Otite che non passa con antibiotico

Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e dal 25 dicembre accuso uno strano fastidio all'orecchio.

Il 25 dicembre ho avvertito un fastidio all'orecchio destro, come se mi stesse spuntando un brufolo nel padiglione auricolare. Sono andata alla guardia medica e il dottore mi ha prescritto un Augmentin per 5/6 giorni. L'ho preso fino dal 25 al 31, poi ho interrotto perché i sintomi mi erano passati. Dopo soli tre giorni questo fastidio all'orecchio è tornato. Voglio precisare che non prendo l'antibiotico molto spesso e ho curato altre otiti in passato con questa posologia, quindi non mi spiego perché questa cura non abbia funzionato...
Comunque, il 4 gennaio sono andata dal mio medico di famiglia per controllare l'orecchio il quale mi ha prescritto il Macladin per 7/10 giorni e delle gocce auricolari in quanto l'orecchio appariva ancora rosso. Al secondo giorno di Macladin ho avvertito un dolore lancinante al fianco che mi ha costretta a letto per due giorni (non riuscivo a dormire di notte e mi contorcevo nel letto senza trovare pace.) Inizialmente ho pensato di avere l'appendicite, ma dopo aver preso un'altra dose di Macladin il dolore è tornato più forte e ho capito che si trattava di un effetto collaterale dell'antibiotico. Ho contattato il mio medico che mi ha invitato a interrompere l'uso degli antibiotici e a riprendere la cura dopo due giorni con l'Augumentin. Il dolore al fianco mi è passato solo dopo aver preso degli spasmex e dei fermenti lattici. Ho ripreso l'Augumentin ieri sera, ovvero il 10 gennaio, ma sembra che il dolore al fianco torni e ho paura di sviluppare dei dolori tremendi come quelli dovuti al Macladin. Mi ha visitato un terzo medico il quale mi ha detto che ho il colon irritato e mi ha consigliato di interrompere l'antibiotico del tutto, nonostante l'orecchio sia ancora infiammato.

Non so che fare! Da un lato ho paura di aver sviluppato un antibiotico-resistenza (non so se sia possibile in tempi così brevi), dall'altro non ho né pus nell'orecchio, né mi fa male al tatto, né ho avuto episodi di abbassamento dell'udito, né ho altri sintomi legati all'otite se non un fastidioso ronzio in assenza di rumori quindi mi chiedo perché i 6 giorni di Augmentin non siano stati efficaci. Oltre al ronzio, ho solo un fastidio all'orecchio che si tramuta in dolore, anche se sopportabile. Ho paura di poter sviluppare problemi più seri... Ho letto anche di perdita dell'udito e non riesco a non essere in ansia. Cosa dovrei fare? Dovrei continuare con l'antibiotico anche se c'è la possibilità che sviluppi nuovamente il dolore al fianco o abbandonarlo? E a quali altre cure, non antibiotiche, potrei sottopormi?

Sono terrorizzata dalle conseguenze anche perché ho già dovuto rinunciare a degli esami universitari perché non nello stato fisico giusto per sostenerli.


Aspetto pazientemente una risposta, grazie per l'attenzione.

Cordiali saluti.
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Il consiglio che posso darle a distanza è quello di farsi visitare da uno Specialista e per una diagnosi certa e per approntare una specifica cura. Dobbiamo capire se stiamo parlando di una otite esterna o media e se di una forma batterica o meno. Si puo' rivolgere anche ad uno Specialista di un Pronto Soccorso.
Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta! Il mio medico ha parlato di otite esterna.. Io nel dubbio ho prenotato una visita dall'otorino giovedì, ma nel frattempo non so se continuare con l'antibiotico o meno.. Sicuramente il dolore mi passa dopo alcuni giorni di antibiotico e quantomeno mi aiuterebbe a non sviluppare ulteriore dolore. Lei cosa mi consiglia?
[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Se non ha ancora effetti collaterali, dovrebbe continuare la cura antibiotica, altrimenti la interrompa ed utilizzi solo un antinfiammatorio per via orale

Dr. Raffaello Brunori

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test