Utente
In seguito alla frattura del quinto metatarso , sono stata ingessata fino al ginocchio con prospettiva rimozione gesso dopo 40 giorni ( 20 dei quali sono già trascorsi) contestualmente dall' ortopedico mi è stata prescritta seleparina 0,4 da iniettare ogni giorno finchè non ci fosse stato il pieno carico del piede, sospensione per il corrispettivo tempo della pillola anticoncezionale. Nel rilascio delle ricette da parte del mio medico di base, è stata espressa perplessità per questa precauzione CHE SE ANCHE HA SOTTOLINEATO ESSERE DA PROTOCOLLO, sembrava eccesiva considerato la mia anamnesi e quella familiare, il mio peso , la mia non totale staticità e le dimensioni ridotte della parte immobilizzata ( che non riteneva , tra l' altro , capace di sprigionare nell' eventualità , trombi preoccupanti).
Nell' incertezza io sto continuando ogni giorno a fare punture di seleparina, ma volevo chiedere se , davvero , potrei ormai evitarle, ridurne il dosaggio o , magari , scalarne a giorni alternati. Grazie per l' attenzione

[#1]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
Una terapia profilattica con eparina è ritenuta necessaria in ogni immobilizzazione dell'arto inferiore, e deve essere fatta a dosaggi terapeutici, altrimenti è inutile farla. Per me, il collega ortopedico è stato attento e scrupoloso.
Cordialità.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#2] dopo  
Utente
Ringrazio per la risposta chiara e puntuale .... Continuerò come sto già facendo.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente
Buongiorno,
l' apparecchio gessato mi è stato rimosso con rx conseguente dal quale è risultata un " faticosa" evoluzione verso la guarigione. Mi è stata prescritta calza elastica a gambaletto, carico parziale del piede a tolleranza mia con assistenza di stampelle per due settimane , fisioterapia e proseguimento di terapia eparinica. Non mi è stato specificato se portare la calza elastica tutto il giorno e anche durante la notte. Solo da due giorni ne faccio uso , ma a me pare che quando la tolgo il piede sia molto gonfio e livido proprio alla base delle dita e in piu' mi provoca dolore alla caviglia quando cammino. Secondo lei è normale cio' ? Dovrei ridurne l' utilizzo o c'è qualcosa che possa aitare a sgonfiarsi il piede?
Ringrazio per l' attenzione e auguro buon lavoro.

[#4]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
La fisioterapia in acqua è molto utile per ridurre il gonfiore, a meno che non ci siano controindicazioni nel caso specifico.
Con la calza può succedere quello che dice, quando stringe molto sul piede. Ne parli con chi l'ha prescritta, anche del fatto di tenerla la notte.
Cordialità.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it