Utente
Salve, ringrazio anticipatamente per la disponibilità e mi scuso se ho sbagliato sezione (ero indeciso a riguardo):

Ho effettuato di recente una risonanza a encefalo e tronco per via di una anisocoria dx>sx riscontrata per caso in visita oculistica e persistente in 2 mesi di osservazione. L'unica anomalia rilevata è stata una "cisti da ritenzione mucosa a livello del seno mascellare destro". Aggiungo che negli ultimi anni ho sofferto di lievi dolenzie all'occhio destro e alla parte destra della mascella quando soffrivo di raffreddore e che nel 2011 mi furono diagnosticati il setto nasale deviato (con ipertrofia dei turbinati) e una malocclusione ATM con sublussazione per cui da allora utilizzo un bite notturno fatto dal mio dentista. Non sono stato sottoposto a settoplastica in quanto troppo giovane, mi fu consigliato di aspettare i 25 anni (la mia età attuale). Vorrei sapere se l'anisocoria può dipendere da questa formazione cistica e se possono esserci correlazioni col setto deviato e la malocclusione. Inoltre vorrei un parere sul da farsi: è consigliata l'operazione per una cisti di questo tipo e per il setto deviato? Sono interventi difficili e con decorsi complicati? Potrei effettuare un unico intervento per il setto, i turbinati e la cisti?
Ho programmato col mio medico di base una visita dall'otorinolaringoiatra e una di chirurgia maxillo-facciale e sto valutando un consulto gnatologico, ma viste le tempistiche entro cui riuscirò a fare queste visite volevo un parere per farmi un'idea su quello che mi aspetta, anche per questioni lavorative.
Grazie e buona giornata.

[#1]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, per l'anisocoria di certo gli specialisti che la curano avranno posto in essere quanto é previsto in casi simili.
Tuttavia , nella mia esperienza, ho riscontrato che una potenziale causa di vari disturbi oculari, fra cui l'anisocoria, viene a volte trascurata: Il russare notturno, accompagnato da bruschi risvegli , che rivelano la presenza di apnee nel sonno.
Sarebbe il caso di sapere se questo aspetto la riguarda: la prego di coinvolgere i suoi famigliari nel rispondere a questo quesito, giacché chi dorme può non rendersi ben conto della qualità del suo sonno.
Il fatto che lei rifeisca setto deviato e problemi di sinusite, mi rinforzerebbe questo sospetto.
Sottolineo che, poiché il russare dipende spesso dalla conformazione della bocca, cioè dal tipo di occlusione (o di malocclusione) dentaria che il paziente presenta, questo aspetto potrebbe essere una'altra concausa dell'anisocoria e anche dei problemi di ostruzione nasale.
Il fatto poi che lei riferisca un problema di malocclusione e di ATM contribuisce a chiudere il cerchio: anche queste possono essere concausa di anisocoria.
Se pensa che questo possa essere il suo problema, se crede, me lo faccia sapere.

Dia anche un'occhiata agli articoli linkati qua sotto.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/983-problemi-di-naso-chiuso-a-volte-la-causa-sta-in-bocca.html

http://www.studiober.com/pdf/Diagnostica oculare.pdf
N dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito..".B.:

http://www.studiober.com/pdf/Malocclusioni%20e%20patologie%20respirator
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."


Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente
Non ho mai russato a quanto mi dicono ma ho sofferto di bruschi risvegli e difficoltà nel prendere sonno tant'é che uso spesso farmaci per dormire meglio e da allora il mio sonno è profondissimo..

Ho letto gli interessanti articoli ma purtroppo il mio dentista si è sempre solo limitato a controllare che il bite fosse adatto alle arcate dentali, e dubito che nelle future visite riuscirò ad instaurare una "collaborazione" tra l'otorino (che devo vedere per la cisti e il setto deviato) e il chirurgo maxillo-facciale (a cui voglio far controllare bite e masticazione)

Cosa dice invece degli interventi a riguardo?

[#3]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La figura professionale adatta a controllare bite e masticazione non é il chirurgo maxillo facciale, ma lo gnatologo (prescindendo ovviamente dalle qualità personali).
Sull'intervento al setto é evidente che non si può dire nulla senza un esame diretto del paziente e delle immagini diagnostiche. Se ha letto l'articolo
https://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-di-urgenza-e-pronto-soccorso/98-il-triage-i-colori-del-pronto-soccorso.html
avrà colto l'opportunità di un percorso conservativo prima di intraprenderne uno alquanto invasivo.
Sopratutto il triplo possibile ruolo della malocclusione (sull'ATM, sulla ostruzione nasale e sull'anisocoria) me lo farebbe preferire in prima battuta.
Cordiali saluti.

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com