Utente 242XXX
Salve Gentili dottori!
È stata diagnosticata a mio zio(60 anni) una trazione vitreo maculare tale da richiedere un intervento chirurgico programmato in tempi brevissimi; infatti egli vede i visi delle persone completamente distorti e appannati.
Volevo sapere come in genere si svolge l'intervento, il decorso post operatorio , le possibilità di ripresa e se ci sono centri specializzati in merito..lui attualmente è in cura a Pisa...Grazie mille a tutti di cuore.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
su questo sito trova un mio articolo sull’argomento

NUOVA CLASSIFICAZIONE dell' ADESIONE VITREOMACULARE , TRAZIONE e FORO MACULARE

Gruppo di studio internazionale sulla trazione vitreoretinica

ADESIONE VITREO MACULARE (VMA)

ADESIONE VITREO MACULARE
definizione:

corticale posteriore del vitreo staccata dalla superficie della retina nell'area perifoveale
adesione della corticale a livello maculare entro un raggio di 3 mm dalla fovea
nessun cambiamento anatomico della superficie foveale o degli strati retinici


CLASSIFICAZIONE

a seconda dell' area di Adesione

FOCALE minore o uguale a 1500 micron
ESTESA superiore a 1500 micron
a seconda della presenza di patologie retiniche associate:

isolata
concomitante


TRAZIONE VITREO MACULARE (VMT)

TRAZIONE VITREO MACULARE (VMT)

definizione:

corticale posteriore del vitreo staccata dalla superficie della retina nell'area perifoveale
adesione della corticale a livello maculare entro un raggio di 3mm dalla fovea
presenza di distorsione della superficie foveale, cambiamenti strutturali intraretinici e / o innalzamento della fovea al di sopra dell'epitelio pigmentato retinico ma senza interruzione a tutto spessore degli strati retinici


CLASSIFICAZIONE

a seconda dell' area di Adesione

FOCALE minore o uguale a 1500 micron
ESTESA superiore a 1500 micron
a seconda della presenza di patologie retiniche associate:

isolata

concomitante


FORO MACULARE A TUTTO SPESSORE (FTMH)



FORO MACULARE A TUTTO SPESSORE (FTMH)

definizione:

corticale posteriore del vitreo staccata dalla superficie della retina nell'area perifoveale
adesione della corticale a livello maculare entro un raggio di 3 mm dalla fovea
Lesione foveale a tutto spessore che interrompe tutti gli strati maculari della membrana limitante interna (ILM) all'epitelio pigmentato retinico (RPE)
epitelio pigmentato retinico
CLASSIFICAZIONE

In base alle dimensioni (misurazione effettuata nel punto piu' stretto del foro tramite una linea tracciata parallelamente all'epitelio pigmentato retinico):

- piccolo (inferiore o uguale a 250 micron)

- medio (superiore a250 micron ed inferiore a 400 micron)

- grande (maggiore di 400 micron)



in base alla presenza o assenza di trazione vitreo maculare (VMT)

trazione vitreo maculare (VMT)

in base alle cause

- primario (dovuto alla trazione vitreo maculare VMT)

- secondario (direttamente associato a patologie o traumi in assenza di trazione vitreo maculare pre-esistente VMT)

vitreo maculare pre-esistente VMT)

LA VITREOLISI FARMACOLOGICA CON INIEZIONE INTRAVITREALE SI APPLICA SOLO NEI CASI DI FORI MACULARI CON VMT









FORO MACULARE LAMELLARE (LMH)

FORO MACULLARE LAMELLARE (LMH)

- superficie foveale irregolare

- deiescenza negli strati foveali piu' interni

- schisi intraretinica, tipicamente tra lo strato plessiforme esterno e nucleare esterno

- presenza dello strato dei FOTORECETTORI RETINICI



PSEUDOFORO MACULARE

PSEUDOFORO MACULARE

- margini foveali ispessiti ed introflessi

- presenza di membrana epiretinica

- profilo maculare con margini ripidi

- assenza di perdita di ssostanza di tessuto retinico



Bibliografia

Duker J.S., et al, The international vitreomacular traction study group classification of vitreomacular adhesion, traction and macular hole, Ophthalmology 2013; 120: 2611 - 2619



SUE DOMANDE
1)Volevo sapere come in genere si svolge l’intervento?

risposta
si entra dentro l’occhio con delle sonde microscopiche e si rompe l’aderenza vitreo retinica consentendo alla retina di tornare in posizione corretta.

2) il decorso post operatorio?
risposta
e’ molto rapido se si utilizzano le sonde piccolissime

3) le possibilità di ripresa

risposta
quasi immediate
gia’ dal giorno successivo vede molto meglio

4) e se ci sono centri specializzati in merito..lui attualmente è in cura a Pisa.

risposta
a Pisa e’ gia’ in ottime mani
soprattutto se e’ seguto dal prof Massimo Nardi

buona serata
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 242XXX

Grazie mille di cuore, gentilissimo dottore!è stato veramente esaustivo!!

[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
bene


buona giornata
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333