Utente
Da fine Marzo dell'anno scorso ho cominciato ad avvertire delle vertigini. In concomitanza, ma non ne sono sicuro, ho cominciato ad avvertire un leggero sibilo/ronzio, a cui comunque avevo prestato poca attenzione (magari ce l'avevo anche prima...). Durante l'estate ebbi una prima visita otorino, mi fu fatta fare una RMN con contrasto, con esito negativo. Durante questa visita quando mi fu chiesto se sentivo dei ronzii, addirittura risposi di no, perchè pensavo fossero rumori di sottofondo "normali", anche se alla seconda visita dissi che, effettivamente, li avevo. Da notare che nel frattempo continuavo ad avvertire le vertigini, ma in modo meno intenso. In pratica, quando mi coricavo o alzavo dal letto o muovevo il capo, sempre da coricato.Nei primi mesi mi capitava invece di provare vertigini anche alzando la testa e guardando in alto, magari un libro in libreria sistemato un po' più in alto. La prima otorino, per le vertigini, mi dette del fluxarten e alanerv. Sinceramente non ebbi nessuna modifica. Un secondo otorino, da cui mi dovrò fare operare ai turbinati nasali inferiori ( problema che ho forse da sempre, o cmq da moltissimi anni ), per le vertigini mi dette qualche foglio con della ginnastica da fare, mentre quando gli chiesi per gli acufeni ( allora cmq sopportabili ), mi disse seccamente di lasciar perdere. Devo dire che rimasi perplesso per questa risposta. Senonchè, qualche settimana fa, improvvisamente, ho cominciato ad avvertire un fischio molto più intenso... un incubo! Non ho dormito per 3 notti, depressione totale, e visita presso un terzo otorino, il quale, a dire il vero, mi ha fatto passare in una seduta le mie vertigini posturali, con dei movimenti secchi sul lettino. Si è meravigliato che i precedenti oto non avessero fatto lo stesso, mentre per gli acufeni mi ha dato un ciclo di 10 punture di Dobetin 5000 e 30 gg di Tiobec 400 ( 2 capsule al dì). Dopo 22 gg, non ho tratto nessun beneficio, e, se in un primo momento il dott. mi aveva detto che se non andava questa, ci sarebbero state altre terapie, l'ultima volta che mi ha visto ( in maniera veloce ), non sembrava più parlare di altre cure. Mi ha consigliato di mettere una radiolina gracchiante sul comodino per dormire... Premetto che da molti anni ( almeno una decina ), ho un'ipoacusia all'orecchio dx ( dove mi pare di percepire l'acufene) con perdita di 30/40 db sui 2000, 50/60 sui 3000, 40/50 sui 4000, 30 sui 6000. Non so da cosa sia originata, l'ho scoperto per caso dopo una visita di lavoro più di 10 anni fa. Inoltre a febbraio/marzo ho subito l'estrazione del dente del giudizio in alto a destra ( ed è il periodo in cui ho cominciato ad avvertire vertigini e il primo ronzio ), e sempre su quel lato ho dovuto devitalizzare un dente tenendo la bocca aperta per 1 oretta quasi.
Da anni avevo frequenti mal di testa, anche 1 o 2 volte alla settimana, ma da quando ho cominciato ad avere le vertigini, non li ho più avuti.Pochi giorni fa ho sentito di persone che hanno risolto il problema con una cura a base di una terapia flebologica a base di mannitolo, un diuretico ed un farmaco corticosteroide. Da qualche parte ho letto che non è necessario avere tutti i sintomi ( vertigini, ovattamento, acufeni, ipoacusia ) e può risultare efficace anche per uno solo di questi... Intanto non posso dormire più con la mia compagna, perchè ho bisogno della tv accesa e a quel punto è lei che non riesce a dormire... ( non vorrei ricorrere alle cuffiette...). Possibile che non ci sia niente da fare, a parte la TRT ( che cmq non sembra poi così efficace )? Ho sentito di persone che hanno risolto il problema perchè la causa era catarro accumulato. Ma come si fa a diagnosticare questa presenza di catarro? I turbinati possono avere attinenza? Tra l'altro a settembre il mio colesterolo era a 300 e i miei trigliceridi a 284 ( mangio dolci a bizzeffe ). A gennaio sono riuscito ad abbassare il col. a 244, ma i trigliceridi sono addirittura aumentati a 297. Ho 35 anni.
Grazie e saluti

[#1]  
Attivo dal 2006 al 2009
Non è molto facile districarsi in una patologia così complessa come gli acufeni, lei presenta colesterolo e trigliceridi alti una dieta ricca in verdure fresche, cotte, prive di zuccheri, grassi, sarebbe opportuna. Possiamo assimilare gli acufeni ad una nevralgia del nervo acustico, provocata da agenti virali e batterici. Ragionando in questa maniera, forse si riesce a districare il problema degli acufeni, anche perchè ogni terapia va sempre ad inibire il sintomo, invece si deve cercare chi provoca il sintomo.
Saluti moschinialberto@medicitalia.it

[#2]  
Dr. Andrea Muzza

24% attività
0% attualità
12% socialità
SAVONA (SV)
LOANO (SV)
FINALE LIGURE (SV)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
la storia è davvero complessa, i risultati dell'esame audiometrico non sono completi, mancano le basse frequenze!!
ho l'impressione che potrebbe trattarsi di una sindrome menieriforme o di una vertigine emicranica, per il "catarro" nell'orecchio basta la clinica e un impedenzometria.
mi faccia sapere. a muzza
Dott. Andrea Muzza
Specialista in Otorinolaringoiatria
Dirigente Medico I livello Ospedale San Paolo Savona
www.andreamuzza.it

[#3]  
Dr. Silvio Presta

28% attività
0% attualità
4% socialità
FOLLONICA (GR)
SERRAVALLE PISTOIESE (PT)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Purtroppo non esiste terapia specifica, nè eziologica nè sintomatica, per gli acufeni. Vi sono alcuni dati che sostengono la possibile utilità di alcuni inibitori selettivi del reuptake della serotonina, solitamente usati come antidepressivi o antiansia, nei casi di acufeni in corso di sindrome di Meniére. A volte si ottengono dei benefici utilizzati prodotti che agiscono sul microcircolo, quali nicergolina, pentoxifillina, gimko biloba, o con antiistaminici quali cinnarizina.
Cari saluti
Silvio Presta
Silvio Presta