Utente
salve cari medici!
io nel lontano 2009 ho avuto un incidente con la moto e il piede dx ha subito una forte storta che mi ha causato il distaccamento di un frammento di astragalo. nel mio ospedale mi hanno ingessato per un mese non sapendo che mi si era rotto un pezzo di astrgalo, e finito il mese non riuscivo neanche a poggiare il piede atterra con il gesso. subito dopo sono stato operato per la rimozione ed ora a distanza di parecchio mi fa male... e ogni volta che gioco a calcetto o corro etc esco zoppicando un pò, ho fatto una risonza e questo è il referto:

Indagine condotta mediante sequenze PDW, T2tse FatSat, T2FFE e sequenze T1FatSat dopo somministrazioni di mdc i.v. (dotarem 0,5mmmol/ml, 12ml) condotte su piani sagittali, coronali ed assiali.

Si evidenziano i seguenti reperti:

-area di alterato segnale a livello del margine inferiore, articolare, dell'astragalo. L'alterazione appare rappresentata da ara di sfumata ipointensità in PDW, cui corrisponde elevazione del segnale nelle sequenze T2 in soppressionde del grasso, localizzata nella trama spongiosa subcondrale, a margini appena sfumati, ma che si associa a fini irregolarità dell'interfaccia subcondrale.
- l'area di alterazione astagalica ha dimensioni di circa 10x6mm, ma anche il versantecalcaneare è presente analoga alterazione rappresentata da una banda lineare subcondrale di segnale elevato (in T2Spir)
-si associa, inoltre, segnale disomogeneo per il rivestimento condrale del versante astragalico
-quadro di sinovite perilegmentosa a livello dello Spring Ligament Complex
-dopo somministrazione del mdc paramagnetico si evidenzia solo un modesto potenziamento a livello delle aree subcondrali e dell'ispessimento sinoviale perilegamentoso
-non si evidenziano alterazione del segnale RM in altre porzioni scheletriche della caviglia, in particolare a livello dell'apice del malleolo tibiale
-integre le strutture legamentose sul comparto mediale e laterale
-regolare il rivestimento condrale dell'astragalo

il quadro descritto appere suggestivo per gli esiti di un progresso trama sitorsivo-contusivo con aree di sofferenza ossea subcondrale nelle regioni descritte e sinovite cronica a livello del seno del tarso.

volevo sapere sa qualcuno di voi esperti può leggere questa diagnosi e dirmi se posso tornare a giocare a calcio intranquillità o il mio piede sta messo male.

Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Diego Esposito

28% attività
4% attualità
8% socialità
SALICE SALENTINO (LE)
TAVIANO (LE)
GALLIPOLI (LE)
ALLISTE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
gentile utente , in base a quanto descritto dal referto della RM, sembrerebbe che il suo dolore sia causato , a prescindere dal frammento osseo che le è stato rimosso, da una sofferenza cronica su base traumatica della articolazione sottoastragalica , giunto articolare interposto tra astragalo e calcagno molto sollecitato durante il carico ed i movimenti di torsione del piede . Le consiglierei un periodo di riposo e comunque ritengo sia utile un controllo clinico ortopedico .
Dr. DIEGO ESPOSITO
specialista in ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
CHIRURGIA ARTROSCOPICA SPALLA E GINOCCHIO
CHIRURGIA DELLA MANO

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio della risposta!
ma questa sofferenza può essere causata dall'operazione che magari non è stata fatta proprio al meglio?
io ho 18 anni e sinceramente non mi va di limitare le mie possibilità in ambito sportivo di qualsiasi genere...
potrei anche riaprire la causa con l'assicurazione e avere un ulteriore risarcimento?
ora come ora che mi consiglia di fare? apparte ovviamente un controllo ortopedico.