Utente 193XXX
gentili dottori,
mia madre sta facendo delle sedute di chemioterapia in seguito alla rimozione di un carcinoma al seno sinistro.Dopo le prime due sedute l'oncologo le ha consigliato l'impianto di un port a cath,visto che si avevano problemi a "trovare" la vena al braccio,e visto che dopo la seconda seduta questa vena si è bruciata.adesso con il port va meglio,ma ogni settimana deve fare delle analisi per controllare l'emocromo,e queste vengono fatte su quel braccio,dove però,gli analisti trovano sempre difficoltà a trovare queste benedette vene.cosa si può fare?ci sono farmaci che aiutano il risanamento di queste vene,o altri rimedi?
ringrazio tutti per le risposte e vi auguro buone feste!

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
difficile; ci sono dei farmaci che possono rinforzare di poco le vene, ma non sono il rimedio.
Volendo (eccetto che per la coagulazione) si potrebbe usare lo stesso port
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)