Utente
Da circa un anno forse più ho iniziato ad avere del catarro denso che sento formarsi dietro la gola, il quale no riesco ad ingoiare il più delle volte e che quindi espello scatarrando.
Il settembre scorso mi sono operato di sinusite mascellare sx, l'operazione è andata bene, ma con mia sorpresa il problema è rimasto, con la differenza che questa sostanza che continuo a espellere è cambiata di colore da gialla, verde è diventata bianca pulita, sempre densissima, che non riuscendo ad ingoiare mi costringe a scatarrare continuamente con tutti i problemi di ordine relazionale che la cosa comporta.
Non escludo che la cosa possa avere un origine psicologica, forse legata allo stress per la mia situazione attuale di disoccupazione con problemi annessi e connessi, resta però il fatto che questa saliva è densissima tanto che a volte faccio fatica anche a sputare, parlo della saliva retrostante la gola, mi sembra che quella in bocca sia normale. Se no fosse per il colore sembrerebbe proprio catarro.
Ho 56 ani ed in passato ho sempre sofferto di problemi alle vie respiratorie superiori, ho subito a 14 anni l'asportazione delle adenoidi e anche allora la rimozione della sinusite mascellare, a 27 anni una rinoplastica e devo dire che da allora respiro un po' meglio e l'ultimo intervento prima accennato.
Dimenticavo spesso dopo qualche minuto che parlo mi secca la gola con variazione della voce, cosa che mi ha creato qualche problema nei colloqui di lavoro.
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Giuseppe Murruni

24% attività
0% attualità
8% socialità
GIUSSANO (MB)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente dalla sua descrizione si può agevolmente dedurre che non vi sono problemi di salivazione, ".......parlo della saliva retrostante la gola, mi sembra che quella in bocca sia normale. .....", ma di uno scolo di muco o mucopus retro-nasale in faringe. Avendo già subito un intervento per sinusite è logico pensare ad uno scolo di muco proveniente dalle cavità naso-sinusali. Il mio consiglio è quindi di rivolgersi agli specialisti della struttura dove è stato operato, che conoscono il suo caso e che potranno valutare l'eventuale persistenza o recidiva dei problemi sinusali.
Dr. Giuseppe Murruni