Utente 771XXX
Buongiorno Dottori,
vi scrivo per il mio bambino: è un maschietto ed ha 35 giorni...

Fin'ora è sempre stato benissimo, al bilancio del mese il pediatra ci ha detto che è davvero un bel bimbo, sta sulle curve massime di crescita, è vivace e attento...

L'unico problema è che da una decina di giorni non fa più la cacca. Nel senso letterale del termine: non ne fa neanche una goccia. Preciso che è allattato al seno dalla mamma e non prende altro tipo di nutrimento...

Al bilancio del mese, abbiamo parlato del problema col nostro pediatra, ma il bambino non evacuava solamente da due giorni.. Ci ha detto di aspettare almeno fino al quarto giorno e in caso non avesse avecuato di fare un microclistere (quelli naturali presi in farmacia: malva e camomilla).

Col microclistere ha evacuato, poi più nulla per altri quattro giorni... Altro clistere e pochissima cacca... Più o meno il contenuto di mezza tazzina di caffè.. Il nostro pediatra (sentito solo al telefono perchè assente) dice di non preoccuparsi e di attendere altri tre/quattro giorni per vedere la situazione.. Il problema è che noi siamo molto preoccupati, il bambino da ieri mangia pochissimo (forse si sente gonfio?) e non sappiamo cosa fare...

Ci sembra anche strano che debba essere sempre aiutato ogni 4 giorni con un clistere... Non gli farà male a lungo andare?

Preciso che fin dalla nascita ha sempre evacuato benissimo... Anche un paio di volte al giorno... Prima il meconio e poi la cacca da latte... Il problema c'è da una decina di giorni... Non sono intervenute modifiche di alcun tipo, nè sull'alimentazione nè sui ritmi di vita..
L'unica cosa forse importante da segnalare è che ha (quasi dalla nascita) forti coliche gassose... Continua a fare aria e a lamentarsi per il male, soprattutto la sera... Che possa essere colpa delle coliche?

Vi prego aiutateci perchè siamo davvero preoccupati...

Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Enrico Polito

24% attività
16% attualità
12% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Il problema della stitichezza è abbastanza diffuso anche con un'alimentazione naturale. Certo vanno esclusi altre cause, per cui va visto dal Suo pediatra o suo sostituto.
In caso di semplice stitichezza a volte basta che la nutrice (in questo caso Lei stessa) aumenti l'apporto di liquidi nella sua dieta, magari aumentando anche le fibre, inoltre il disturbo generalmente è transitorio, dettato magari da semplici variazioni climatiche.
Cordialità.
Dr. Enrico Polito

[#2] dopo  
Utente 771XXX

Buongiorno Dottore e grazie della risposta.
Il nostro pediatra sostiene che la difficoltà ad evacuare del piccolo sia conseguenza dell'aria imprigionata dell'intestino (infatti ha, come dicevo, frequenti e violente coliche). A conferma di questa tesi, il pediatra sostiene che deve essere controllata la consistenza delle feci. Se liquide (come appunto nel nostro caso) non si parla di vera e propria stitichezza ma di difficoltà ad evacuare per altra causa.

Il pediatra ci ha consigliato succo di prugne bollite (filtrato) con una punta di miele, 40cc ogni due giorni. Se al terzo giorno il bambino non evacua fare predetta con malva, glicerina e camomilla...

Lei cosa ne pensa? Ma davvero dobbiamo essere lì ogni tre giorni con una peretta? Anche se si tratta di perette "naturali" non è che alla lunga possono produrre +effetti negativi sul bimbo?

Grazie infinite anticipatamente per la cortese risposta che vorrà darci!