Utente 838XXX
Buongiorno dottore,
sono la mamma di un bimbo di quasi un anno, nato alla 37+1 sett. con parto naturale, mai allattato al seno ma cresciuto sempre molto bene. Alla nascita pesava 2500 lung. 48, ora è alto 78 cm e pesa 9850.
E' un bambiono molto sveglio e attivo, afferra gli oggetti gioca ride ma ha un problema, non porta niente alla bocca tranne il ciucio e a volte il biberon dell'acqua.Non mangia alimenti solidi, come gli offro pezzi di cibo chiude la bocca o si fa venire l'urto del vomito, mentre le sue pappe le mangia molto volntieri.Non prende biscotti, pane, o altro, afferra tutto ma non pensa minimamente di metterli in bocca.Sono preoccupata, è un problema serio? Un altra domanda, da qualche giorno, come vede le persone estrane piange e si attacca morbosamente a me, é normale? Ultimamente ha fatto 3 vaccini in circa 4 mesi, non vorrei che sia rimasto traumatizzato... Cmq quando prende confidenza ride e scherza, è un bimbo molto solare.Dottore la ringrazio per la sua risposta sperando che mi possa dare un aiuto, tanti bimbi della sua età mangiano quasi tutte le nostre cose e si portano gli alimenti alla bocca, perche lui no? Buona giornata

[#1]  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
16% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Lo sviluppo psicomotorio a quanto dice sembra regolare.
La reazione all'estraneo, tipica dall'VIII mese, è un segno di distinzione fra persone conosciute e no, e fa parte dello sviluppo normale. Con l'esperienza dovrebbe poi diminuire, pur se resta una reazione di difesa della specie, base della prudenza che non guasta mai di fronte alle cose sconosciute, anche se può essere controproducente se esagerata.
Anche la reazione al cibo nuovo fa parte del quadro, le nuove abitudini fanno sempre un po' fatica a sostituire quelle vecchie. L'unica è avere pazienza e resistenza, e far prendere le abitudini adatte all'età e più comode per il futuro. Ovviamente ogni novità comporta un po' di lavoro per accettarla.
Parli comunque dei suoi dubbi al pediatra.
Cordialmente
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/