Utente
buonasera , mio figlio di 21 anni ha da 8 giorni febbre alta. Siamo rientrati da poco dal pronto soccorso per una brutta tonsillite . Sono 8 giorni che fa antibiotci prima 4 giorni con augmentin poi visto che la febbre non diminuiva il medico è venuto ed ha riscontrato una brutta gola con placche ed ha intrapreso nuova terapia 1 iniezione al di di rocefin e claritromicina 250 x 2 volte al dì ,dopo 4 giorni non è cambiato nulla anzi dopo antipiretico la temperatura scende a35,5 con perdita di liquidi enormi e tremori forti dopo al rialzo . La gola non è più dolorante ma ci sono ancora striature bianche e eritema rosso puntiforme fra ugola e palato. Al pronto soccorso hanno ritenuto molto bassa la dose di claritromicina ed hanno aumentata con 500 x2 volte .é stato stasera aggiunto bentelan da 1.é una terapia giusta ? ho ansia da febbre alta...aiutatemi non sono mai stata cosi in ansia.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Cara Signora, non vedo motivi per essere in ansia. La terapia farmacologica prescritta è idonea,se la natura della patologia è di origine batterica, solamente che il dosaggio cortisonico mi sembra un po' basso. Per questo, consiglio di portarlo ad almeno 16 mg. al giorno. Per la febbre superiore ai 38° puo' dare un qualsiasi antipiretico. Una volta guarito, dopo una decina di giorni, utili degli esami, quali: tampone faringeo per la ricerca di germi patogeni; emocromo con formula, tas, ves, azotemia, glicemia, proteina c reattiva, mucoproteine, HBV citomegalovirus, toxoplasma, es urine. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie infinite ,seguirò i suoi consigli . Tre anni fa mio figlio ha contratto il citomegalovirus è immune ?

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non è detto che non possa essere soggetto ad ammalarsi nuovamente, al contatto con il virus.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
buonasera dottore,finalmente la febbre è passata,ieri pomeriggio è arrivata 37 max. oggi tutto ok anche se ancora stanotte ha sudato e la vecchia magliettina di lana della nonna e' un vero toccasano . secondo lei per quanto tempo è giusto continuare antibiotico,cortisone e rocefin. quando potrà ricominciare università e poi calcio. vorrei che non avesse ricadute . Grazie infinite

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Consiglio di completare la terapia antibiotica e cortisonica sino ad almeno l'ottavo giorno dall'inizio della terapia. Puo' incominciare ad uscire nelle ore piu' calde dopo un paio di giorni dalla fine della febbre. Puo' riprendere a giocare a calcio dopo una decina di giorni dalla guarigione , cosi' come frequentare luoghi chiusi come le aule universitarie, per evitare delle ricadute. Utile un integratore almentare polivitaminico e con elettroliti. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Era tutto perfetto poi stamani dopo nottata con sudore, si è svegliato con eruzione dorso e addome che si è propagata a braccia e mani , mai stato allergico a niente ,ho chiamato il medico il quale ha sospeso tutto tranne betotal. é giusto?

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Utilissima, in questi casi, l'assunzione di un antistaminico
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
siamo a un punto fermo ,non avevo niente in casa di antistaminico, sono andata in farmacia ma senza ricetta non mi davano neanche polaramin. Sono andata in serata alla guardia medica e mi ha detto che era meglio portarlo al pronto soccorso (senza averlo visto)perchè poteva avere problemi di respirazione. Intanto a distanza di circa 48 ore dall'ultima somministrazione di cortisone e rocefin (l'altro antibiotico era già stato assuntola mattina di venerdi prima di aver parlato col medico) ieri sera la temperatura era 37,8. Partiamo x pronto soccorso ,visitano il ragazzo e mi chiedono se ha avuto tutte le malattie infettive (morbillo ,scarlattina) .Non hanno dato nessun antistaminico o cortisone ,ma fatto prelievi e messo in attesa di visita dermatologica. Stamani temp .36'5 ,ma che cosa stà succedendo non riesco a capire cosa devo fare non voglio lasciarlo li ,qual'è la cosa giusta da fare?

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi pare di capire che suo figlio sia stato tenuto in osservazione in Ospedale. Purtroppo, non possiamo fare altro se non attendere domani quando verrà visitato dagli Specialisti. Credo che si tratti di una allergia, comunque. Mi dispiace non poterla aiutare piu' di tanto, ma sono a disposizione per chiarirle ogni dubbio. Attendo notizie del ragazzo.
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente
eccoci... siamo a casa con diagnosi di mononucleosi acuta.Mancano ancora alcuni esami ma il referto è questo. Sono ritornate le placche che ricoprono tutte le tonsille ma la febbre sale un po la sera ma non supera i 37,5.La terapia è medrol 16mg 1per 5 gg,poi a scalare nei successivi 10gg (non ho idea come a scalare ) . Siamo comunque più tranquilli e affronteremo con tanta pazienza la non corta convalescenza. Penso che avrò sicuramente bisogno di consigli in seguito , anche perchè non sarà facile tenerlo fermo x un mese (se basterà). mi può spiegare come scalare medrol? C'è un modo per aiutare le placche a staccarsi ? Grazie infinite

[#11]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Siamo arrivati ad una diagnosi, per fortuna non grave, ci vuole solo un po' di pazienza. Importante in questo periodo una alimentazione sana, non molto calorica, grassa, e riposo fitico, poichè gli organi piu' interessati sono il fegato e la milza. Utile, quindi, che suo figlio sia seguito, in questo periodo, anche da un Internista. Per favorire il distacco delle placche, puo' far fare dei gargarismi con coca-cola. Per quanto riguarda lo scalare del cortisone, si deve attenere alle indicazioni date dagli Specialisti. Personalmente, in non faccio scalare la dose, considerata la breve durata della terapia ed il farmaco piu' moderno rispetto a quelli del passato.
Dr. Raffaello Brunori

[#12] dopo  
Utente
Buonasera dottore,le cose penso si stiano sistemando,è una settimana che mio figlio è rientrato all università e a parte un pò di stanchezza ma nemmeno troppa sta bene . Chiaramente niente calcio e alimentazione abbastanza controllata, oggi abbiamo ritirato esami che avevano fatto il 30 novembre prima di dimetterlo e vorreiun suo consulto
VES 30
EMALOGIA:
sideremia 45 piastrine 213
glob.bianchi 12.9 linfociti 7,44
chimica clinica:
colest HDL 15
ast su siero 172 alt su siero 244
ck " " 30
ldh " "590
sierologia;
titolo antistreptolisinico 372
titolo antistafiliolinisico 4 (inf a2)
monotest posit VCA igG sup120 VCA igM sup 120
Come siamo messi ? ora sta bene però?

[#13]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Certo, ancora le analisi non sono perfette, ma compatibili con quanto avuto. Pian piano, senza sforzi fisici ed una attenta alimentazione, puo' riprendere la sua vita normale. Purtroppo, gli esiti dureranno ancora per un bel po' di tempo. Importante è che ogni tanto si sottoponga ad una visita medica di controllo. Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori