Utente 338XXX
Buon giorno,
mio padre di 93 anni deve sottoporsi all'intervento di cataratta; assume quotidianamente Clopidogrel (Plavix) dopo aver avuto un leggero ictus 5 anni fa ed è affetto da stenosi della valvola aortica e da riflusso gastroesofageo (i cui sintomi si sovrappongono con una sospetta angina, non si è mai riusciti a chiarire con certezza la natura). Ho due domande:
1 - l'oculista chiede la sospensione del Plavix due giorni prima dell'intervento, qual è l'entità del rischio e non esiste alcun modo di evitarlo o attenuarlo?
2 - l'eventuale nuova tecnica meno invasiva col femtolaser (ammesso che sia applicabile), permetterebbe di evitare la sospensione del Plavix?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Ferdinando Munno

28% attività
20% attualità
12% socialità
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
normalmente con la tecnica tradizionale, data la breve durata e considerata la non invasività di tessuti irrorati da sangue, non facciamo sospendere alcun farmaco anticoagulante.
Dr. Ferdinando Munno - Medico Chirurgo
Specialista in Oftalmologia
www.studiocarbonemunno.it