Utente
Gentili dottori buonasera.
Abuso della vostra pazienza sperando di ricevere risposta.
A mia sorella è stato diagnosticato un tumore al seno di 2 cm nel mese di febbraio.
Ha fatto chemio neoadivante che per fortuna ha sopportato bene senza grossi effetti collaterali.
Venerdì i controlli: massa dimezzata, nessun organo coinvolto compreso i linfonodi.
Dissero già a suo tempo che era un carcinoma in situ che probabilmente aveva in corpo da due anni.
Lei è perplessa per l'intervento, dal momento che pur avendo una situazione in evoluzione positiva vogliono fare masectomia e rimuovere tutti i linfonodi ascellari, con cicatrici al posto del seno per almeno un anno e successive radioterapie per un mese.
Volevo chiedere un parere su questa scelta per l'intervento.
Chiedo anche se è vero che può comportare danni seri e permanenti al braccio e se, allo stesso tempo, questo eccesso di prudenza può davvero ridurre le possibilità di metastasi a distanza e recidive.
Loro tendono ad escludere metastasi future perché era un tumore primo stadio e credono che togliendo i linfonodi sarà quasi impossibile una recidiva.
Chiedo anche se, post intervento, possiamo dire che il tumore è sconfitto o è ancora presto per esultare.
Mia sorella ha 30 anni.
Grazie

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è chiaro perchè , se si tratta di un carcinoma in situ, vorrebbero fare lo svuotamento ascellare.
Dovrebbe spiegare bene la situazione dello stato linfonodale al momento in cui ha iniziato la neoadiuvante.

Se desidera un approfondimento ( e quando le rispondero' glielo comunichero' anche qui)
Le rispondero’ senz’altro, ma dovrebbe ripostare con il copia incolla sul link che le allego di seguito perche’ per comprendere meglio la mia replica potrebbe rendersi necessario allegare qualche immagine (qui non e’ consentito).

Questo e’ il link dove ripostare

https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-16540.html

La pagina si aggiorna continuamente per l’arrivo di altri commenti. Se guarda in fondo alla pagina ,e se ha fatto il login, si apre una finestra dove potra’ postare il copia incolla.
Ripeta tra i dati eta’ ed esito di visite o esami strumentali e se ha una familiarita’ per tumore al seno ed ovaio.
Deve presentarsi (obbligatorio) con un nome anche di fantasia se lo desidera va benissimo.
OBBLIGATORIO PRESENTARSI CON UN NOME ANCHE DI FANTASIA. Lo ripeto due volte mi raccomando.

L’aspettiamo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente
Senz'altro entrerò nel forum. Prima della neoadivante tac pulita, non c'era traccia di nulla nemmeno nei linfonodi.