Ho 61 anni dovrò togliermi il chiodo endomidollare?

Buonasera! Sono stata operata per una frattura pluriframmentaria tibia perone con lieve compromissione del malleolo Mi é stato inserito un chiodo endomidollare con5 viti e il filo di K nel perone Dopo 4 mesi cammino bene ma ho ancora rigidità e, un bozzo di callo osseo (presumo) sporgente sopra la frattura
Questo rigonfiamento rigido scomparirà?
Alla mia età (61) é preferibile rimuovere il chiodo?
Essendo una podista quando potrò tornare a correre?
Grazie infinite
[#1]
Dr. Efisio Musu Ortopedico 1.1k 76
I mezzi di sintesi generalmente ,quando il processo di riparazione della frattura è completato, si rimuovono.
Quello che avverte come un bozzo in corrispondenza del focolaio di frattura sarà col tempo parzialmente o totalmente rimodellato.
La rigidità articolare scomparirà con la fisioterapia e la mobilizzazione attiva della caviglia.
La ripresa della corsa sarà decisa dal chirurgo che l’ha sottoposta a intervento.
Cordiali saluti.

[#2]
Utente
Utente
Grazie infinite dottoressa !Quale fisioterapia consiglia ?Ed ora,a distanza di 4 mesi, è ancora utile oppure è sufficiente un'attività sportiva lieve ?
Mi è stato proibito di correre prima del 15 luglio...Cosa ne pensa?
Il chirurgo che mi ha operato sostiene che é meglio asportare solo le viti ed il filo di Kirshner e lasciare il chiodo endomidollare ..Mi interessa la sua opinione a riguardo
Cordiali Saluti