Linfonodo iperplasico parotide

Buon pomeriggio,

vi scrivo per chiedervi un consulto su un'ecografia al collo effettuata il mese scorso, a seguito di fastidi che avvertivo e avverto tutt'ora - dietro e dentro l'orecchio (piccoli dolori discontinui nel tempo e assimilabili al fastidio dell'otite) e sotto la mandibola dx. Il risultato dell'ETG è il seguente:

Nel contesto della parotide dx - polo inf. - due linfonodi iperplasici reattivi di 8 e 7 mm.
Ecostruttura normale sia della parotide sia della sottomandibolare dx.
Linfonodo di 6.5 mm in sede sottoauricolare dx.
(In sede ascellare dx., linfonodo reattivo di 9.2 mm)
Ghiandola tiroidea a profili parietali conservati, con ecostruttura omogenea.

Specifico di essermi sottoposta nell'aprile scorso a tampone faringeo con esito negativo e ad emocromo completo, risultato essere con valori del tutto nella norma. A questo punto non essendoci un'infezione in corso non riesco a comprendere tali fastidi da cosa derivino.
Inoltre, forse a causa del linfonodo sottoauricolare ingrossato, avverto dolore (sopportabile) all'interno dell'orecchio dx (come sopra descritto) e, sempre dietro l'orecchio dx, avverto un senso di pressione. Ultimamente, i dolori descritti si stanno localizzando anche all'interno dell'orecchio sx. Cosa devo pensare? Mi sto preoccupando, visto che i fastidi non se ne vanno e anzi si stanno estendendo anche al lato sx del corpo. I medici consultati finora si sono limitati a minimizzare. Ho necessità di capire.
Se può esservi d'aiuto, nel gennaio scorso, a seguito di precedente emocromo, sono risultata positiva al Cytomegalovirus (IgG, valore 33,00) e al VCA (virus capsid. EBV, IgG valore 4,47). Nell'emocromo effettuato invece nell'aprile scorso, invece, questi valori sono rientrati nella norma.
Ringrazio per l'attenzione.
Saluti,
Germana
[#1]
Dr. Edoardo Bernkopf Dentista, Gnatologo, Esperto in medicina del sonno 5,5k 190 26
Gentile Paziente, poiché il suo problema perdura, le consiglio di considerare anche un'ipotesi solitamente trascurata: può essere utile considerare l'opportunità di rimuovere l'eventuale conflitto tra i condili mandibolari e le orecchie.
Una malposizione mandibolare , indotta da una malocclusione dentaria, può provocare anche un traumatismo cronico sull'orecchio da parte del condilo mandibolare, come si può il più delle volte chiaramente apprezzare con la palpazione endoauricolare, infilando cioè i propri mignoli nelle orecchie e aprendo/chiudendo la bocca. Il continuo stimolo nocivo nei confronti dell'orecchio, che si ripropone ogni volta che l'individuo deglutisce, mastica o chiude comunque la bocca, può provocare dolore (otalgia), e finire per predisporre anche alla superinfezione e all'instaurarsi delle otiti ricorrenti e croniche.
Questo conflitto, se presente, può interessare non solo il Condotto Uditivo Esterno (CUE), ma anche la tuba (quel tubicino che mette in comunicazione l'orecchio medio con il retrobocca), posto che nel cattivo funzionamento della tuba c'é la chiave interpretativa della maggior parte delle otiti, come anche della predisposizione di alcuni pazienti a soffrire periodicamente di vari disturbi all'orecchio simili a quelli che lei descrive.
Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici o non se ne trova la soluzione, è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione. Il dolore inspiegabile all’orecchio di questi sintomi è fra i più tipici.
Per meglio comprendere le dinamiche descritte, può aprire questo link:

http://www.studiober.com/patologie/patologia-dellorecchio/

Per tutto ciò le consiglio di consultare anche un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) e di rapporti fra questa e l’orecchio: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità .
Anche il coinvolgimento della Parotide, significativamente nello stesso lato dell'orecchio più coinvolto, può essere un'altra conseguenza di una malocclusione dentaria con malposizione mandibolare: Il massetere di quel lato, che risulta più contratto, aumenta la dimensione del ventre muscolare e comprime così il dotto escretore della parotide (dotto di Stenone), che decorre in intimo contatto con il muscolo. Ciò causa ristagno salivare e gonfiore.
Le suggerirei anche di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-dei-denti.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1217-parotite-ricorrente-e-calcoli-salivari-colpa-dei-denti.html

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test