Utente 345XXX
Buongiorno,
Soffro tutti i giorni di mal di testa al risveglio da ormai quasi 3 anni.
Provo anche un senso di fastidio ai denti e se faccio toccare le due arcate i denti tremano.
Il mio neurologo mi ha prescritto Rivotril 0.5 mg 1 compressa la sera più un bite per la notte.
Volevo chiedervi: che differenza c'è tra un bite da 150 euro e uno da 500 (entrambi fatti su misura)? C'é realmente differenza nei risultati della cura del bruxismo oppure è solo una questione di prezzo?

Grazie, cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il problema del bruxismo e non é ad oggi del tutto chiarito, e la visione attuale ha molto ridimensionato la componente patogenetica di origine occlusale.
Tuttavia, a prescindere da un possibile ruolo causale, che personalmente non escludo (ma è una mia opinione), le due problematiche Bruxismo e cefalea da disfunzione delle Articolazioni Temporo Mandibolari - ATM) possono coesistere, e necessitare di terapia entrambe. La cefalea mattutina è spesso associata a disturbi respiratori nel sonno.
La prima differenza fra i vari bite che possono essere realizzati sta nell'obierttivo che il dentista si è posto nel prescriverli.
Il bite rappresenta la configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista-gnatologo che lo prescrive e fa realizzare: è quest’ultima, cioè la prestazione culturale che il paziente acquista, non l''oggetto artigianale che qualunque tecnico realizza in un''ora di lavoro, e che è di infimo valore venale se disgiunto dalla prima.
Uno gnatologo, come ogni professionista, si colloca nella fascia professionale in cui ritiene di potersi collocare, e che i pazienti gli riconoscono, anche per quel che riguarda la parcella richiesta .
Apra gli articoli linkati qui di seguito: forse troverà alcuni aspetti che la riguardano..
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/7140-ruolo-occlusione-patogenesi-bruxismo.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/934-cefalea-viene-bocca.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-sonno-disfunzioni-cranio-mandibolo.html?refresh_ce
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 345XXX

La ringrazio per la risposta esaustiva.
Mi è stato proposto in un centro dentistico un bite a 100 euro. Controllando su internet tale centro viene lodato dalle recensioni per l'alta qualità ad un prezzo molto onesto.
Cosa ne pensa?

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Come le dicevo, uno gnatologo, come ogni professionista, si colloca nella fascia professionale in cui ritiene di potersi collocare, e che i pazienti gli riconoscono, anche per quel che riguarda la parcella richiesta .
100 € non fanno pensare ad una alta professionalità, ma uno può anche decidere di lavorare gratis.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente 345XXX

Buonasera,
Oggi ho effettuato una visita dentistica.
Il dentista ha affermato che il problema non è, al contrario di quello che dice il neurologo, il bruxismo, ma un problema di malocclusione.
Secondo il suo parere i miei denti non sarebbero erosi o consumati, ma mi ha fatto notare che solo i denti laterali hanno le due arcate coincidenti, mentre quelli frontali non toccano tra di loro (in mezzo c'è come un sottile spazio vuoto).
Questa situazione di non equilibrio metterebbe in tensione i muscoli facciali e quindi provocherebbe i mal di testa quotidiani al risveglio.
Suggerisce di indossare un apparecchio per 24 mesi e non un bite (che secondo lui tamponerebbe il problema ma senza risolverlo).
Ho 21 anni, e preferirei non indossare un apparecchio per così tanto tempo (anche per il costo).
La cosa che mi sta più a cuore è far cessare i mal di testa (a volte anche torcicollo).
Potrei provare ad acquistare un byte, seguendo la terapia del neurologo? Oppure sarebbe più efficace l'apparecchio?

Grazie, distinti saluti

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il bite costituisce solo una terapia iniziale di una disfunzione cranio-mandibolare , una via di mezzo fra la conferma diagnostica e una prima terapia. E' del tutto evidente che, rimosso il bite , di giorno se prescritto per la sola notte, come anche rimosso definitivamente dopo mesi, il paziente possa essere esattamente come quando ha cominciato: il bite costituisce solo una terapia iniziale di una disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM). Successivamente, MA SOLO SUCCESSIVAMENTE AL RAGGIUNGIMENTO DI UN BUON SUCCESSO CLINICO CON IL BITE si dovrà provvedere ad una riabilitazione ortodontica, protesica o mista che confermi il risultato ottenuto con il bite, oppure proseguire, come compromesso, con il bite a vita.
A mio parere, se non si ottiene un risultato adeguato con il bite , non é prudente iniziare un trattamento tendenzialmente irreversibile , quale è quello ortodontico.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#6] dopo  
Utente 345XXX

La ringrazio.
Ma qui il bite che utilità avrebbe se, come ha suggerito il dentista, io non soffro di bruxismo?
E perché mi sveglio al mattino con il mal di testa (mentre la sera decresce)?

[#7] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
L'unica cosa che i scrive è "Soffro tutti i giorni di mal di testa al risveglio da ormai quasi 3 anni".
Una accurata visita gnatologica dovrebbe essere in grado di inquadrare meglio la sua situazione, prima di decidere la migliore e più adatta terapia.
Le suggerisco una visita al mio sito internet, dove trova tutta la lunga serie di conseguenze, spesso attribuite ad altre cause, che un problema gnatologico può sostenere.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#8] dopo  
Utente 345XXX

Ne parlerò in modo approfondito coi miei genitori, per poter inquadrare meglio il problema.
Volevo porle una domanda: cercando su internet i vari tipi di malocclusione, io dovrei averne una di seconda classe (ossia l'arcata superiore prominente rispetto a quella inferiore).
Tuttavia vengono sempre riportati casi e figure estreme in cui il difetto di malocclusione è ben evidente. E anche a me capita di notare persone con l'arcata superiore molto più prominente della mia, ma allora perché non sono tutte afflitte da cefalee? Perché la mia malocclusione, che è "visibile" solo da voi esperti, da' origine a forti cefalee quotidiane?
La ringrazio

[#9] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Una grave malocclusione può essere asintomatica , e una lieve può procurare sintomi importanti: non esiste una causalità stretta, ma una predisposizione: in presenza di questa predisposizione , un paziente può campare 100 anni asintomatico, un altro cade in patologia.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#10] dopo  
Utente 345XXX

Buonasera, il mio dentista mi ha proposto per il bruxismo/malocclusione un bite da 1200 euro.
Al di là del prezzo, che mi sembra un po' alto, mi è stato consigliato di rimuovere prima i 4 denti del giudizio poiché in questo modo la masticazione potrebbe migliorare e anche col bite andrei più "sul sicuro". Tuttavia i denti del giudizio non mi danno fastidio o dolore.
Secondo lei è davvero consigliabile rimuovere i denti del giudizio o è un' operazione aggiuntiva che potrei evitare?(anche per il costo aggiuntivo, soprattutto se in futuro sarà necessario l'apparecchio fisso)

Grazie, Cordiali saluti

[#11] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, I denti del giudizio sono spesso accusati a torto di avere un ruolo importante nell'insorgenza della malocclusione, ma possono avere indicazioni a se stanti per la loro estrazione. Raramente, però, sono responsabili di problemi come quelli di cui lei cerca la soluzione: comunque bisognerebbe poter vedere.
In particolare , se alla viglia di un trattamento ortodontico un dente del giudizio appare atteggiato in maniera da frenare il piano di trattamento, può essere corretto estrarlo preliminarmente.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#12] dopo  
Utente 345XXX

La ringrazio.
Prima di questo dentista ne avevo contattati altri due ed entrambi mi avevano consigliato non un bite (poichè secondo loro tamponerebbe il problema ma senza risolverlo) ma di iniziare subito con l'apparecchio.
Sono due procedimenti equivalenti secondo lei?

[#13] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Il bite costituisce solo una terapia iniziale di una disfunzione cranio-mandibolare , una via di mezzo fra la conferma diagnostica e una prima terapia. E' del tutto evidente che, rimosso il bite , di giorno se prescritto per la sola notte, come anche rimosso definitivamente dopo mesi, il paziente può essere esattamente come quando ha cominciato: successivamente si dovrà provvedere ad una riabilitazione ortodontica, protesica o mista che confermi il risultato ottenuto con il bite, oppure proseguire, come compromesso, con il bite o con altro dispositivo intraorale a vita.
Per contro, a mio parere, se non si ottiene un risultato adeguato con il bite , non é prudente proseguire con trattamenti irreversibili, sia protesici che ortodontici che, senza la preliminare fase con il bite, rischiano di assomigliare ad un'avventura nel deserto senza bussola.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#14] dopo  
Utente 345XXX

Ho deciso di non rimuovere i 4 denti del giudizio (in modo da risparmiare 600 euro).
Volevo chiederle un'altra domanda: secondo lei io soffro di malocclusione, bruxismo o entrambe le cose?
Perché, nonostante io al mattino presto mi accorga di avere la bocca serrata, i dentisti precedenti mi avevano rassicurato dicendomi che il mio problema è la malocclusione poichè i denti non sarebbero consumati (dato che non potrebbero nemmeno toccarsi, o comunque solo ben pochi di essi).
Quest' ultimo dentista ha invece parlato più di bruxismo .

Grazie, cordiali saluti

[#15] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il Bruxismo è fenomeno multifattoriale e oggetto di discussione in sede scientifica: sulle sue cause la ricerca non ha ad oggi fatto adeguata chiarezza.
Nel suo racconto riferisce cefalea , che potrebbe riportare anche ad una patogenesi occlusale del suo bruxismo.
Il ruolo dell’Occlusione nella patogenesi del Bruxismo in tempi recenti appare ridimensionato , mentre sono emersi ipotesi e componenti patogenetiche diverse, di prevalente derivazione centrale anziché periferica, che suscitano l’interesse dei ricercatori. E’ infatti emerso il ruolo dell’Apnea Ostruttiva nel Sonno (OSAS), di alcuni mediatori chimici, e si è indagato anche su alcuni fattori psicosociali. Fra le comorbilità rimane aperto sopratutto il collegamento con i disordini dell’ATM.
Analizzate singolarmente, però, tutte queste più recenti ipotesi patogenetiche mancano, al pari dell’Occlusione , di chiara conferma scientifica relativamente ad un nesso di causalità diretta e lineare. Il concetto di Malocclusione, che pure rientra nell’ambito dell’ Occlusione, può però fornire una diversa visione , e permette di prendere in ragionevole considerazione un ruolo causale indiretto dell’Occlusione nel Bruxismo, in quanto spesso responsabile o comunque coinvolta in tutti questi argomenti.
Nel suo caso, pertanto , non trascurerei la presenza di malocclusione dentaria, valutando un possibile coinvolgimento della Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), sulla presenza di problemi respiratori nel sonno (le risulta di russare?).
Le suggerisco nuovamente, se non l'ha fatto, di leggere l'articolo che si apre con questo link , e anche quello linkato in fondo all'articolo stesso.

https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/7140-ruolo-occlusione-patogenesi-bruxismo.html

Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#16] dopo  
Utente 345XXX

La ringrazio della risposta esauriente.
Un'ultima questione: a volte, durante il giorno mi sdraio per rilassarmi, quando mi rialzo noto una sensazione di testa molto appesantita e il mal di testa aumenta con anche un senso di disorientamento.
Questo può centrare con la malocclusione?
Grazie

[#17] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Le caratteristiche individuali di un disturbo vanno seguite durante il trattamento: possono far parte del corollario sintomatologico come anche no.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#18] dopo  
Utente 345XXX

Buongiorno,
Il sopracitato dentista mi ha fatto un preventivo di ben 4000 euro (che comprende bite, estrazione denti del giudizio, cure per 30 mesi).
Dato che questo preventivo mi è sembrato davvero esagerato (sia per il prezzo sia per il fatto dei denti del giudizio, che mi avete sconsigliato di rimuoverli) ho nel frattempo contattato altri due dentisti.

1) Il primo (ortodonzista), afferma che, prima di qualsiasi trattamento ortodontico, bisogna capire la causa della mia malocclusione (andando a step) e perché si è verificata così in fretta (nell'arco di pochi anni).
Mi chiedono di fare una ortopantomografia e teleradiografia per escludere alcune possibili cause della malocclusione. Successivamente dovrei togliere tutti i denti del giudizio (che potrebbero essere coinvolti nella malocclusione), fare uno "studio del caso" (210 euro) e solo allora poter realizzare il bite.
Secondo loro il mio bruxismo è causato da una instabilità dei denti, che durante la notte cercano una posizione più "stabile" (anche se secondo me ha una forte componente emotiva)

2) Il secondo (medico chirurgo odontoiatria) afferma che sono visibili alcuni segni del bruxismo sul lato destro e che non ho clic o problemi articolari all'ATM.
Mi ha proposto un bite da 400 euro (o più precisamente una placca di svincolo) che va opportunamente "alzata" per correggere la malocclusione. Questo per capire se può esserci un miglioramento dei sintomi.
Non ha parlato di denti del giudizio o altre operazioni da fare prima del bite


Secondo Lei qual è la strada migliore?
Io preferirei la seconda, poichè la mia problematica principale è la cefalea e non la malocclusione (con cui potrei benissimo conviverci: anche mia sorella ha lo stesso problema ma nessuna sintomatologia).
Inoltre è una strada molto più economica dell'altra.

Grazie, cordiali saluti

[#19] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Non ne ho idea: senza vedere , le ipotesi possono essere tutte giuste e tutte sbagliate.
Sui denti del giudizio le ho già risposto.
Quello gnatologico è un campo molto fumoso, con poche o nulle certezze scientifiche, molta approssimazione, e ampia variabilità di comportamenti nei vari operatori che si definiscono "gnatologi". Ogni operatore applica l'approccio diagnostico e terapeutico che , nelle proprie mani , gli risulta più efficace.
Il bite rappresenta la configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista-gnatologo che lo prescrive e fa realizzare: è quest’ultima, cioè la prestazione culturale che il paziente acquista, non l'oggetto artigianale che qualunque tecnico realizza in un'ora di lavoro, e che è di infimo valore venale se disgiunto dalla prima.
Se un bite è stato prescritto per non bruxare la notte , è molto probabile che il Collega non abbia inteso considerare gli altri sintomi che lei lamenta, che, sottolineo, non sono presenti solo di notte.
Infine, uno gnatologo, come ogni professionista, si colloca nella fascia professionale in cui ritiene di potersi collocare, e che i pazienti gli riconoscono, anche per quel che riguarda la parcella richiesta .
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#20] dopo  
Utente 345XXX

La ringrazio dell'esauriente risposta.
Dove posso trovare un bravo gnatologo in provincia di Milano? Con quale criterio dovrei sceglierne uno piuttosto di un altro?

[#21] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Su questo non la posso aiutare.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#22] dopo  
Utente 345XXX

Ha ragione.
Una sola domanda: esistono gnatologi non "privati" ma accessibili tramite la mutua?

[#23] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Ufficialmente esistono di certo.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#24] dopo  
Utente 345XXX

Sono stato dallo gnatologo.
Mezz'ora di visita, 120 euro. 
Mi ha detto che non ho nessuna problematica all' atm.
Tuttavia, il mal di testa potrebbe essere causato dalla grave malocclusione, che nel 90 percento dei casi non produce cefalea, ma io farei parte dell'altro 10 percento.
Mi ha detto che c'è contatto solo tra i settimi. 
Mi ha consigliato due terapie alternative:
-Bite notturno in associazione ad ansiolitici (probabilmente Valium)
-correzione della malocclusione con ortodonzia (dopo aver rimosso denti del giudizio) più eventuale chirurgia ortognatica

Mi chiede inoltre RMN dell'atm.

Io ovviamente opterei per la prima visti i vostri consigli.
Cosa ne pensa dell'associazione con gli ansiolitici? 
Grazie, cordiali saluti

[#25] dopo  
Utente 345XXX

*il bite proposto è un bite superiore di tipo flos

[#26] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, quello gnatologico è un campo molto fumoso, con poche o nulle certezze scientifiche, molta approssimazione, e ampia variabilità di comportamenti nei vari operatori che si definiscono "gnatologi". Ogni operatore applica l'approccio diagnostico e terapeutico che , nelle proprie mani , gli risulta più efficace.
Fra i vari approcci gnatologici possibili, personalmente privilegio il trattamento con bite in tutte le 24 ore, pasti esclusi: si tratta di uno schema terapeutico contemplato nella lettertatura scientifica, e che sono quindi pienamente legittimato a proporre, senza nulla togliere ai Colleghi che operano diversamente.
Il disagio durante il giorno, se il bite è ben conformato, dura poche ore o pochi giorni: il cava e metti , invece lo perpetua.
In problema ATM é un problema ortopedico: nessun ortopedico le consentirebbe di togliersi il gesso di giorno e di rimetterlo la sera, solo perché non se la sente di andare al lavoro con il gesso.
Per quel che mi riguarda , dunque ritengo più efficace un bite che si porta h 24 : la notte dura 8 ore , e con 8 ore avanti e 16 indietro si rischia di non fare molta strada. E' ben vero che una certa memoria posturale potrebbe far mantenere un buon risultato anche togliendo il bite di giorno, ma si tratta di una risposta favorevole individuale, sulla quale ho deciso non contare quando tratto un paziente , in particolare con un quadro come il suo.
Per contro, a mio parere, se non si ottiene un risultato adeguato con il bite , non é prudente proseguire con trattamenti irreversibili, sia protesici che ortodontici che, senza la preliminare fase con il bite, rischiano di assomigliare ad un'avventura nel deserto senza bussola.
Anche queste, comunque, sono mie considerazioni personali.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com