Utente 148XXX
Buongiorno,
vorrei chiederle un consulto circa la situazione di mia madre:
i medici che seguono mia madre hanno individuato nel Lapatinib(Tyverb®), in associazione alla Capecitabina (Xeloda®), la migliore terapia per il tumore mammario metastatico di cui è affetta.
Il problema è che questi farmaci sono causa di forti e ricorrenti fenomeni di dissenteria(anche a dosaggio ridotto e in monoterapia), così da rendere necessaria la sospensione della terapia.
Quale terapia o atro achema preventivo o curativo sarebbe possibile mettere in atto contro gli effetti collaterali succitati, che non siano solo i fermenti lattici e/o la loperamide, con i quali non siamo riusciti a combattere la darrea ricorrente?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

si può tentare con ondansetron e derivati. Tali farmaci antinausea difatti hanno come effetto collaterale la stipsi e possono frenare l'eccessiva motilità intestinale. La loperamide ed i fermenti lattici possono essere un utile coadiuvante. Se la diarrea è eccessiva comunque occorre valutare l'opportunità di modificare lo schema terapeutico poichè la mucosite da chemioterapici (che causa la diarrea) può portare serie complicanze.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 148XXX

Il medico che segue mia madre tempo fa fece riferimento ad un possibile nuovo farmaco indicato proprio contro gli effetti collaterali del lapatinib. ma poi non ne ha fatto più menzione. Lei è a conoscenza di novità in tal senso?
Personalmente ho anche sentito parlare dell'octreotide.