Utente 521XXX
Salve buonasera,
Chiedo aiuto per mio padre! Paziente operato di adenocarcinoma al retto 4 anni fa e da allora possessore di una colonostomia.
Da ieri pomeriggio dopo aver evacquato dopo pranzo, non riesce più a mandare nulla nella sacca. Nemmeno aria. Oggi in mattinata dopo una visita dallo stomista, che dopo esplorazione digitale ha riscontrato un "tappo" di feci dure, gli è stato prescritto il Levoulac come unica soluzione per sbloccare la situazione. Mio padre ha un principio di diabete ed è la prima volta che si trova in una situazione del genere. Ha dolori all'addome e un senso di pesantezza che si trascina da ieri pomeriggio.
Qualcuno potrebbe chiarirmi le idee sui rischi e sui tempi in cui questo trattamento dia dei frutti?
Grazie mille

[#1]  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

buonasera. Si tratta della tipica condizione clinica nella quale visitare il Paziente e palpare l'addome diventa indispensabile.

In linea generale il lattulosio (Laevolac) entro breve tempo deve dare un effetto.

Se così non fosse esistono altri farmaci in grado di facilitare l'espulsione delle feci ma occorre comprendere per quale motivo l'espulsione si è rallentata rispetto al passato e le feci sono diventate più consistenti.

Anche banalmente delle modifiche nell'alimentazione e la minor assunzione di liquidi può influire.

Consiglio pratico può essere quello di far visitare il Paziente nuovamente e se vi sono dubbi circa la natura della problematica avviare una diagnostica strumentale (endoscopia, RX diretta dell'addome e monitoraggio radiologico del transito intestinale in prima ipotesi)

Cari saluti ed in bocca al lupo per tutto
Dr. Carlo Pastore
https://www.ipertermiaitalia.it/