Utente 449XXX
Salve, sono un ragazzo di 25 anni.
I miei problemi sono iniziati circa un mese e mezzo fa quando mi sono recato al pronto soccorso per una perdita di sangue dal naso (narice sinistre) che non smetteva di sanguinare. Mi hanno trovato un angioma che è stato rimosso tramite DTC (setto nasale narice sinistra).
Mi hanno prescritto il TRANEX e dopo la rimozione del tampone la crema NARICOSS da mettere per 10 giorni.
Un mese dopo mi sono recato dal mio medico curante perché la cicatrice non si chiudeva ed era di colore giallo/verde. Si era creata nel naso una sorta di colla/crosta.
Il mio medico curante mi ha prescritto l'antibiotico NEODUPLAMOX (Amoxicillina/acido clavulanico) da prendere per sei giorni due volte al giorno.
Da quando ho preso questo antibiotico ho cominciato ad accusare dolore nella parte posteriore della lingua, come una sensazione di taglio o sfregamento. Una volta finita la terapia antibiotica sono tornato dal mio medico curante che mi ha visitato la bocca.
Sembra non avere trovato nulla di anomalo sulla lingua, mi ha però riscontrato il linfonodo sinistro gonfio. Mi ha prescritto l'OKI per due volte al giorno per 4 giorni. Il naso non è guarito dopo l'antibiotico, è migliorato ma la zona interessata è ancora di colore gialla (anche se più circoscritta) e rossa. Inoltre mi si è aggiunto un disturbo: l'insorgere di molti brufoli sotto pelle e non all'interno del naso da entrambe le narici.
Mi ha prescritto una crema per il naso antibiotica.
Ho anche fatto per 5 giorni dei risciacqui con il TANTUM VERDE collutorio per alleviare il dolore dietro la lingua.
Dopo avere fatto questa cura adesso mi ritrovo con gli stessi problemi di prima ma il più temo di avere la sindrome della bocca urente.
Oltre al dolore dietro la lingua, sento la bocca e la lingua intorpidita, ipersensibilità ai denti incisivi, alterazione del gusto (faccio fatica a sentire i sapori). Questo va avanti da 4/5 giorni. Non so cosa fare, la sento come se avessi appena usato il TANTUM VERDE (anche se ormai ho interrotto la cura), la bocca è come anestetizzata.
Ho dovuto descrivi anche i problemi riguardanti al naso perché vanno di pari passo e forse il problema della bocca urente deriva da un'allergia antibiotica? Oppure dall'uso troppo prolungato del TANTUM VERDE?
Cosa può essere e cosa posso fare?
Grazie mille per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, le consiglio di non inventarsi inutili sospetti diagnostici, ma si sottoponga a visita odontoiatrica presso un odontoiatra che si occupa di patologia orale per ottenere una diagnosi certa.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Buongiorno, dai sintomi che riferisce,parrebbe un caso
di Burning Mouth Syndrome.
Le cause sono tutt'ora poco conosciute,la patologia si osserva frequentemente nel sesso femminile ed è stata evidenziata l' associazione con disturbi psicosomatici,ansia,stress, alterata funzione delle ghiandole salivari ,disordini ormonali .
Il principale sintomo della Burning Mouth Syndrome è il bruciore del cavo orale in assenza di cause evidenti, quali lesioni a carico delle mucose e patologie sistemiche specifiche (es. diabete,malattie sistema immunitario,uso di farmaci,tabagismo,ecc).Puo' chiedere delucidazioni al dentista curante se esperto di Patologia Orale.
Distinti Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#3] dopo  
Utente 449XXX

Grazie per le risposte, oggi vado a fare un controllo da un odontoiatra per capire cosa non va. Intanto la lingua continua ad essere intorpidita e non ne capisco il motivo.

[#4] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Bene, attendiamo il riscontro del collega.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/