Utente
Salve.
Da ormai alcuni mesi soffro di dolori alla spalla dx ed a seguito di RMN è stat stilata la seguente diagnosi: "Minimo versamento articolare e lieve tenosinovite del CLB. Non si rilevano significative alterazioni di spessore e di segnale nei tendini della cuffia rotatoria. Possibile Slap Lesion di 2° grado."
Premetto che svolgo regolarmmente da 9 anni circa attività di bodybuilding e che il dolore non ha avuto inizio dopo/durante una sessione di allenamento.
Durante questi ultimi mesi ho sospeso tutti gli esercizi che mi provocavano dolore, ho lavorato sulla cuffia del rotatorio per rafforzarla, ho assunto antifiammatori per una settimana circa.
Ad oggi il dolore si è ridotto molto anche se non posso riprendere l'attività come vorrei.
Mi consiglia di eseguire un intervento e risolvere definitivamente? Quali sono i tempi di recupero totale in questi casi?
Ultimamente mi sono accorto di avere molto spesso (anche la notte) formicolii alla mano e sensazione di "perdita di forza" o di eccessiva stanchezza nell'avembraccio/mano sx (sensazione simile a quando ci svegliamo al mattino), e talvolta veri e propri addormentamenti del braccio (la notte).
Devo far presente, per completezza, che ad Ottobre 2006 ho avuto un incidente stradale (con ribaltamento) abbastanza serio da cui sono uscito fortunatamente illeso; dato l'esito e le circostanze, non è seguito (dorse stupidamente) nessun controllo medico.

Purtroppo in questi ultimi giorni, a seguito dei formicolii e sensazioni sopra descritte, ho fatto cio' che un non medico non dovrebbe mai fare: cercare su google.
Con tali sintomatologie si trovano le patologie più terribili (sclerosi, sclerosi amiotrofica e via discorrendo) a cui non vorremmo andare mai incontro; purtroppo mi lascio condizionare molto facilmente da queste cose e adesso sono molto spaventato (sicuramente inutilmente). Quali analisi/esami mi consiglia di fare per potermi tranquillizzare su tutti i fronti?
Ringrazio sin da adesso chi scriverà una risposta, e mi scuso inoltre per la stupidità dell'ultimo paragrafo.

[#1]  
Attivo dal 2007 al 2017
Purtroppo internet ha pregi e difetti...
1°escluderei le patologie neurologiche "terribili".
L'esame che valuta la " funzionalita" di un nervo è l'esame EMG
(elettromiografico) la "cervicobrachialgia " potrebbe infatti derivare dal colpo di frusta del rachide cervicale avvenuto nell'incidente.
Negativo quello mi concentrerei sulla patologia propria della spalla in quanto una Slap può comportare un deficit di forza anche se minimo, è chiaro che tutto andrebbe sempre valutato con un attento esame clinico.

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto la ringrazio molto per la Sua risposta.

Verissimo, purtroppo prima di cercare su internet non ho pensato che leggere sarebbe stato solo deleterio.

Veniamo al resto.
Ho effettuato analisi del sangue di routine (come faccio tutti gli anni) di cui ritirero' quest'oggi i risultati e mi riprometto di indicarle qui.

Il mio medico mi ha prescritto un EMG al braccio destro (quello la cui spalla è affetta da slap) che presso la mia struttura ospedaliera non effettueranno prima di ottobre.. per cui mi dovro' rivolgere a studio privato (ammesso che sia effettuato tale esame in abito privato).
Ho indicato al mio medico anche il senso di spossatezza che in questi giorni avverto continuamente durante tutta la giornata; quel tipo di spossatezza e di 'realtà ovattata' (mi perdoni, non so come definirlo) che si avverte di solito soltanto appena svegli, come se non fossi coinvolto in prima persona in quello che faccio.

Ho fatto presente anche la sensazione di leggero formicolio che avevo avuto un paio di giorni prima anche al piede sinistro, ma non lo ha ritenuto degno di importanza. Non so se l'autosuggestione abbia colpito o meno, ma nemmeno a farlo apposta per tutta la giornata ho avvertito un leggero formicolio ed pseudo-intorpidimento che mi ha accompagnato sino al momento di coricarmi. Si è alleviato sino a scomparire (anche se permaneva una certa 'pesantezza') solo in posizione supina.
Si mantiene pero' un senso di affaticamento dei muscoli di entrambe le gambe (sopratutto quadricipite femorale) che, per quanto in parte lo associ alla paura & ansia, capisco poco dato che è comunque è sempre stato uno dei muscoli più forti del mio corpo.

Potrebbe essere quindi tutto legato ad una patologia cervicale o comunque qualcosa di correlato all'incidente, nonostante siano trascorsi così tanti mesi?
Ho intenzione di distrarmi con l'allenamento per evitare di somatizzare ulteriormente tutte le mie paure; secondo lei dovrei evitare esercizi che caricano la colonna (tipo squat, oltre ovviamente a quelli non indicati per la slap) fino a che non sarà chiara la situazione?

Ancora grazie del Suo aiuto.

[#3] dopo  
Utente
Come promesso, riporto che le analisi di sangue ed urine sono perfetti come al solito.

[#4]  
Attivo dal 2007 al 2017
Il formicolio al piede sinistro è un sintomo comparso ex novo rispetto la prima E mail, tuttavia io sono ancora "tranquillo" sulle patologie "terribili" neurologiche, mentre quello del braccio a naso , deve essere meglio documentato.Tutti gli esercizi sia per la spalla che per la colonna in acqua hanno una ridotta gravità, quindi fino a completamento di accertamenti possono essere eseguiti.
In bocca al lupo

[#5] dopo  
Utente
Salve a tutti i medici che leggeranno. Vorrei aggiornare la situazione, che al momento purtroppo non si è ancora risolta.

Dall'ultima volta che ho scritto, si sono presentati nuovi sintomi ed alleviati altri ed ho eseguito varie visite e molti esami semnza pero' riuscire a venire a capo di nulla. Cerco di riepilogare.

Dopo i primi formicolii e fastidi si sono presentati fini tremori da prima alla gamba sx e poi via via ovunque. Fini tremori praticamente impercettibili esternamente se non in particolari movimenti (tipo sollevando una bottiglia di acqua). I formicolii/fini tremori li ho avvertiti talvolta (e brevemente) anche sul pene.
Tali fini tremori da prima presenti solo durante il giorno sono poi continuati anche durante la notte;in concomitanza con questi avvertivo una 'non fluidità' dei miei movimenti sopratutto chinandomi,scendendo le scale o abbassando un braccio dall'alto al basso.
Con il passare dei giorni si sono attenuati e sono praticamente scomparsi. Si faceva pero' sentire una specie di debolezza a livello dei muscoli della mascella (del tipo che mi dava quasi fastidio masticare un chewingum), e una tendenza a spostare (imamgino inconsciamente) la mascella in avanti senza pero' digrignare i denti.. cosa poi attenuata e scomparsa quasi del tutto. Ho passato un periodo un po' migliore (prima metà settembre-inizio ottobre) in cui pero' è comparsa una sensazione di perdita di urina: parlo di sensazione perchè poi, portato a controllare dal fastidio, verificavo che nessuna perdita era avvenuta.. se non magari una piccola goccia dopo aver urinato; dapprima sensazione presente continuamente e fastidiosissima che con il passare dei giorni si è attenuata fino a praticamente scomparire.
Da un paio di settimane o poco più da oggi i sintomi si sono ripresentati quasi in modo simile. Dapprima un fastidio alla gamba sx, poi formicolio, poi i fini tremori (anche se meno marcati della prima volta), la sensazione di movimento non fluido, sensazione di perdita di urina, vista stanca. Il formicolio questa volta non si è pero' attenuato e persiste da ormai una settimana buona; è un formicolio leggero (non quello forte che si avverte dopo un mancato afflusso di sangue per capirsi) ma costantante (che talvolta sembra pulsare). Si attenua un bel po' quando vado a dormire (permangono pero' i fini tremori) per poi ripresentarsi al mattino dopo che mi sono alzato. Tale leggero formicolio si ripresenta nuovamente anche sul pene in modo molto sporadico e per brevissimo tempo (anche meno di un minuto).
In concomitanza si è ripresentata la senzazione di perdita di urina non pero' continua come la prima volta, ma solo dopo aver urinato o sporadicamente durante la giornata in modo lieve.

In queste settimane ho avuto mal di gola (con un po' di catarri a livello di faringe e non di bronchi, almeno così mi sembra) non fortissimo che pero' sta perdurando da una settimana e mezzo circa (nonostante sciacqui e pastiglie di Borocillina) ma a cui il mio medico non ha dato grosso peso..
Ultimamente mi sento spesso le mani ed i piedi freddi e talvolta avverto com una sensazione di fresco al glande, soffrendo un po' di più in generale il freddo (sono sempre stato un tipo 'caloroso' tanto da non vestirmi mai troppo pesante neanche d'inverno).
Da tener presente che a metà agosto ho avuto un fortissimo mal di gola senza placche ne febbre (prima che iniziassero tutti i problemi), risoltosi in una settimana circa senza farmaci.

In tutto questo non ho notato significativi cali di forza se non quelli dovuti al periodo di stop dall'allenamento di qualche mese, che ho ritenuto abbastanza normale (sto riprendendo l'attività e mi sembra che bene o male la forza stia pian piano tornando quella che era).

Da agosto ho effettuato più o meno in quest'ordine:
- RMN Lombo sacrale: Rigidità del tratto esaminato, modeste manifestazioni di spondilosi e di artrosi interapofisaria;l'ampiezza del canale è normale; normale idratazione dei dischi intersomatici;modesta protrusione ad ampio raggio dei dischi L3-L4 ed L4-L5. Muscoli psoas simmetrici.Non si rilevano masse paravertebrali.
- 2 visite neurologiche (una in Pronto soccorso ed una privatamente)
- EMG Per spasmofilia a braccio dx: Negativa.
- Tampone faringeo per streptococco beta: negativo.
- RX Rachide Cervicale: tutto normale
- Analisi del sangue, tiroide ed urine: tutti nei valori normali.
- Analisi sangue (VES, ASO, elettroforesi,emocromo,proteina c reattiva, ed ancora urine): tutti valori nella norma, eccetto fibrinogeno leggermente basso (213mg/dl) e ASO a 264UI/ml (avevo pero' mal di gola nel periodo del prelievo).
- RMN Cervicale ed Encefalo (le visionerà anche il neurologo tra un paio di settimane): Encefalo -> Non si rilevano aree di alterato segnale in sede sotto e sovratentoriale, normale il corpo calloso,la linea mediana è in asse, normali i tronchi arteriosi della base, modesta sinusite mascellare destra. Cervicale -> Minimi fenomeni degenerativi interessano tutti i dischi, ma non vi sono sporgenze tali da determinare impegno durale e mieloradicolare. Normale il midollo. Regolare la giunzione cranio-cervicale,bulbo-midollare e cervico-dorsale.

Quindi *per fortuna* tutti mi sembra che abbiano escluso una patologia neurologica importante che immagino sarebbe sicuramente risultata alle RMN.

Tuttavia continuo a non sentirmi bene. Tutti mi ripetono che non ho nulla, che si tratta di ansia, che devo solo stare calmo. Sto prendendo anche del biancospino che favorisce la tranquillità.
A me sembra di essere apparentemente calmo; cerco di fare vita normale.. esco, vado in giro, vado in palestra.
Capisco che in parte possa esserci un'ansia di base ed inconscia dal sentirmi non a posto e non sapere cosa ho.. ma tale da giustificare tutto cio'.. bho, non lo so.

Mi scuso se non è la sezione giusta per il consulto, ma ho preferito accodarmi a quanto già scritto per evitare il ripetermi inutilmente in altre sezioni. Spero che possa leggere anche qualche specialista in neurologia o altra disciplina che possa essere attinente con il mio caso.. anche perchè ormai non so più veramente a chi appellarmi.

Vi ringrazio di essere arrivati sin qui e scusate se sono stato prolisso.

[#6] dopo  
Utente
Vorrei aggiungere una cosa che mi sono dimenticato di scrivere sopra. Nelle ultime settimane è presente, oltre a tutto il resto ed al persistere di problemi alla gola, una leggera febbricola che rilevo al pomeriggio (la mattina quasi mai, come la sera); febbricola che si attesta su valori che vanno da 37.1-37.3, tale che a volte non la avverto nemmeno senza misurarla.

[#7] dopo  
Utente
Ulteriore aggiornamento che spero fornisca qualche indicazione in più..

Ho preso su prescrizione del medico per 3 giorni (1cpr al giorno) la Trozomicina, oggi l'ultima compressa.

Speravo di avere dei risultati apprezzabili.. ed invece..
Il mal di gola se ne sta si andando (non avverto quasi più nulla in gola) ma la febbricola (37.2 oggi) è sempre li che non se vuol proprio andare, così come gli altri 'sintomi'.

Vi prego, datemi un consiglio. Magari si tratta di una banalità che da luogo a tutti questi problemi.. ma non vorrei che il trascurarla non individuandola portasse a cose peggiori.

:-(

[#8] dopo  
Utente
La febbricola (oggi 37.4) pomeridiana continua ad essere presente insieme al resto.
Ho avuto nei giorni scorsi anche episodi di mal di stomaco di breve durata, sia a stomaco pieno che vuoto; non sono imputabili all'antibiotico perchè il primo episodio l'ho avuto prima di assumere il medicinale.

Sto continuando la mia vita normale: lavoro, svago, palestra e quant'altro ma non vedo l'ora di uscire da questa cosa (sperando che sia un qualcosa dal quale posso uscire) per tornare ad essere esattamente come prima, fisicamente e mentalmente.

[#9] dopo  
Utente
Spero che questo post possa essere utile ad altri che si riconoscono in questo quadro.

Se sono qui a scrivere significa che nessuna patologia terribile :) mi ha colpito.

I problemi se ne sono andati così come erano arrivati.. senza aver diagnosticato alcunchè, se non appunto il problema alla spalla.

Ad oggi, a 7 anni di distanza, diciamo che sto bene.. sonoin compagnia dei problemi tendinei alle spalle che si infiammano quando vogliono, mi fanno compagnia anche epicondiliti varie, una simpaticissima artrosi all'anca (che a 35 anni è un amore).. ma mi sono sposato, ho avuto una bimba, continuo ad allenarmi coi pesi e tutto passa in secondo piano.

Se avete sintomi controllatevi, andate dai medici e fatevi esami.. ma se non vi diagnosticano nulla (mio suggerimento personale) non vi accanite troppo perchè l'ansia e la paura giocano brutti scherzi.

Saluti!