Acufene di pulsazione

Buona sera, grazie in anticipo del vostro servizio.

Fin da piccolo soffro di un piccolo acufene di pulsazione nell' orecchio destro, che sento solamente quando sbadiglio, oppure quando ho la pressione alta (magari quando faccio sport o faccio sesso).

Due settimane fa durante una notte il volume di questo rumore di pulsazione è aumentato parecchio, e non se ne è più andato via, solo grazie a mia madre ho scoperto che premendo il collo all' altezza dell' orecchio il rumore si placa.

Sono trascorse due settimane ed il rumore non è passato, riesco a dormire ed a farlo smettere solamente indossando una sciarpa molto, ma molto stretta sul collo.

Questa settimana andrò a farmi vedere dal mio medico curante, sto cercando di non farmi prendere dal panico, ma questo problema mi crea una paura tremenda in quanto non sopporto i rumori ripetitivi normalmente, e quest'acufene fisso mi sta veramente facendo impazzire.

Da cosa può essere stato causato? Ritornerà come era prima? Cosa mi consigliate di fare?


Grazie
[#1]
Dr. Edoardo Bernkopf Dentista, Gnatologo, Esperto in medicina del sonno 5,5k 190 26
Gentile Paziente, più che dal medico curante, sarà bene chiedere un consulto ad uno specialista ORL.
Credo però che, trattandosi di un problema di vecchia data ("Fin da piccolo soffro..."), quello che dicono i Colleghi Otorinolaringoiatri, cioé che "gli acufeni sono la loro tomba" rappresenti in qualche modo la realtà nel senso che si tratta di una patologia molto ostica al trattamento.
Vale forse la pena di prendere in considerazione una possibilità spesso trascurata.
L'acufene può essere un sintomo di una disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) : se infila i suoi mignoli nei meati acustici esterni con i polpastrelli verso l’avanti, e muove la mandibola, si renderà conto dell'intimo rapporto fra Articolazione Temporo Mandibolare e orecchio, e di come tale rapporto possa essere potenzialmente traumatico, a seconda che lo stop determinato dall'intercuspidazione dentaria fermi la rotazione all’indietro che il condilo compie quando si chiude la bocca. Questo infatti può avvenire correttamente se il morso è normale, o troppo tardi se il morso è profondo o la mandibola è all’indietro (retrusa). Quando la mandibola è biretrusa il problema tende ad essere bilaterale, quando é (o è anche) laterodeviata, il problema è monolaterale o prevalente da un lato.
Il conflitto con il condilo mandibolare può riguardare anche la Tromba di Eustachio, e partecipare a sostenere il problema anche per questa via.
Purtroppo l'acufene, se non la tomba, è di certo la bestia nera non solo degli Otorinolaringoiatri, ma anche dei dentisti che si occupano di ATM, perché individua un punto di probabile non ritorno di questo aspetto della disfunzione ATM. Anche se l'acufene è monosintomatico , di solito il discorso non vale: è difficile che la disfunzione ATM provochi SOLO un acufene e non altri sintomi.
La invito quindi a considerare se compaiono anche altri sintomi di disfunzione ATM (cefalea, cervicalgia, dolore auricolare e all'ATM, rumori articolari con i movimenti della mandibola, vertigini, russare notturno con apnee, ostruzione nasale ecc.), e di valutare la qualità dell'acufene: costante o con momenti di silenzio, intensità sempre uguale o variabile, tempo di insorgenza . Tenga infine presente che il trattamento prevede l’applicazione di una placca intraorale di riposizionamento mandibolare, opportunamente conformata ad hoc, simile ad un bite, da portarsi 24 ore al giorno (pasti esclusi) per un tempo congruo a poter trarre qualche conclusione sull’efficacia di questo trattamento (almeno 6 mesi, ma per l’acufene può essere necessario più tempo). In questi casi è importante valutare il risultato della terapia sugli altri sintomi riferiti.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-e-disfunzioni-dell-articolazione-temporo-mandibolare-atm.html

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto per la consulenza, ora mi leggerò con pazienza i link che mi ha inviato, e mi informerò meglio delle spiegazioni che mi ha fornito.

Intanto le do un aggiornamento ed una spiegazione più approfondita del problema:
Probabilmente ho ancora qualcosa nell' orecchio, è perennemente otturato e percepisco gli "scrocchi" di quando si ha del cerume all' interno, mentre nei due giorni passati l' acufene ha ancora alzato il volume diventando più forte della televisione.

Il medico curante mi ha consigliato "Otalgan" in attesa di una visita, e devo dire che anche se mi chiude quasi completamente l' orecchio, non sentendo quasi più nulla, abbassa notevolmente il volume dell' acufene, facendomi per lo meno dormire.

Prima che si alzasse di volume, queste pulsazioni le sentivo molto raramente, magari dopo uno sbadiglio sentivo due o tre pulsazioni e smetteva, mentre in queste due settimane sono come un perenne sottofondo che cambia di volume a seconda di come posiziono la testa: se la inclino verso l' orecchio smette per qualche secondo ed il volume si allevia, se la inclino verso il basso (come se devo raccogliere qualcosa da terra) si alza enormemente.
Qualche volta, non capisco ancora il criterio smette per 20-30 secondi per poi riprendere, mentre se premo sul collo sotto l' orecchio smette del tutto, per reiniziare appena smetto di premere. L' episodio più rumoroso fu dopo un notevole sforzo fisico, sentivo il battito del cuore come dei colpi violenti su un vassoio d' alluminio usa e getta. Mentre, mi scusi per il termine, quando rutto sento l' orecchio aprirsi e l' acufene fermarsi per qualche istante.
Per quanto riguarda la mandibola, solamente quando la spalanco quasi del tutto sento dei "click" e come degli scricchiolii da entrambe le parti.

Per quanto riguarda il mio quadro clinico:
-Ho il setto nasale deviato ed un disastro di turbinati, ma potrò operarmi solamente dopo un vaccino in quanto dagli esami sono allergico fuori dal normale verso la polvere.

-Per via del naso quasi sempre occluso ho iniziato a sviluppare un inizio di apnea notturna

-Sono stato in cura da un maxillo facciale per 9 anni, avevo un palato stretto e profondo e la disposizione dei denti che ricordava un quadro di picasso. Ma ora dopo aver tolto due premolari superiori ed anni di cura ho risolto completamente tutto.

-Mi è stata diagnosticata una fibromialgia dopo anni di stanchezza perenne, di dolori che apparivano e scomparivano e che non avevano nessun nesso logico fra di loro, fra cui anche cefalee, cervicalgie, dolori alla schiena, emicranee e fotofobia.

-Non credo che sia rilevante, ma ho avuto anche grandissimi problemi ai piedi dovuti ad un intervento di calcagno stop eseguito male.

Domani il mio medico curante mi visiterà, e prenderò anche un appuntamento da uno specialista ORL.


Grazie ancora.
[#3]
Dr. Edoardo Bernkopf Dentista, Gnatologo, Esperto in medicina del sonno 5,5k 190 26
Gentile Paziente, la sua replica confermerebbe il mio sospetto.
"percepisco gli "scrocchi....; Per quanto riguarda la mandibola, solamente quando la spalanco quasi del tutto sento dei "click" e come degli scricchiolii da entrambe le parti".
Il click è segno di una incoordinazione condilo.meniscale: il disco (o menisco) che si interpone fra il condilo mandibolare e la fossa nella quale si muove , in chiusura non segue il tragitto del condilo ma rimane dislocato in avanti. Aprendo la bocca il condilo ricattura il menisco e genera il rumore di click.
Si tratta di una situazione instabile e potenzialmente pericolosa , perché ad un certo punto, improvvisamente il menisco si può incastrare davanti al condilo e la bocca non si può nè aprire più di un paio di centimetri , né chiudere , perché il dolore lo impedisce.

"-Per via del naso quasi sempre occluso..."
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/983-problemi-di-naso-chiuso-a-volte-la-causa-sta-in-bocca.html

"ho iniziato a sviluppare un inizio di apnea notturna"
http://www.studiober.com/pdf/Malocclusioni%20e%20patologie%20respiratorie%20ostruttive.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

"cefalee, cervicalgie, dolori alla schiena, emicranie "
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

"dopo aver tolto due premolari superiori ed anni di cura ho risolto completamente tutto."
Il trattamento con due estrazioni superiori può portare ad un ottimo risultato estetico, ma é molto pericoloso per le complicanze sull'ATM che può dare anche dopo molti anni.

Cordiali saluti ed auguri

L'acufene (o tinnito) è un disturbo dell'orecchio che si manifesta sotto forma di ronzio o fischio costante o pulsante. Scopri i sintomi, le cause e i rimedi.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test