Utente
Buongiorno, mio figlio, 9 anni, cammina con le punte dei piedi rivolte all'interno, in particolare quello sinistro. Ho fatto fare visita ortopedica che ha stabilito: piedi lasso cavi anteriori con marcia a punte in dentro. Consigliato plantari (con specificate caratteristiche) con rialzo di 1/2 cm.
Oltre a ciò è possibile far eseguire una fisioterapia specifica o sport che possano migliorare il problema? Oppure devo impedirgli di fare qualche tipo di sport? I plantari ogni quanto vanno sostituiti? L'ortopedico che ha visitato mio figlio è senza dubbio un ottimo medico ma mi è parso un pò parco nel dare informazioni. Oppure sono io che vedo la necessità di maggiori informazioni dove in realtà non ve ne è bisogno? Ringrazio anticipatamente per la gentile risposta.

[#1]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gentile utente, solo il fatto che lei abbia sentito il bisogno di chiederci chiarimenti denota che non li abbia avuti dallo specialista! Quindi non è lei, anzi, rispondere alle domande dei genitori e chiarire tutti gli aspetti è fondamentale anche per tranquillizzarli.
Per quanto riguarda la diagnosi, non è la terminologia che di solito io uso per la descrizione di un piede. La deambulazione a punte in dentro può essere dovuta soprattutto a coxa valga antiversa, parafisiologica nel bambino e che di solito migliora da sola senza bisogno di plantari. Lo sport, se non controindicato dallo specialista dopo visita, nel bambino fa solo bene, e fa bene farne di ogni tipo e cambiare spesso. Mentre i genitori si lamentano che ogni anno il figlio vuole fare uno sport diverso e non è costante, io sono ben felice che il suo corpo sperimenti diversi stimoli!
Un plantare, di solito, va sostituito una volta all'anno, dopo visita di controllo.
Infine, in linea generale, un piede lasso si giova dello stare senza scarpe, del lavorare nudo, del rinforzarsi acchiappando cose con le dita, del saltare e correre, come fanno tutti i bambini, mentre si "addormenta" ancora di più con un plantare. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it