinque, sei ore), seguo una vita molto frenetica (sono in movimento TUTTO il giorno), forse un po' stressante e ansiosa (anche se talora non ne sono cosciente)... Ultimamente tendo a portare gli occhiali spesso perché mi si affatica la vista.
Vorrei capire se è possibile un peggioramento della miopia (sebbene l oculista mi disse che al massimo può peggiorare sino a 23 anni, anche con possibili miglioramenti successivi), se lo stile di vita può incidere sulla vista, se dovrei cambiare gli occhiali in considerazione del presunto astigmatismo diagnosticato in sede di concorso...e cosa dovrei fare per evitare ulteriori peggioramenti...mi scuso di essere stato prolisso. In attesa di un Vostro riscontro.... Un cordiale saluto.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Musumeci

20% attività
0% attualità
8% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2015
Che la miopia debba non peggiorare dopo i 23 anni circa, è stata forse una buona intenzione del suo oculista per non farla deprimere.
Ma nella realtà anatomo-clinica non è così.
La miopia (anche la cosiddetta "miopia semplice o lieve") può continuare ad aumentare ben oltre i 24 anni (in genere in occhi sottoposti a eccedenti stress visivi).
Si hanno anche casi di pazienti non miopi fino all'età di 23 o 24 anni, e che poi cominciano ad accusare miopia e aumenti di miopia.
Ciò che posso raccomandarle è di non stressare troppo l'organo visivo con molte ore chiuso in casa al computer o alla televisione o smartphone o altro, e di trascorrere più ore all'aperto.
Sono di questi giorni una grande mole di lavori scientifici dei colleghi di Cina, Giappone, Corea e Singapore, dove questo problema è particolarmente sentito, che sottolineano con forza questo stile di vita per contrastare l'aumento progressivo della miopia, a qualunque fascia d'età.
... Inoltre, e più importante: fare adeguata terapia!
Cordiali saluti
Musumeci Matteo

PS: mi stava sfuggendo l'altro suo quesito, se cioè non debba usare occhiali nella visione per vicino: è inesatto quello che lei dice di avere letto.
Bisogna che lei tenga gli occhiali anche per vicino, in modo che venga messo in azione il muscolo ciliare deputato all'accomodazione, pena di trovarsi al'età della presbiopia senza capacità accomodativa per ipotrofia del muscolo ciliare non messo in adeguata attività.
Soltanto nel caso di miopia molto elevata o grave ai miei pazienti riduco alquanto la lente nel lavoro per vicino.
Musumeci Matteo
Dr. Matteo Musumeci

[#2] dopo  
Utente 184XXX

Grazie dottore. Le avevo posto anche un' ulteriore domanda sul tipo di occhiali: dovrei cambiare occhiali perché quelli che ho sono solo per la miopia ma in sede concorsuale mi hanno detto che ero anche astigmatico ( con gli occhiali che ho mi trovo abbastanza bene comunque). La ringrazio ancora. Un saluto.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Musumeci

20% attività
0% attualità
8% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2015
Se, come lei scrive, in occasione di un concorso le sarebbe stato riscontrato un astigmatismo importante di 1,5 diottrie (e questo fosse vero e reale), sarebbe quasi indispensabile correggere il vizio refrattivo con una nuova prescrizione ottica esatta. ... Anche se mi lascia alquanto perplesso che "nessuno" glielo avesse diagnosticato prima.
... A meno che si sia di fronte ad una mesenchimopatia corneale con progressione astigmatica, da seguire nel tempo e trattare adeguatamente.
Un caro saluto
Musumeci Matteo
Dr. Matteo Musumeci