Utente 424XXX
Dottori buongiorno, ormai é un mesetto che la mia lingua si presenta bianca, a partire dal centro fino a mezzo centimetro dai bordi laterali, che sono rosa. La lingua non é ricoperta da una patina, la parte bianca non é asportabile in alcun modo, le papille paiono leggermente allungate (raschiando la lingua coi denti lascio la traccia, come quando si accarezza il velluto) e bianche, sulla punta ho delle papille rosso vivo e ho un continuo sapore amaro in bocca. Premetto che sono sotto stress e asmatico, assumo corticosteroidi tramite spray da sempre, l'anno scorso ho avuto un episodio grave di gastrite e da allora assumo lansoprazolo e ho, seppure mediamente lievi, problemi di litiasi renale che ogni tot mesi mi porta qualche colica che risolvo con rilaten e litri d'acqua. Ho un'igiene orale impeccabile, non ho mai avuto una carie anche se ultimamente ho notato formazione di tartaro dalla parte interna degli incisivi inferiori che non riesco a spazzolare via. La mia alimentazione é abbondante tuttavia é abbastanza regolare, eccezion fatta per i dolci che sono la mia debolezza. Ho notato (c'entra poco o niente con la lingua penso) comparsa di pustole piccole con e senza punta bianca, rade (massimo una ventina) distribuite tra petto/addome, schiena e bicipiti, che mi accompagnano ad intervalli da qualche mese.. Il mio medico parlava di allergia e per la lingua, visto che é in altra città, non ho avuto ancora modo di vederlo... Può essere l'alimentazione? I farmaci? Conosco le cause (patologiche e non) della lingua bianca, ma non riesco a capire se sia il caso di preoccuparmi o meno!

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, chiaramente ci si deve preoccupare, si rivolga al più presto a un odontoiatra per sottoporsi a una visita che andrebbe eseguita ogni 6 mesi, Le formazioni di tartaro possono generare la malattia parodontale con gravi complicanze.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 424XXX

Gentile dottore, grazie per la risposta.. Dice quindi che la lingua bianca é dovuta alla formazione di tartaro?

[#3] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
No, il tartaro non da alcuna formazione bianca alla lingua, per la lingua occorre una diagnosi chiara e certa che la dovrebbe eseguire l'odontoiatra che le valuterà anche la formazione di tartaro.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#4] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Buongiorno,da quel che descrive,specie se assume corticosteroidi, la glossite riferita farebbe pensare ad una candidosi orale.Oltre una visita specialistica,sarebbe opportuno eseguire un tampone linguale.
Ne parli con l'odontostomatologo di fiducia.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#5] dopo  
Utente 424XXX

Buongiorno Dottore, Grazie per la risposta! Era uno dei miei pensieri ma ho un dubbio... la candidosi orale non porta una patina bianca facilmente asportabile che lascia la lingua rosa/rosso? Nel mio caso non rimuovo proprio niente, neanche se spazzolo la lingua col bicarbonato.. Esistono altri tipi di candidosi orale tranne il classico "mughetto"? Lei mi dirà "la candida é la candida", come darle torto in effetti.. Non ho altri sintomi, non é gonfia, non fa male, sento i sapori benissimo.. É solo bianca, coi bordi rosa e stamattina ha una macchiolina rosa, come quando da piccolo non mangiavo la frutta...

[#6] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Un sospetto diagnostico via internet non da cuna certezza, occorre visita odontoiatrica, con accertamenti diagnostici per raggiungere una diagnosi certa. .
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/