Utente cancellato
Buongiorno Dottori.
Ho da sempre una certa sensibilità alle gengive, in particolare in una zona dell'arcata dentale in corrispondenza di un molare otturato ma raramente dolore o sanguinamenti. All'ultimo controllo l'autunno scorso il dentista ha trovato la mia bocca "perfetta" dal punto di vista dell'igiene, senza tartaro. Per correttezza riporto che ho una leggera malocclusione, riguardo alla quale mi è stata proposta una cura che non mi vede d'accordo (molaggio) e per ora resta quindi non curata.
Di recente ho cambiato lo spazzolino, comprandone uno "a setole morbide e molto sottili in grado di sostituire il filo interdentale". L'ho usato per tre giorni in attesa di comprarne un'altro e da allora (una settimana) mi sento le gengive dolenti in vari punti della bocca, una dolenzia generale a tutta l'arcata e leggerissimo sanguinamento allo spazzolamento.
Può essere stato lo spazzolino a causare tutto questo? addirittura sento dolore premendo le dita sulla gengiva!
In casa ho due collutori, uno a base di clorexidina, l'altro a base di fluoruro stannoso. Potrebbero essere indicati? quanto tempo è necessario indicativamente per far rientrare la situazione nella normalità, e dopo quanto tempo andare dal dentista, se non passa?

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, la visita odontoiatrica raccomandata è semestrale. Nel suo caso sarebbe utile un colloquio con un igienesta dentale, per ottenere le corrette informazioni : sullo spazzolino, sui collutori e sulle manovre fa effettuare durante l'igiene domiciliare.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
non esiste spazzolino che possa sostituire il filo interdentale. Perciò non c'è motivo di cambiare il suo solito spazzolino (se l'ha cambiato per questo motivo), che tra l'altro a quanto pare ha sempre dato ottimi risultati.

Le setole morbide sono meno efficienti nel rimuovere la placca rispetto alle dure o alle medie.Quindi provi per un po' a tornare all'antico.....e magari ci aggiorni.
Saluti.
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#3] dopo  
434562

dal 2017
grazie per le risposte.
Stamattina, sentendo dolore anche alla lingua, ed essendo un soggetto fortemente ansioso, ho avuto la brillante idea di guardare in fondo alla lingua, ed ho notato la presenza di una macchia viola tipo livido. Così, spaventatissima, sono corsa dal dentista che mi ha rassicurato non essere nulla di "brutto" ma solo un "aspetto flogistico".
Per le gengive mi ha consigliato un collutorio a base di clorexidina, ma non ha dato molto peso alla cosa.
Invece, visitandomi mi ha tastato i linfonodi del collo, la tiroide ecc, e mi ha detto di avere i muscoli del complesso mastoideo (non ho capito il nome esatto) molto contratti e che da questo potrebbe dipendere quella sorta di dolore in fondo alla lingua.
Avendogli detto che soffro anche di dolori al collo e alla schiena, mi ha consigliato una radiografia alla colonna e quindi di valutare la situazione generale della schiena.
Scusate se scrivo in modo confuso ma è l'esito della visita stessa che mi ha confuso e la mia ansia di certo non mi aiuta.

Per rispondere al Dottor Francini, lo spazzolino l'ho cambiato perchè ce n'era bisogno, e poichè non amo usare il filo interdentale perchè spesso mi faccio male, pensavo che quello spazzolino fosse rivoluzionario.....l'avessi mai fatto! sono tornata subito ad un comunissimo spazzolino "medio".

[#4] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Se si fa male usando il filo interdentale vuol dire che applica troppa forza nell'inserimento dello stesso tra i due denti.

Bisogna andarci con un po' di cautela, facendo dei movimenti "a sega" fino a quando non si sente lo scatto che indica il superamento del punto di contatto interdentale.

Se invece si preme direttamente in verticale, il punto di contatto viene superato egualmente, ma il filo ha ancora troppa energia cinetica e "sbatte" violentemente sulla gengiva, traumatizzandola.

Saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico