Utente 546XXX
Buonasera,
sono la mamma di un bambino di 4 anni che, a seguito di una otite media, ha una paresi facciale lato destro dal 10 aprile 2019. Abitiamo all`estero e mio figlio e`stato operato di adenoidi.

Inoltre, e`stato inserito un drenaggio nell`orecchio destro, dopo incisione del timpano (entrambe le orecchie) a causa del ristagno di liquidi. Dimessi con il solo antibiotico di carattere batteriostatico, abbiamo portato il bambino a Verona. L`otorino che lo ha visitatao ha presritto cortisone bentelan e clenil in aerosol piu` antibiotico Zitromax fino al 30 maggio. Crema e gocce oftalmiche per l`incompleta chiusura dell`occhio.

Secondo l`otorino la paresi e`di tipo II.

La paresi c`e`ancora ed e`evidente quando il bambino ride, piange o e`stanco. In questi ultimi 3 gg mi sembra addirittura peggiorato. È molto gonfio e la differenza tra i due lati del volto è assai evidente.

So che sono cose lunghe, ma preferirei avere un parere da un esperto per sapere se la paresi e`in via di remissione e se questo decorso appare normale. Infine, se è opportuno prenotare visita anche dal neurologo e richiedere un’altra risonanza per vedere se il nervo sta recuperando.

Grazie. Cordialmente

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi sembra, da cio' che descrive, che tutto stia procedendo normalmente: La terapia prescritta mi sembra idonea per il caso del Bambino. Consiglio comunque una visita anche da parte di un Neurologo: sarà questi a decidere sull'utilità di accertamenti come una RM.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente 546XXX

Grazie della celere risposta. Immagino che la ripresa non sia lineare, ma il gonfiore è un sintomo normale di un normale decorso verso la guarigione?
Grazie

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Senza poter vedere il Bimbo, credo di si.
Dr. Raffaello Brunori