Utente 448XXX
Buongiorno, dovendo sottopormi ad inserimento di impianto dentale (dente 46), ho interpellato un paio di dentisti nella mia zona con il seguente risultato.

Il primo dentista mi ha proposto un impianto Straumann ad un costo di 1900€ (impianto moncone protesi)

il secondo dentista mi ha proposto il Trabecular Zimmer a 1700€ mentre l'impianto Sky Bredent a 1000€ ( entrambi impianto moncone protesi).

La mia domanda è relativa alla così ampia differenza di prezzo tra i brand degli impianti, come possono essere entrambi il top (a detta del dentista) ma avere una divergenza di prezzo così ampia?

Ovviamente quando c'è in gioco la mia salute desidero solo il meglio, per cui vorrei capire quali siano gli impianti premium, intermedi e quelli che, seppur al pari di altri premium, non apportano benefici aggiuntivi ma fanno pagare il loro nome.

Inoltre, mi potreste indicare la differenza tra capsule in zirconia e ceramica e capsule in sola zirconia?

E' un solo fattore estetico oppure anche funzionale?

Infine ne approfitto per chiedervi, qual'è la percentuale di successo per un ritrattamento di dente (36) che presenta un granuloma.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
in ossequio alle linee guida del sito,per quanto riguarda le marche di impianti non possiamo ovviamente consigliarne alcune a scapito di altre. In teoria sono tutte valide. Diciamo che le differenze di prezzo possono in parte essere giustificate (ma incidono anche altri fattori) dalle differenze di costo (per il dentista) dei componenti (impianto e moncone) delle diverse marche.

La capsula in zirconio è composta solo da zirconio, mentre quella in zirconio-ceramica ha una struttura interna in zirconio sulla quale esternamente viene stratificata la ceramica.
Funzionalmente sono uguali, esteticamente la zirconio-ceramica da più affidabilità.

Se il ritrattamento è svolto a regola d'arte il successo dovrebbe essere assicurato. Almeno in teoria. Nella pratica poi tutto è possibile.

Saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#2] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Buongiorno,
non è il brand o la marca di un impianto che fa la differenza,
dato che oggi la maggioranza di quelli in commercio sono
tutti di ottima qualità,la differenza in termini di costi la fanno
la tipologia dello studio,il personale,l'ubicazione,la presenza
di macchinari sofisticati ( ad esempio la possibilità di eseguire una TAC Cone Beam direttamente in studio),gli acquisti in notevoli quantita' con sconti consistenti....
Ma la vera differenza la fa il chirurgo,non l'impianto,perchè
il successo è legato non ad una marca,ma alla capacità del
professionista.
La corona metallo-ceramica o zirconio-ceramica si equivalgono (anche lo zirconio è un metallo) ,seppur con le seguenti differenze: la lavorazione dello zirconio richiede elaborate fasi di trattamento nel laboratorio odontotecnico : è pertanto più costoso.
la corona in zirconio ceramica non presenta bordi di colore metallico visibili in nessuna parte della circonferenza della corona,con migliore risultato estetico rispetto alla corona in metallo ceramica
la composizione di una lega metallica è molto variabile,al contrario di quella dello zirconio. La qualità di composizione di una lega metallica è sinonimo di una maggiore o minore biocompatibilità di essa con l'ambiente salivare e con i denti circostanti.

....Infine ne approfitto per chiedervi, qual'è la percentuale di successo per un ritrattamento di dente (36) che presenta un granuloma......
Risposta : dipende dalla capacità dell' ENDODONTISTA

Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#3] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Concordo con il collega Dott. De Socio, la marca dell'impianto vale 10 mentre le mani dell'odontoiatria valgono 90. La marca non deve essere una sua incompetente decisione che può essere usata come arma da difesa dall'odontoiatria; l'importante è che l'odontoiatra si assuma tutte le responsabilità.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#4] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente, si chiamano "strategie commerciali", come quando il negoziante al mercato taglia una forma di formaggio e una metà la mette in vendita a 10 euro al chilo, e l'altra metà a 20 euro.

Personalmente non "vendo" una marca di impianti; ne uso quotidianamente (ho proprio controllato ora) 12 marche diverse, e per ogni produttore ci sono molteplici tipologie di forma.

Ci sono impianti specifici per osso molto ma molto morbido, e impianti specifici per osso molto ma molto duro, impianti più adatti di altri al carico immediato, altri più adatti alle situazioni post-estrattive, altri ancora più adatti ai forti disparallelismi, o a conformazioni ossee limitate in spessore o profondità, fino ad arrivare ad impianti cortissimi anche 2,5 mm (con una forma particolarissima) o sottilissima (2 mm)

Dove sono fatti:
Due marche commerciali in Francia, una in Israele, una in Germania, le altre otto in Italia.
Di sette di queste e di una delle francesi ho visitato la produzione.

Quando progetto un intervento di chirurgia implantare, spesso, dopo aver eseguito una tomografia computerizzata, ho un'idea abbastanza precisa della marca e della tipologia di forma che userò ma non poche volte cambio idea intraoperatoriamente, perchè mi accorgo che l'altra, in quella situazione, ha caratteristiche che si adattano meglio.

Facendo l'eccezione per gli impianti in zirconio, quelli extracorti (i 2,5 mm di cui sopra) e rarissimi altri casi che non sono fra quelli da lei menzionati, trovo che il professionista che propone prezzi NOTEVOLMENTE diversi fra i vari tipi di impianti (che possono avere per noi una differenza di costo non superiore a quella di una cena per due in un ristorante NON di grido) faccia una operazione commerciale come quella del bottegaio di cui sopra, ficcandosi la professionalità (e probabilmente anche la capacità) nel fondo dei pantaloni laddove non batte il sole.

1700 - 1900 euro sono comunque un costo ragionevole, 1000 euro sono portato a pensare che lei abbia capito male o ci sia sopra una corona di resina (di per se non sbagliata) e non di ceramica, e quindi non siano preventivi paragonabili fra loro.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)