Utente 351XXX
Salve, ho fatto una Tac total body per stadiazione cancro mammario e questo è il referto:

TC CRANIO, COLLO, TORACE, ADDOME SUPERIORE ED INFERIORE: esame eseguito senza (cranio e add. sup.) e dopo MdC per vena (Iomeron 300 mgI/ml) e completato da ricostruzioni MPR.
CRANIO: non alterazioni densitometriche a carattere ripetitivo a carico del parenchima cerebrale. Non stravasi ematici.
In asse le strutture della linea mediana.
Nella norma le ossa della teca cranica.
COLLO: non linfoadenopatie ingrandite, lungo le catene giugulo carotidee bilateralmente e nel triangolo adiposo giugulo di gastrico.
TORACE: in esiti di QUART a DX, non sono apprezzabili segni di recidiva locoregionale della patologia di base.
Piccoli linfonodi, in sede ascellare omolateralmente, delle dimensioni comprese tra 5 mm e 9 mm circa.
Linfonodi sub-centimetrici in sede ascellare sinistra.
Non alterazioni parenchimali a focolaio con caratteristiche di attività. Non falde di versamento pleurico e/o pericardico.
Non linfoadenopatie ingrandite in ambito mediastinico.
ADDOME SUPERIORE ED INFERIORE: in ambito epatico, sono apprezzabili ipodensità similcistiche sub-centimetriche, quelle maggiormente evidenti localizzate nel IV, V, VII e VI segmento epatico, con dimensioni comprese tra 2 mm e 5 mm circa (date le piccole dimensioni utile follow-up strumentale). Colecisti distesa, a pareti regolari, indenne da formazioni calcolotiche radiopache.
Non dilatazione delle vie biliari intra- extra epatiche e del coledoco. Milza omogenea, nei limiti dimensionali.
Presenza di milza accessoria di 11 mm circa.
Surreni nei limiti norma.
Pancreas nei limiti morfovolumetrici, senza segni di dilatazione del Wirsung.
Reni bilateralmente in sede, nei limiti morfovolumetrici, senza segni di idronefrosi.
Utero nei limiti morfovolumetrici.
Cisti follicolari a sinistra.
Vescica distesa, a pareti regolari e contenuto omogeneo.
Falda fluide in sede pelvica inferiore, a livello del Douglas, con spessore massimo di 24 mm circa (pz in fase pre mestruale).
Non linfoadenopatie ingrandite addomino-pelviche.

Posso stare tranquilla? Anche per quanto riguarda le ipodensità similcistiche sub-centimetriche? Cosa sono? Grazie

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dovrebbe allegare anche l'esame istologico del tumore primitivo e spiegare quale sia stata l'interpretazione di questo referto che , avra' verificato anche lei, non parla di sospette metastasi.
Se desidera un approfondimento
Le rispondero’ senz’altro, ma dovrebbe ripostare con il copia incolla sul link che le allego di seguito perche’ per comprendere meglio la mia replica potrebbe rendersi necessario allegare qualche immagine (qui non e’ consentito).
Questo e’ il link dove ripostare
https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-9175.html

La pagina si aggiorna continuamente per l’arrivo di altri commenti. Se guarda in fondo alla pagina ,e se ha fatto il login, si apre una finestra dove potra’ postare il copia incolla.

Ripeta tra i dati eta’ ed esito di visite o esami strumentali e se ha una familiarita’ per tumore al seno ed ovaio.
Deve presentarsi (obbligatorio) con un nome e anche di fantasia se lo desidera va benissimo.
Mi raccomando due volte e' obbligatorio !
L’aspettiamo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 351XXX

Dottore, la ringrazio per la risposta. Non ho le immagini, le ritirerò più avanti. Il mio tumore era adenosquamoso triplo negativo a bassa aggressività. La mia preoccupazione era che quelle"ipodensità similcistiche sub-centimetriche" possano essere metastasi.

[#3]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non servono le immagini , ma il referto e come e' stato interpretato.
E le ho spiegato dove ripostare tutto con il copia incolla
.
https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-9251.html

e come ripostare
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com