Utente
Salve, la mia situazione è un pò complicata, probabilmete molte info saranno superflue, ma riporto tutto lo stesso. Cominciò tutto attorno a metà febbraio, mi svegliai con un forte mal di testa che continuò per quasi tutto il giorno, e così fu anche nei 2 giorni consecutivi.
Premetto che non soffro assolutamente mai di mal di testa, quindi sono andato dalla guardia medica che ha notato i linfonodi leggerissimamente ingrossati, e si ipotizzò una leggere mononucleosi.
Al terzo giorno di mal di testa cominicia a salire la febbre che mi accompagnerà per una decina di giorni.
Durante la prima settimana di febbre (in attesa del responso delle analisi del sangue) mi è stato ordinato di prendere il macladin (o qualcosa di simile, purtroppo non ricordo il nome esatto). Poi arrivano le analisi che escludono la mononucleosi, ma la febbre continua a tornare, soprattutto alla sera.
Allora il medico di base associa al macladin un anitbiotico per le vie urinarie: chinoplus.
Gli effetti positivi sono immediati, la febbre compare solo alla sera e in forma leggera (probabilemente per la stanchezza).
Quando ormai sembra che tutto si stia risolvendo, arriva un mal di gola.
Ma dopo un giorno mi accorgo che tale dolore non si propaga a tutta la gola, anzi rimane solo sulla parte sinistra. Vado dall' otorinolaringoiatra d' urgenza e viene fuori che ho fatto un ascesso alla tonsilla sinistra.
Si accennava addirittura all' asportazione delle tonsille, ma il medico di base ci ha assicurato che è superfluo visto che questo è il primo problema alle tonsille dopo 21 anni.
Comunque mi viene ordinata una cura di deltacortene 25mg e 10 punture di Fidato 1g/3.5 ml (un farmaco equivalente).
Oggi ho fatto la terza puntura.
E qui arriviamo al punto di questa richiesta di consulto: pensavo che le cosse stessero andando bene, perchè l' infezione non si è propagata all' altra tonsilla, ed erano comparse solo 2 piccole plcche tra l' ugola e il palato.
Oggi però mi sono accorto che sono comparse placche su entrambe le tonsille!!
Non so cosa pensare.. la tonsilla a destra non mi dà problemi a deglutire, il problema è solo a sinistra, e se non avessi notato le placche avrei pensato che le cose stessero quasi migliorando.
Ora, il consulto con il medico di base per fare il punto della situazione è tra 2 giorni, cioè a metà cura, e se le cose non migliorano di prenoterà una visita seria a pagamento. Il fatto è che tra una cosa è l' altra passeranno alemno altri 4-5 giorni, e non frattempo chi pensa alle mie tonsille??
Quindi vorrei sapere cosa ne pensa lei della comparsa di placche ?
Perchè da profano si protrebbe anche pensare siano sfoghi positivi.. in fondo da quello che ho capito l' ascesso è un' infezione con pus che non esce.. quindi se sulla tonsilla si formano delle placche con pus, si potrebbe anche pensare ad un miglioramento..
E riguardo alla tonsilla sana (destra) con la placche che si può dire ?

Grazie per la collaborazione, distinti saluti.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Io preferirei che ti facessi visitare il prima posibile, magari rivolgendoti al pronto soccorso dell'Ospedale della tua città. Non voglio spaventarti, ma con l'ascesso tonsillare non si scherza: puo' essere pericoloso! Il Medico di famiglia ha preso sottogamba il caso, prescrivendo anche antibiotici non idonei. Le placche non vanno considerate positivamente, nel tuo caso. Dammi retta, recati al Pronto soccorso e dammi notizie. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
capisco, grazie del consiglio.
Avrei qualche altra curiosità prima di andare alla visita:
- Secondo lei perchè le cure sarebbero state sbagliate ?
- Così su 2 piedi senza visitare: consiglia di continuare con antibiotici, passare al drenaggio del pus, o all' asportazione diretta delle tonsille ?

Anche perchè non so più cosa pensare visti i pareri così discordanti fra il Suo, quello del medico di base, e dell' otorino..

In ogni caso ci tengo a precisare che il cortisone sta facendo effetto, e la febbre non c'è più da ormai 3-4 giorni. Questa mattina il dolore continua ad essere abbastanza tranquillamente sopportabile, anzi, a differenza degli altri giorni non ho ancora preso l' oki per darmi un pò di sollievo.. è bastata una semplice caramella golia..

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Io non sono in grado di fare una diagnosi, in mancanza di un riscontro clinico. Dico solamente che se di ascesso si tratta, il tutto puo' diventare pericoloso per una possibile setticemia, per esempio. L'antibiotico prescritto non è idoneo per la cura di un ascesso: occorre una cefalosporina e non un macrolide. Poi, l'ascesso deve essere drenato, pemna l'insorgenza di complicanze. Ecco perchè ti invito a farti visitare il prima possibile, anche per capire di cosa stiamo parlando.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Salve, riesumo questo consulto perchè ci sono state "interessanti" conseguenze. Sabato 12, dopo l' ottava puntura di Fidato su 10 da fare, sono andato dall' otorino per chiedere chiarimenti sulla mia situazione. Questa volta le cose sono andate meglio, la diagnosi preliminare si è scoperto essere sbagliata, si trattava "solo" di tonsillite.
Ma probabilmente il tutto è stato provocato da una mononuclesi sottovalutata e non rilevata dagli esami del sangue fatti troppo presto.
Allora martedì sono andato a rifare gli esami. Nel frattempo già da domenica hanno cominiciato a togliersi in massa le placche, che al lunedì erano quasi sparite, ed al martedì le tonsille erano pulite e in fase di "sgonfiamento".
Ora, sono appena andato a ritirare le analisi, che mostrerò lunedì 21 allo stesso otorino. Ma 2 cose mi hanno lasciato perplesso e spero possiate aiutare prima di lunedì.
Allora, la parte "b_esame emocromocitometrico" è regolare.
Mentre nella parte "formula leucocitaria" ci sono 2 dei 6 parametrei parametri alterati:
- WBC globuli bianchi: sono 10.5 anzichè all' interno del range 4-10 con unità di misiura 10^9/L
- Linfociti: sono a 6.9 ben oltre il range 0.9-4 con unità di misiura 10^9/L.

gli altri parametri sono: neutrofil, monociti,eusonofili, basofili.

C'è anche una nota finale: presenza di numerosi linfociti attivati e quadro compatibile con infezione virale.
ed infine: positivo alla mononucleosi.

Ora, mi chiedo, sono positivo alla mononucleosi, e so che ora sarò sempre positivo. Ma da questi risultati si può sapere se è ancora attiva ? cioè che sono infettivo con un bacio per intenderci.
Riguarda alla questione virale: quanto è grave questa mononucleosi virale ? perchè da quello che ho capito c'è ne sono 2 versioni: una virale e una batterica.

Infine, linfociti arrivati ? Sono forse legati al fatto che ho i linfonodi leggermente ingrossati ? che comunque di giorno in giorno si stanno riducendo. Penso questo visto che hanno lo stesso prefisso..

Una precisazione: aggiungerei che da domenica, quando le tonsille hanno cominciato a guarire, non ho più avuto febbre, nemmeno una linea, ho ripreso a mangiare qualsiasi cosa, e le tonsille sono in larga parte "rientrate". Sento di avere decisamente più energie di una settimana fa.

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Dalle analisi cui ti sei sottoposto è risultato che hai contratto una mononucleosi. Tale patologia è di origine virale. I virus, aprono la porta ai batteri e, quindi, hai avuto una complicanza batterica. In pratica, la contagiosità cessa al termine della sintomatologia (febbre, mal di gola, scomparsa placche) utile, in questi casi, una ecografia addominale ed un controllo della funzionalità epatica.
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Grazie della risposta tempestiva, mi rincuora sapere che non sono infettivo. Ma stamattina visto che ne ho avuto l' occasione ho fatto un salto dal medico di base per una valutazione preliminare. Ha detto che fortunatamente il fegato non ne ha risentito, ma visto che le IGM dicono positivo alla mononucleosi, secondo lui sono ancora infettivo. Quindi fra 2 settimane rifaccio il monotest e un controllo alle transaminasi per sicurezza, e anche per vedere se questi linfociti si sistemano..

Comunque sentirò anche il parere dell' otorino lunedì.

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sono perfettamente d'accordo su tutto. Ci aggiorniamo.
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
sono tornato dopo un bel pò di tempo, purtroppo.
La visita dell' otorino è andata bene e ha detto che ero in via di guarigione. Per verificare che la mononucleosi fosse sparita del tutto mi ha detto di fare il test Epstein barr dopo una 20ina di giorni per verificare i livelli di IgG e IgM. Mi ha anche spiegato che l' infezione si considera estinta quando le IgG sono maggiori delle IgM.
Il problema è che qualche giorno fa ho fatto il test, ma il risultato è stato IgG = 99 e IgM > 160 KU/L.
Quindi oltre ad essere estremamente fuori scala (il test è nagativo se sono minori di 20), sono anche invertite, quindi l' infizione è di nuovo in atto.
Ma io mi sento assolutamente benissimo, apparte ogni tanto qualche fastidio ai linfonodi dell' ascella..
Dopo aver visto il test, il medico di base ha persino prescritto una test per la laucemia..

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non vedo il motivo per cui si debba pensare ad una leucemia. Purtroppo, ci vuole molto tempo prima che i valori si regolarizzino, dopo una infezione da mononucleosi. Comunque, fammi sapere il risultato dei nuovi esami.
Dr. Raffaello Brunori