Lesioni capo corto bicipite brachiale e ssp

Lesioni capo corto bicipite brachiale e al sovraspinato.
Dall’ecografia risulta: rottura completa tendine capo breve bicipite a livello della giunzione miotendinea.
Il CLB è ispessito e presenta segni di tendinosi.
Una lesione focale di 6x1.2mm è presente nel SSP prossimalmente all’inserzione in sede profonda.

Dalla RMN risulta: Notevolmente assottigliato il tendine del sovraspinto per lesione di alto grado verosimilmente a tutto spessore con iniziale retrazione prossimale del ventre muscolare.
Nulla di significativo tendini ISP e piccolo rotondo. Modica tendinosi sottoscapolare.
Il tendine del CLB non appare apprezzabile in sede di decorso fisiologico per verosimile lesione di alto grado.

Considerando che non si presentano limitazioni significative nella mobilità dell’arto su tutti i piani vorrei avere un parere su:
1. coerenza esami Ecografici e RMN
2. possibilità di recupero attraverso trattamento riabilitativo senza intervento chirurgico
3. limitazioni funzionali e sportive dopo recupero
4. ulteriori danni possibili
Grazie!
[#1]
Prof. Alessandro Caruso Ortopedico, Medico fisiatra, Medico dello sport, Medico osteopata 4,1k 134 1
egr. signore di Arezzo, il caso clinico da lei esposto parla di una degenerazione avanzata dei tendini della spalla.
In effetti la tendinosi, ossia l' usura del tendine che porta lentamente alla rottura sottocutanea del tendine stesso,è
da seguire .
Lei ha una funzionalità discreta poichè tiene ancora il tendine del capo lungo del bicipite e del sovraspinoso che però sono notevolmnete usurati e degenerati. Essendo lei ancora giovane esegua un consulto specialistico ortopedico per valutare se vi è " una sindrome da impingement " per il tendine del sovraspinoso e se è conveniente eseguire un intervento chirurgico adesso, anzichè attendere una possibile rottura completa dei tendini.
Certamente che la FKT è importante ed indispensabile , ma nel caso di grave quadro di tendinosi sopratutto del tendine CLB e Sovraspinoso non previene certamente una sempre possibile rottura da usura.
Studiare attentamente la RMN, l'ecografia e importantissimo l'esame clinico-funzionale della spalla.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo//Fisiatra
Università di essina

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2]
dopo
Utente
Utente
Chiar.mo Professore,
Innanzitutto grazie per la sua email.
Chi mi ha valutato è un chirurgo ortopedico e al momento non raccomanda l'esecuzione dell'intervento anche in ragione dell'assenza (o forse del superamento) di una sindrome da impingment.
io sono una persona molto attiva e pratico molti sport.
Per quanto possa moderare la mia attività è difficile "risparmiarmi" in tutte le situazioni.
Nel caso di rottura dei tendini e di intervento successivo quali potrebbero essere le conseguenze? Mi rendo conto che non è una domanda facile. Ma mi basterebbe avere un orientamento.
La ringrazio ancora e la saluto cordialmente.
[#3]
Prof. Alessandro Caruso Ortopedico, Medico fisiatra, Medico dello sport, Medico osteopata 4,1k 134 1
Egr. signore di Arezzo, le ho parlato da chirurgo traumatologo e le assicuro che può fare sport con impegno e serenità.
Invece alla sua domanda logica è semplice la riposta: In caso di rottura tendinea con severe limitazioni funzionali articolari, c'è sempre la possibilità di riparare le lesioni strutturali.
Sarànno la valutazione della rmn e dell'esame clinico-funzionale della spalla al momento a stabilirlo.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie di Cuore (d'atleta)!

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test