Utente 936XXX
Buongiorno.
Sono stata operata per un adenocarcinoma al colon discendente il 12 novembre.
La classificazione patologica è stata g2 pT3 pn0 pmx, stadio B2.
In ogni modo i lnfonodi erano liberi, anche 1 linfonodo preaortico, e il liquido peritoneale pure.
Ora sono sotto chemioterapia adiuvante con capecitabina (6 mesi)
Vorrei una vostra opinione su questi punti:
1. ogni quanto è consigliabile fare la colonscopia? E per quanti anni generalmente si fanno le tac dopo la chemio?
2. ho 36 anni. Credete che potrei avere un'altra gravidanza, anche se in tarda età? (sempre che vada tutto bene, naturalmente)
3. la colonscopia non è conciliabile con la gravidanza?
Grazie per il consulto

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

il follow-up oncologico dopo il trattamento chemioterapico ha la durata di 5 anni. Questa convenzione porta dopo tale termine a parlare ragionevolmente di guarigione completa (fatta salva l'evenienza di recidive molto tardive). I controlli post-terapia sono cadenzati in modo tale da essere in primis piuttosto ravvicinati e poi più diradati nel tempo. Nulla vieta una gravidanza trascorso un tempo ragionevole dalla chemioterapia (almeno sei mesi). Anche la colonscopia è conciliabile con una gravidanza.

un grande in bocca al lupo

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 936XXX

La ringrazio per il consulto.
La disturbo solo per togliermi un dubbio: persone che hanno vissuto direttamente o indirettamente questo tipo di patologia, mi hanno tutte consigliato piuttosto di fare una tac in meno e una colonscopia in più, nel senso che in alcuni casi la tac all'addome inferiore sembra non essere in grado di "vedere" la recidiva quando è allo stadio iniziale. Quanto c'è di vero, e lei cosa consiglierebbe in merito?

[#3] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Dipende da cosa si cerca... se si cerca una recidiva sull'anastomosi (quindi all'interno dell'intestino residuo) è meglio una colonscopia... se si deve indagare il resto degli organi addominali, occorre una TC. L'approccio migliore è quello di controlli mirati ed integrati.

Un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it