Sindrome di meniere , vertigini posizionali

Salve , mi chiamo Paolo e ho 30 anni e circa tre anni mi è stata diagnosticata la sindrome di meniere. Da quasi da due anni non ho più crisi grazie a una dieta che prevede una ridotta quantità di sale (senza quindi averlo eliminato completamente ) l'abolizione completa di alcool, caffè e bevande gassate e un ricco apporto d' acqua.Il problema che mi affligge è invece legato a problemi di vertigini posizionali che mi rendono la vita complicata.In pratica sento degli sbandamenti ogniqualvolta che giro il capo(sia in senso verticale che orizzontale) sia supino che in piedi e questo mi porta ad avere una stanchezza mentale che mi rende difficile una qualsiasi attività lavorativa.Vorrei chiedere se effettuare delle manovre liberatorie possano essere di qualche aiuto e se queste possono essere effettuate su di un paziente affetto da sindrome di meniere.In caso negativo che tipo di cure si potrebbero effettuare???
Naturalmente voglio precisare che sono ben conscio che risulta estremamente difficile solo provare a dare una possibile cura online in quanto nulla è più indicato del rapporto diretto dottore-paziente.
Ringrazio anticipatamento i dottori che riterranno opportuno rispondere e tutto lo staff di medicitalia per lo splendido lavoro che fanno per mantenere online questo sito.

Grazie Paolo
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Prima di tutto, occorre avere una conferma della diagnosi da lei fatta, ovvero di vertigine posizionale benigna. Se cosi' fosse, anche nel suo caso utili le manovre liberatorie ed una terapia riabilitativa posturale. le consiglio, pertanto, di parlarne con lo Specialista che la segue.
Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
Ringrazio innanzitutto il Dott. Brunori per la precisione e la celerità della sua risposta.
Inoltre vorrei chiedere a tutti gli esimi Dottori di questo sito se fosse possibile avere un'indicazione di un ospedale a Roma (possibilmente pubblico ) con un centro di riabilitazione vestibolare al suo interno e/o il nome del Dottore di riferimento.
Chiedo scusa se con questa domanda ho in qualche modo violato una delle regole di questo forum.

Un cordiale saluto

Paolo
[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Per la terapia i questione, si puo' rivolgere presso un qualsiasi Servizio di vestibologia di un Ospedale Universitario della città, quindi Policlinico Umberto I, Policlinico tor Vergata, Policlinico gemelli, etc.
[#4]
Dr. Edoardo Bernkopf Dentista, Gnatologo, Esperto in medicina del sonno 5,5k 190 26
Gentile Paziente, di certo è opportuno che lei sia seguito da uno specialista.
Su Roma ho molta stima del centro del Bambin Gesù di Palidoro, che si dedica anche agli adulti.
Una curiosità: se la diagnosi di origine era sindrome di Meniere (anzitutto: sindrome o malattia?) oltre alle vertigini dovrebbero esserci anche altri sintomi, che però lei non menziona: ci sono?
Tuttavia, poiché il suo disturbo principale permane nonostante le indagini e le cure del caso, le suggerirei di non trascurare una possibile causa di vertigine spesso dimenticata: la disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) . Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione.
La vertigine, di questi sintomi è forse il più tipico. Pertanto le consiglierei di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-la-vertigine-di-pertinenza-odontoiatrica.html

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/745-malattia-di-meniere-e-disfunzioni-dell-articolazione-temporo-mandibolare.html

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#5]
dopo
Utente
Utente
x Dott. Brunori
La ringrazio il per il consiglio provvedero subito a prenotare una visita presso uno degli ospedali da lei indicatomi.

x Dott. Bernkopf
Per quanto riguarda una possibile correlazione della mia patologia con problemi alla ATM avevo già letto sull'argomento compreso i due link che mi avete cortesemente segnalato. Ho effettuato recentemente una visita gnatologica dalla quale è risultato un problema di mandibola retroposizionata. Mi è stato spiegato che la posizione dei denti della mia arcata superiore formano una specie di barriera che non da la possibilità all'arcata inferiore di spostarsi in avanti. Quindi in realtà sto valutando anche questa possibile alternativa.

Ringrazio tutti per i preziosi consigli

Un cordiale saluto

[#6]
Dr. Edoardo Bernkopf Dentista, Gnatologo, Esperto in medicina del sonno 5,5k 190 26
Gentile Signora, la mandibola retrusa è il più tipico quadro occlusale coinvolto nell'ipotesi che ho fatto.
Cordiali saluti ed auguri

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test