Cisti transonica

Buongiorno a Voi,
ho 36 anni, conduco uno stile di vita normale condito da qualche stress nella professione e assumo una alimentazione corretta.
Da una ecografia al collo eseguita il 5 marzo u.s., a causa di un dolore ivi avverito il 2 marzo e acuitosi nei due giorni seguenti, mi è stata riscontrata "nel lobo tiroideo sinistro una cisti transonica di 25 mm con alcuni gettoni solidi che aggettano nel lume. Non lesioni a destra".
L'ecografo mi ha detto che non vi è nulla di preoccupante e che se il dolore persiste non vi è altra possibilità che la sua aspirazione, essendo liquida.
Non sto prendendo nessuna medicina e noto che oggi, a distanza di due giorni dall'esame, il dolore avvertito è decisamente molto lieve, da farmi ritenere che possa quasi scomparire a breve, anche se nel collo un rigonfiamento al tatto lo avverto.
Appreso che se il dolore dovesse persistere non vi è altra possibilità che aspirarla, volevo chiederVi se, in caso di scomparsa totale del dolore, è necessario aspirarla comunque la cisti, oppure può regredire da sola e se la cisti va tenuta sotto controllo con nuove ecografie a distanza di tempo in caso non sia necessario aspirarla. Come ci si può comportare in questi casi?
Ringrazio anticipatamente per la disponibilità.
Con i migliori saluti.

[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32k 1,1k
Prima di tutto, sarebbe necessario che si sottoponesse ad una specifica cura antinfiammatoria, al termine della quale sarebbe utile una nuova ecografia per vederne l'esito.
Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test