Utente 169XXX
Gentili medici spero che mi darete un consiglio perchè nn so più come comportanrmi. Mia figlia ha 23 mesi, non è mai stata una grande amante dei latticini in generale ma la mattina prendeva sempre 200-250ml di latte, pastina con formaggino o grana la sera e uno yogurt a merenda. Invece, da una settimana a questa parte ha iniziato a rifiutare completamente il latte. Appena vede che glielo preparo comincia ad urlare che nn lo vuole. Ho provato a metterci il cacao, i biscotti, darglielo con la cannuccia, farglielo bere da sola col cucchiaino, coi cereali...ma nulla da fare, diventa isterica! Rifiuta anche gli yogurt, la pastina col formaggino ne mangia poche cucchiaiate. Fosse per lei mangerebbe sempre e solo cose che non le fanno bene. E oltre al latte rifiuta la verdura, la frutta. Ma per la verdura riesco ad ovviare mettndola tritata nelle polpette o nella minestra o nel sugo. Mangia carne, pesce, pane e vuole sempre le merendine. Ho provato ad essere ferma e a non darle nient'altro se non ciò che voglio che mangi ma lei è capace di digiunare fino a quando nn sente la fame e fino a diventare isterica perchè vuole solo le cose ke le piacciono! Non ha mai avuto segni di intolleranze, quando assumeva i latticini e il latte è sempre stata bene, niente diarrea o sfoghi cutanei. La bimba cmq sta bene, cresce, pesa 14,4kg x 92cm. Cmq, se può servire, da quando nn beve più il latte è anche più inappetente in generale.
Cosa mi consigliate? Magari esistono integratori di calcio per casi come questi? Grazie in anticipo!

[#1] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Gentile mamma,
esistono ottimi integratori di calcio,
ma il problema rimane alla base e cioè è che la bambina decide cosa mangiare o meno.
quindi il problema mi sembra più relazionale nei confornti del cibo che non altro.
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)

[#2] dopo  
Utente 169XXX

Gentile dottor Giacchetti, la ringrazio per la sua risposta. Concordo con Lei sul fatto che la bimba decida cosa mangiare e cosa nn mangiare ma anche volendo non possiamo forzarla ad oltranza. Ci abbiamo provato, o mangiava ciò che le avevo preparato o niente, ma lei digiunava pur di non accontentarmi! Oltretutto si sveglia la notte con il desiderio di mangiare ciò che le piace, banane, cioccolata, pane e olio, ma ovviamente nn l'accontento! Cmq sia la mia unica preoccupazione rimane l'apporto di calcio e nutrienti che dovrebbe assumere col latte e latticini ma che lei nn mangia...Che fare?

[#3] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
allora si faccia consigliare dal suo pediatra un polivitaminico contenete calcio
cordiali saluti
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)

[#4] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Gentile signora, i latticini non sono necessari nell'alimentazione.
La nostra è l'unica specie animale sulla faccia della terra ad aver introdotto i latticini nella nutrizione, dopo l'età dello svezzamento.

L'apporto di calcio necessario è assicurato da tutti gli altri alimenti.

"Chi ha una dieta ricca di proteine, in particolare di proteine animali, cioè di carne e latticini, elimina una maggiore quantità di calcio con le urine." scrive il dr Salvo Catania nel suo blog anche se non in riferimento alla pediatria.
E continua così:
"Ciò è dovuto al fatto che le proteine sono acide e le proteine animali sono più acide di quelle vegetali (...) per cui tendono a rendere il sangue più acido, il che obbliga l’organismo a reagire tamponando la maggiore acidità mediante la liberazione di sali basici di calcio dalle ossa. (...)
La raccomandazione elementare dei medici, basata su un ragionamento ingenuo ma non suffragata né da osservazioni cliniche, né da esperimenti, è quindi semplicemente sbagliata."

Non si preoccipi quindi se rifiuta il latte.
Ne parli con il suo pediatra e un esperto nutrizionista.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#5] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Che le proteine possano essere prese nella dieta oltre che dal latte anche da altri alimenti e' dfuor di dubbio.
che un' alimentazione di in bambino di 23 mesi possa fare a meno di latte e derivati, frutta e verdura come la mamma scrive è assolutamente sbagliato. che infatti.bisogni rispettare anche i gusti del bambino ciò non toglie che ci siano alimenti che non possano essere sostituti solo dalla carne o dalle merendine.
Come il collega posso essere d accorso sulla.non necessarie' della integrazione del calcio 23 mesi; ma ricordo che il paragone con l' adulto proprio non regge in quanto un bambino di 23 mesi.é un essere.in rapida evoluzione e questo e vero quanto più il bambino é piccolo. Nel lattante infatti nei primi 12 mesi di vita si consiglia l assunzione di vitamina d innsupplementazione.
Un saluto
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)