Utente 637XXX
Gentile dottore,
le scrivo con molta ansia e spero in una sua gentile risposta.
Ho un bimbo di 2 mesi e da un po' di tempo ho notato dei comportamenti strani nel bambino.
In primis non dorme affatto di giorno, massimo 1 (ora ( 20 min) al mattino e lo stesso al pomeriggio. Tranne ieri, giornata in cui non ha chiuso occhio. Inoltre quando dorme di giorno si sveglia spessissimo ( sembra spaventarsi nel sonno).
La notte dorme però, la sera si addormenta verso le 20 e si risvegli intorno alle 7/8 del mattino. Chiaramente si sveglia dalle 3 alle 4 volte per poppare.
E' normale che un neonato non riposi durante il giorno?
Ancora, lo vedo spesso agitato durante il giorno e anche nel sonno notturno. Muove continuamente la testa e le gambe ed emette piccoli lamenti. Inoltre a volte quando lo attacco al seno si innervosisce e tira con forza il capezzolo, stringendo le gengive e diventando rigido.
Il mio pediatra mi ha dato Mylicon poichè sospetta le coliche. Infatti puntualmente ogni tardo pomeriggio inizia a piangere inspiegabilmente.
Solo da una settimana però ho notato che rigurgita durante il giorno. La notte poi deve accadergli la stessa cosa perchè lo sento ingoiare e quasi perder fiato. Fa frequenti ruttini dopo aver poppato, anche a distanza si tempo.
Cosa gli sta succedendo dottore? Io sono molto in apprensione. Cosa posso fare?
La ringrazio in anticipo per l'aiuto che vorrà fornirmi.

[#1]  
40088

Cancellato nel 2010
Gentile signora,
Lei dice il bambino "rigurgita"; per Rigurgito si intende emissione di una piccola quantità di latte dopo la poppata; esso non provoca alcun fastidio.Se invece il latte viene emesso a distanza dalla poppata,essendo ormai parzialmente digerito e quindi acido, provoca nel lattante bruciore e dolore a livello dell'esofago; in questo caso si tratta di Refusso Gastro-esofageo. Se il suo bambino presenta questo disturbo, si spiega il fatto di essere agitato e di lamentarsi. Eventualmente, per il reflusso Gastro-esofageo c'è una cura efficace e risolutiva, che Le prescriverà il suo Pediatra.
Nel pomeriggio è probabile che il suo bambino presenti anche le famose "coliche gassose serali"(ne soffre il 50% dei piccoli lattanti), che passano con la semplice somministrazione di Alginor gocce pediatriche; anche per le coliche, chieda al suo Pediatra.
Mi faccia sapere.
Cordialmente

[#2] dopo  
Utente 637XXX

Gentile dottore,
stamattina abbiamo portato nostro figlio, dietro consiglio del pediatra di base, in pediatria per effettuare dei controlli in merito a quanto le ho esposto precedentemente.
in seguito ad esame urine i medici hanno riscontrato una cistite in atto (il bambino non ha avuto mai febbre e non lo avrei mai immaginato). Segue terapia antibiotica.
Mi chiedo: può dipendere quindi da questo problema l'irrequietezza del bambino nel sonno, lo scarso aumento di peso delle ultime 2 settimane (260 gr)?
Non le avevo detto inoltre che al momento della nascita hanno riscontrato nel bambino una pielectasia sx.
Ma questo cosa vuol dire, che mio figlio dovrà fare esami per le urine e cure antibiotiche a vita? La pielectasia può solo peggiorare? (alla nascita era 0,7 mm; ad oggi 0,15 mm). Nel caso aumenti il valore, come si interviene? E' così grave?
La ringrazio per la disponibiltà.
Cordialmente

[#3]  
40088

Cancellato nel 2010
Gentile signora,
mi dispiace ma non posso risponderle;
proprio oggi ho chiesto la cancellazione dal sito
Medicitalia per divergenze col direttore in merito al modo di esercitare la consulenza medica per E-mail.
Cordiali saluti e auguri.

[#4]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
a scanso di equivoci, mi permetto di intervenire comunicando che le divergenze riguardano il divieto assoluto per noi medici sia di fare una diagnosi di certezza che di prescrivere farmaci on-line.
Tale divieto non lo impone Medicitalia, ma la Legge e il nostro Codice Deontologico.

Le rammento quindi che Lei, come ogni Utente, può chiedere consigli, ma non la validità o meno di una diagnosi o di una terapia che un medico ha prescritto visitando il paziente. Lei può non saperlo ed è giustificata, ma il medico di Medicitalia deve astenersi e deve correttamente informare gli utenti che facessero tali richieste. Cosa che non ha fatto il pur bravo collega Mariggiò.

Cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano