Utente 542XXX
Gentile dottore, più di due mesi fa noto che sull’areola del seno sinistro compare una sorta di micosi che mi causa un fortissimo prurito. Uso del pevaril crema e dopo qualche settimana i sintomi migliorano e sospendo l’applicazione. Dopo una settimana il prurito ed il dolore si ripresentano e la chiazza si ingrandisce fino ad arrivare al capezzolo. Ancora per qualche settimana alterno Pevaril e creme emollienti ma la situazione continua a peggiorare. Decido di consultare un dermatologo e dopo aver esaminato l’area è fatto un vetrino esclude micosi ma mi informa che l’indo Verrò sottoposta a biopsia in quanto sospetta una malattia di paget. A distanza di 3 settimane non ho ancora ricevuto l’esito dell’esame istologico (nonostante sia stato richiesto con carattere d’urgenza), la situazione peggiora di giorno in giorno, oltre al prurito, la pelle dell’areola è come desquamata e secca, con delle croste, il seno mi brucia e mi fa male ed ho una sensibilità spropositata al capezzolo. In attesa dell’esame istologico ho chiesto al mio dermatologo se fosse il caso di iniziare a vedere un senologo ma mi ha chiesto di aspettare. Premetto che nella mia famiglia, in linea paterna, si contano 7 casi di tumore al seno e che sono molto fiscale con le mammografie (l’ultima risale a 5 mesi fa ed era a posto). Ho 48 anni e sono in menopausa da un anno.
Sono molto preoccupata e mi piacerebbe conoscere il suo parere.
Referti ed immagini eventualmente disponibili in messaggio privato.
Ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Le rispondero' senz'altro ma dovrebbe con il copia incolla ripostare la sua storia e la sua chiara richiesta di consulto

Su

https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-5374.html

Perche' nel suo caso per comprendere meglio la mia replica potrebbe essere necessario che IO ALLEGHI (qui non e' consentito) alcune immagini. per una diagnosi differenziale con il Paget

La pagina, che le ho allegato (Blog Ragazze Fuori di Seno) si aggiorna continuamente con l'arrivo dei post e comunque con il copia incolla puo' postare nell'ultima pagina del blog in fondo in basso dove c'e' una finestra per I commenti.

Si presenti per favore con un nome, MI RACCOMANDO.
(Ovviamente va bene anche un nome di fantasia se ci tiene alla privacy).
.
SPECIFICHI SE PRESENTA UNA STORIA FAMILIARE PER TUMORE AL SENO O ALL'OVAIO.
Cioe' specifichi l'eta' di insorgenza del tumore nei suoi familiari


L'aspettiamo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 542XXX

Buongiorno dottor Catania,
La ringrazio per la pronta risposta, posterò la mia richiesta sul blog!!
Un saluto cordiale
Sandra

[#3]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Intanto in attesa dell'esame istologico la tranquillizzo perche' il Paget ha un comportamento piu' insidioso e lento della sintomatologia che descrive.

Ma qui non e' consentito allegare immagini .
Concordo ovviamente sulla necessita' di una diagnosi certa nel suo caso stante la sua storia familiare .
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 542XXX

Gentile dottor Catania,
La ringrazio per l’interessamento. Ieri è arrivato l’esito dell’esame istologico ed aveva ragione lei, ed io sono felice!!! Si tratta di un eczema.
Nulla succede a caso, a volte la vita ci prospetta le cose peggiori solo per farci capire quanto siamo fortunati e lo capiamo in un attimo, all’improvviso, quando la paura ci assale e sgretola il terreno sotto i nostri passi. Forse è una paura che ci rende più sensibili, più empatici, quella paura che ha provato a farci camminare, anche solo per poco, con le scarpe degli altri e ci ha fatto capire quanto invece fossero comode le nostre di scarpe. Dovremmo imparare il sentimento della gratitudine, perché nulla dovrebbe essere scontato, anche se troppo spesso lo dimentichiamo. Ieri sera ho tinto i miei capelli di rosa, un colore simbolo e spero di portare fortuna a tutte quelle donne che ogni giorno lottano contro il mostro Ed alle quali mi sento molto vicina. Un abbraccio a tutte ed a lei per il supporto.
Sandra