Utente 779XXX
Salve, a mio padre la settimana scorsa è stato diagnosticato il seguente male: "voluminosa lesione espansiva neoformata solida in sede frontale dx che sconfina nell'emisfero sn per erniazione subfalcale..marcatoenhacement contrastografico"... RM encefalo confermava la diagnosi della voluminosa neoformazione, riferibile in prima ipotsi a meningioma.
Noi abbiamo scelto di non farlo operare vista l'eta avanzata di 84 anni e i rischi che i dott ci hanno illistrato. Lo hanno dimesso ed ora è a casa da 3 giorni sotto terapia : Mannitolo 18% 100ccx6 - Zyloric cp 300 1/2 compr ogni 20 ore - cipralex - sivastin cp 20 1 comp ogni 20 ore - bentelan fl4 1 fiala ore 8 e 20 - zantac cp 150 1 comp ore 8 - clexane 4000 ui 1 fiala ore16 - amiodar 200 mg 1 cp al dì per 5 gg . elettrolitica.
La mia domanda è se è ipotizzabile una terapia diversa, radio o chemio, e a che cosa nadrà in contro mio padre una volta sospesa la terapia di mannitolo?

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
NON CREDO CHE ESEGUIRE UNA TERAPIA SENZA CONFERMA ISTO-CITOLOGICA SIA FATTIBILE.
INOLTRE NON CREDA CHE ESSE NON SIANO SCEVRE DA EFFETTI COLLATERALI; ANCHE IN QUESTO CASO SI DEVE TENERE CONTO DELL'ETà.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#2] dopo  
Utente 779XXX

Salve dott, grazie per la risposta.
Secondo lei come si evolverà questo male, che affetti avrà una volta sospesa la terapia con il mannitolo, oggi il dottore ha detto di scendere a 100 cc per 3 e pesno che sia l'ultimo giorno anche di cortisone... è strano ma lui alterna momenti di lucidità a momenti di confusione e da quando lo abbiamo portato a casa dall'ospedale è più vigile.

Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
è difficile ipotizzare come evolverà considerando che non sappiamo di cosa stiamo parlando
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)