Utente 567XXX
Sono la mamma di una ragazza di 23 anni. Da qualche anno mia figlia ha problemi con gli ottavi. Già da piccola, quando decise di mettere "l'apparecchio" ai denti, per problemi di malocclusione, si suggerì di tenere sotto controllo gli ottavi.Dopo 2 anni di trattamento, i suoi denti sono diventati dritti e non abbiamo pensato più agli ottavi.I problemi si sono presentati al loro spuntare.I due dell'arcata superiore sono usciti tranquillamente, quelli inferiori, invece, non del tutto. Di uno si vedono due punte, dell'altro tre. Mia figlia ora vive lontano da casa per motivi di studio, per cui le notizie le apprendo per telefono.Quando torna a casa, va regolarmente dal dentista, ma ciò accade circa 3 volte all'anno. Ha fatto una ortopanoramica per vedere la situazione ed effettivamente i denti inferiori sono un pò storti, leggermente inclinati verso i secondi molari. Il problema è che un paio di volte all'anno la gengiva si infiamma, è gonfia, a volte secerne pus o sangue, tutto il lato è indolenzito, difficoltà ad aprire la bocca e a masticare, a muovere la lingua. Quando le successe ciò per la prima volta,si recò dal dentista il quale si assicurò che i suddetti denti erano sani e suggerì l'uso di disinfettanti, sciacqui ecc. e un antibiotico ( compresse di KLACID da 250). Il dentista le disse che in questi casi si potrebbe tentare una incisione per facilitare l'eruzione di questi due denti oppure, se gli episodi di infiammazione si sarebbero ripetuti con una frequenza maggiore, l'estrazione. Premetto che osserva una scrupolosa igiene orale. Mia figlia mi riferisce che all'incirca un paio di volte all'anno le gengive su questi due denti le si infiammano. L'ultima volta è stato a luglio del 2010. Il più delle volte il tutto si risolve dopo qualche giorno, a volte fa da sè, ricorrendo all'antibiotico (l'ultima volta lo ha preso nel dicembre 2009). Attualmente, dopo aver temporeggiato per una decina di giorni, durante i quali ha di nuovo la gengiva gonfia e dolente,lamenta anche mal di testa al risveglio, la solita difficoltà nella masticazione, fastidio alla guancia e tutto il resto, ha iniziato a prendere il KLACID, ricordando che altre volte lo ha preso ( automedicazione, non corretta). Ora, in attesa di farsi controllare dal dentista in occasione delle vacanze pasquali, quando tornerà a casa, vorrei qualche consiglio sul da farsi. E' effettivamente indicata una incisione o si peggiora il problema? Mi chiedo poi se questi denti, visto che non sono totalmente inclusi, piano piano riusciranno a spuntare o resteranno sempre fermi così? Cioè normalmente che succede? A 23 anni i denti possono ancora completare la loro eruzione o è inutile aspettare? E' corretto affrontare il problema quando si presenta, cercando di alleviare i fastidi,aspettando che i denti spuntino o è tempo perso? Io ho molta paura dell'eventuale estrazione. Mia figlia è gracile e per giunta celiaca, vorrei con tutto il cuore evitarle questo intervento se non indispensabile. Grazie.

[#1]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Purtroppo, cara signora, se i denti del giudizio di sua figlia creano problemi ricorrenti, così come lei descrive, l'unica soluzione definitiva è l'estrazione.
Cordiali saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#2]  
Dr. Sandro Compagni

24% attività
4% attualità
12% socialità
LATINA (LT)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Dopo qualche acesso ripetuto, l'estrazione diventa vivamente consigliata.
Saluti
Dr. Sandro Compagni
Parodontologo, Gnatologo
s.compagni@libero.it - www.studiodentisticocompagni.com