Utente 451XXX
Salve, due giorni fa a fronte di una carie ho dovuto affrontare una devitalizzazione, l arrivo di un perno moncone e la ricostruzione. Ho 23 anni, prendo antibiotico e bentalan per evitare il gonfiore, io premetto di essere un fumatrice, soprattutto nei periodi di studio, ma stasera mi sono accorta che mi si è annerita la parte interna della gengiva e l ho ricollegato subito alla sigaretta e mi si è anche gonfiato rispetto a stamattina. Il mio dentista ha anche dimenticato di dirmelo e da quello che leggo su internet col perno moncone non dovrei fumare ne bere eventualmente. Ora la mia domanda è per quanto tempo non dovrei fumare per non arrecare danno? Vista l'esistenza di questo perno moncone devo tassativamente smettere di fumare, o mi ritrovo in questa situazione solo perché l'operazione dentistica è avvenuta da poco ????? scusatemi ma non so che fare così dal nulla mi sto preoccupando

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Salve,
la tranquillizzo dicendole che non esiste alcuna correlazione tra il fastidio che descrive ed il "perno moncone".
Se la gengiva e ' gonfia e si è "annerita" le cause sono di altra natura.
Non potendola visitare on line non posso far altro che suggerirle
una visita di controllo dal suo dentista per una diagnosi chiarificatrice.
Buona Giornata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Gentile utente, qualunque macula del cavo orale che non scompare spontaneamente in 15 giorni deve essere accertata. Il perno moncone su radice dentale può convivere con il tabagismo, ma le consiglio vivamente di abbandonare il fumo.
Controlli se chi le ha applicato il perno moncone è iscritto all'ordine dei medici, se non lo ritrovasse iscritto lei sta correndo dei rischi, perchè i non laureati non conoscono le patologie dei tessuti molli del cavo orale e potrebbe rischiare una mancata diagnosi precoce di un patologia tumorale.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/