Utente 689XXX
Cari Dottori,
a mio padre è stato diagnosticato, in seguito ad una biopsia, un tumore alle vie biliari, un colangiocarcinoma abbastanza aggressivo. L'unica risposta possibile, a quanto pare, è la chemioterapia.
Quello che mi chiedo, e che vi chiedo, è possibile che tutto ciò si sia verificato nel giro di un paio di mesi?? Quante sono le possibilita che questa terapia abbia effetti positivi?
Mio padre ha 57 anni, non fuma più da circa 10 anni, e negli ultimi due mesi ha perso circa 15 chili.

Vi ringrazio in anticipo.

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Sicuramente la strada intrapresa è la più corretta (anhe se mancano i dati sulla stadiazione della patologia).
Purtroppo tale patologia è subdola, forse un tantino in più delle altre per l'aggressività della stessa al suo manifestarsi. La chemio in alcuni casi riesce a rallentarne l'evoluzione.
Non si disperi sul come, ma guardi avanti e faccia coraggio (oltre che a sè) anche a suo padre, ne avrà bisogno.
Ci tenga informati se le fà piacere; cercheremo nei limiti del mezzo mediatico, se possibile, di renderci utili.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)