Utente
Salve, gentilissimi dottori
Volevo porre la mia situazione alla vostra attenzione..
Circa 1 mese fa ho subito un estrazione di un dente da latte (incisivo laterale sx, ho 22 anni), e ho fatto un impianto a carico immediato in concomitanza dell'estrazione..sono passate circa 3 settimane dall'impianto e il dente si muove nonostante mi abbiano fatto il provvisorio molto all'infuori degli altri denti per evitare che toccasse con i denti di sotto..ora la mia dentista che me la controllato sostiene che l'impianto si muove in quanto grazie a dei micromovimenti della bocca (masticazione, contatto con gli altri denti) non si è integrato bene con l'osso..ora dovrò fare l'estrazione della vite con conseguente riempimento di materiale osseo e fra 2 mesi di nuovo rimettere l'impianto stavolta non a carico immediato, per poi fra altri 3 mesi mettere il definitivo..ora a questo punto mi chiedo come mai venga applicata la metodologia a carico immediato dato che dei micromovimenti ci saranno sempre per qualsiasi impianto si faccia (e di conseguenza non si integrerà mai perfettamente all'osso)e cosa più importante non dovrebbe essere lo specialista a mettere già in preventivo una situazione del genere e capire quale metodologia applicare onde evitare quello che è successo a me e quindi dover fare un operazione di riparazione al precedente intervento? Questa cosa mi mette molta preoccupazione dato che se tutto va bene finirò con questo impianto fra 7-8 mesi oltre all'operazione antibiotici e altri spiacevoli disagi connessi..attendo con ansia una risposta..grazie mille..
P.S. La mia dentista ha detto che è la prima volta che gli capita questa situazione!

[#1]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
l'implantologia a carico immediato viene utilizzata frequentemente e funziona se correttamente eseguita e se le condizioni cliniche locali la indicano, ma comunque, espone a qualche rischio in più.
ovviamente lo psecialista dovrebbe individuare i casi selezionabili con questa metodica, ma non si può mai escludere che il problema vi possa essere anche se a basse percentuali
l'iter prospettatole ora è quello che deve essere utilizzato a questo punto
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Utente
Gent.le dott. Finotti
Grazie per la risposta..
In base al quadro clinico esposto da me precedentemente ritiene lei che l'impianto a carico immediato sia stato eseguito correttamente? Voglio dire essendo giovane l'osso di certo non mi mancava, il chirurgo tuttavia era a corrente del pericolo che l'impianto potesse toccare con gli altri denti o che avrebbe potuto subire dei micromovimenti..mi chiedo come mai non abbia notato e valutato tutti questi aspetti..mi sembra che questa metodologia offra ben poche garanzie..perché credo che queste cose bisogna valutarle anticipatamente..e non pensare tanto male che vada si rimuove il perno e si rifà..non è cosi semplice..avrei preferito a questo punto fare un impianto normale e non a carico immediato..

[#3]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
io penso che li abbia valutati prima ma che le cose siano andate male
non ci starei molto sul discorso dei micromovimenti che comunque non ci devono essere
le assicuro che questa metodica offre garanzie e molte, già più di 5aa fa feci una pubblicazione proprio su questa metodica del monoimpianto a carico immediato sul mascellre superiore che era ed è in grado di riabilitare rapidamente zone estetiche edentule
certo che l'impianto con carico differito ( non a carico immediato espone a rischi minori )
cordialmente
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#4]  
Dr. Orazio Ischia

32% attività
0% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)
LIPARI (ME)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Non è il caso di stare troppo a chiedersi il perchè il suo impianto sia fallito,la sua progettazione aveva una sua logica basti pensare alla necessità di un provvisorio che adesso esiste ed in quel caso no.
Certo non le farà piacere risottoporsi ad un intervento,ma penso anche che per tutto questo non le sia stato chiesto un corrispettivo economico,o no?
Allora se le cose stanno così forse dovrebbe vedere il bicchiere mezzo pieno e non essere troppo critico con il suo dentista.Cordiali saluti
Dr. orazio ischia odontoiatra
perfezionato in chirurgia orale,implantare,parodontale ,endodonzia,protesi,medicina orale, in odontologia forense,

[#5]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
P.S. La mia dentista ha detto che è la prima volta che gli capita questa situazione!

Se i micromovimenti sono SOTTO una certa soglia, sono accettati dall'osso e costituiscono una funzionalizzazione dell'osso stesso, che si addensa all'impianto orientando nel modo corretto le trabecole ossee.

Se i micromovimenti sono SOPRA una certa soglia, l'impianto muove.

Sta all'implantologo e alla sua esperienza capire se siamo in un caso o nell'altro.
Se è la prima volta che gli succede, significa che non ne ha messi molti, di impianti a carico immediato, o che è stata estremamente fortunata.
E comunque un impianto che non si osteointegra (a carico immediato o differito) è un eventualità che succede, e neppure troppo raramente.
Varie possono essere le cause, non solo quella dei micromovimenti.

Ma comunque si può rifare.
Nel mio studio, se un impianto si muove, anche di pochissimo, lo rimuoviamo IMMEDIATAMENTE, anche se ci fosse lo studio affollatissimo.
Ci si mette veramente 5 minuti.
E poi si può ragionare, un provvisorio rimovibile, un provvisorio incollato ai due denti vicini...

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#6]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Il suo dente da latte perchè è stato rimosso? Aveva problemi di mobilità? Se così è non si può certo parlare di impianto post-estrattivo, ma di impianto guidato, tuttalpiù. Più che la mancata integrazione dell'impianto (che in ogni caso da un punto di vista istologico non avviene prima di 42-48 gg)nel suo caso parlerei di perdità di stabilità. Bisogna vedere un attimo sia il tipo di impianto che la tecnica chirurgica adottata che il provvisorio;capisce bene che ci sono una moltitudine di possibili cause. In ogni caso basta rimuovere l'impianto (che come dice l'amico Formentelli) in tre minuti con un goccino di anestesia e valutare o l'inserimento nella stessa seduta di un altro impianto o l'attesa con l'inserimento di un provvisorio.
Saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#7] dopo  
Utente
Grazie a tutti per le risposte..
Sono andato ieri dalla mia dentista la quale ha provveduto per l'appunto alla rimozione dell'impianto..nel rispondere al dott. Muraca il mio dente da latte è stato rimosso perché anche se non soffriva di particolari problemi di mobilità (nonostante avesse una radice non troppo solida e lunga) era abbastanza danneggiato e antiestetico in quanto non era cresciuto come gli altri denti e di conseguenza si presentava più corto..e non aveva il ricambio..
C'è da dire che questo dente si trovava anche in una posizione errata in quanto me lo trovavo in posizione del canino e quest'ultimo nella posizione dell'incisivo laterale..
di conseguenza abbiamo dovuto fare un estrazione del dente da latte e fare un impianto a carico immediato sul canino..ora quest'ultimo per l'appunto non è andato a buon fine proprio perché risentiva di piccole oscillazioni..non si è potuto optare per l'inserimento in seduta stante di un altro impianto in quanto avendo i denti abbastanza stretti andavo a rischiare di compromettere quelli vicini (infatti nella prima operazione per 1 settimana e mezza ho sentito dolori al dente vicino) quindi la mia dentista ha estratto la vite e inserito dell'osso naturale e richiuso con appositi punti di sutura, dopo ciò mi ha fatto un provvisorio attaccato con la metodologia a maryland, cementato posteriormente ai denti vicini..la settimana prossima dovro ritornare per togliere i punti e fra 2 mesi riaprire per mettere un altro impianto differito dello stesso volume per poi fra altri 3 mesi ancora rimettere il definitivo..e se tutto va per il meglio dovrei avere finito..questa mattina la gengiva si presentava un pò rossastra e gonfia in alcuni punti, spero sia normale e dovuto all'intervento..
Se c'è qualcosa di non chiaro, vi prego di farmelo sapere..aspetto altre informazioni..grazie..

[#8]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Procedura corretta.
Tutto logico e razionale.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#9]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
SEmbra tutto normale. Ci tenga al corrente dell'evoluzione.
Saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#10] dopo  
Utente
Grazie a tutti per le risposte..
Stasera tornero dal dentista per rimuovere i punti di sutura e vedremo..
Dall'operazione ad oggi cioè 1 settimana l'unica cosa che mi ha dato dei problemi è la sensibilità dell'incisivo e specialmente del canino inferiore...questo perché quando la dentista mi ha fatto il maryland col provvisorio ha dovuto limare i denti di sotto in quanto toccavano..addirittura ha dovuto farmi l'anestesia sotto perché è andata "pesante" nel limare..ed ora mi ritrovo con il canino che ha perso la sua naturale conformazione rispetto anche all'altro canino inferiore..i denti non sono più lunghi in egual modo sotto ma avendomeli limati vanno a scala ora...ma cosa più grave non solo sono sensibili al caldo e al freddo ma anche al semplice tatto con i denti o toccando con la mano..non so davvero cosa e come fare per risolvere questo altro problema!

[#11]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Penso che debba rivolgersi ad un altro professionista per rivalutare la situazione e per valutare l'entità del danno che questa incredibile e maldestra operazione ha comportato.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#12]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gent Paziente
il dr Formentelli con tatto Le ha espresso il pensiero di tutti noi
a questo punto meglio mettere qualche paletto, fermarsi di fronte all'improvvisazione di chi la sta seguendo senza cognizione di causa mettendo in gioco alla sua giovanissima età ( 22aa. ) la salute dei suoi denti e la stabilità dell'occlusione ed affidarsi ad un professionista preparato adeguatamente che sia in grado di valutare sia quanto è stato fatto sia quanto probabilmente, a conseguanza delle prestazioni, dovrà affrontare
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#13]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Aggiungo ancora una nota, con meno "tatto": non è lei che dovrà pagare la parcella per il ripristino della situazione originale.
Non è lei che dovrà pagare per le conseguenze future delle manovre subite.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#14] dopo  
Utente
Grazie ancora per le risposte..
Stasera andrò a togliere i punti e spiegherò la situazione e le problematiche riscontrate..
A titolo informativo vi chiedo cosa si fa in questi casi? Ovvero quando esiste una sensibilità dei denti e viene compromessa la vitalità stessa del dente?
Inoltre penso che eventualmente se c'era il rischio che il provvisorio toccasse con i denti di sotto al massimo si limava quest'ultimo ma non da intaccare il dente buono di sotto..c'è da dire anche che ora il provvisorio che ho ha la forma e le sembianze del definitivo che metterò in futuro e quindi forse la mia dentista ha pensato che in ogni caso si doveva limare per evitare che toccassero i denti di sopra con quelli di sotto..ma credo comunque che si sarebbe potuto agire ugualmente sul definitivo o trovare un altro sistema che non intaccasse la vitalità del mio dente..ora sono estremamente preoccupato anche perché ripeto che ho paura per i miei denti e anche esteticamente non mi piace questo risultato di sotto (prima avevo i denti lunghi in egual modo e ora mi ritrovo con un canino che sembra un incisivo laterale e che è più corto rispetto all'altro) Forse a questo punto conviene limare anche gli altri..non so..grazie..
saluti..

[#15] dopo  
Utente
Lunedì sera sono andato dalla dentista e ho esposto il problema della sensibilità dei denti inferiori che sono sensibili in quanto sono stati limati e mi ha detto che era una procedura necessaria per inserire il provvisorio, altrimenti mi toccavano e mi ha applicato un prodotto dicendomi anche che col tempo sarebbe diminuita, infatti a quanto sostiene lei c'è gente che gira con i denti spezzati e non gli fa assolutamente nulla...pero sono passati 5 giorni e il dolore non mi è diminuito e addirittura tante volte sono costretto a mangiare dall'altra parte della bocca perché se tocco con del cibo in quei punti dove è stato limato mi fa male, oltre al fatto che sono assolutamente sensibile al caldo e al freddo.
Mi trovo davvero in difficoltà in questo momento perché non so se è normale tutto ciò..ma penso che la salute dei denti sia la cosa più importante in assoluto..
Oltre al fatto che è anche come dicevo in precedenza assolutamnte antiestetico perché confrontando i 2 canini di sotto ora me li ritrovo diversi (anche se quello limato è pari ai premolari vicini) ma quello che più mi interessa è la salute del mio dente..potete darmi qualche parere grazie!

[#16]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Dato l'evolversi dei fatti non posso che confermare i miei precedenti suggerimenti.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#17]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Esistono 4 categorie di "dentisti":
1)Odontoiatri
2)Mezziodontoiatri
3)Odontoiatrucoli
4)odontoquaquaraquà
Con tutto rispetto Lei non è incappatao di certo nei primi due!!
Ormai il lavo(raccio) è stato fatto, ed i rimedi sono solo quelli che le ha consigliato il collega Formentelli; cambi IMMEDIATAMENTE odontoiatra.
Col cuore...
Saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.